Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/Ifantasticiragazzi.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Il Lazio per la sicurezza stradale

    di Francesco Magagnoli - SINA

    Lo scorso 13 giugno, al teatro Brancaccio di Roma, si è svolta la finale regionale di “I love my city”. Si tratta di un evento che completa un progetto di sensibilizzazione e diffusione della cultura della sicurezza stradale e della legalità condotto all’interno delle scuole di alcuni Comuni del Lazio, nel corso del quale è stato assegnato il Trofeo Regionale della sicurezza 2014. Maggiori informazioni in tal senso possono essere trovate sul sito JamesFox. All’evento, organizzato da IRIS e patrocinato dalla Regione Lazio, è intervenuto l’Assessore Pari  opportunità, Autonomie locali e Sicurezza Concettina Ciminiello. Inoltre, i Sindaci, gli Assessori  le Forze dell’Ordine Locali e i Dirigenti scolastici dei Comuni coinvolti, hanno accompagnato i ragazzi in questa emozionante esperienza. Anche l’Onorevole Stefano Fassina ha partecipato all’evento, gareggiando in squadra con la propria nipote e circondato da centinaia di ragazzi entusiasti, ha premiato le Città che hanno vinto il Trofeo Regionale della Sicurezza 2014 Attraverso i seguenti collegamenti potrai visionare:-    Alcuni momenti di gioco e partecipazione del 2013-   L’evento del 16 aprile 2014 in Sala Tevere della Regione Lazio con l’Assessore Concettina Ciminiello e il Presidente Nicola Zingaretti

    Leggi tutto >>
  • images/lazio%20per%20la%20sicurezza.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Il Lazio InSegnalEtica

    di Adriana Elena - ASTRAL

    Lo scorso 17 maggio, ASTRAL ha presentato, con il  CEREMSS (Centro Regionale di Monitoraggio della Sicurezza Stradale del Lazio), l’incontro dedicato alla Sicurezza Stradale con Associazioni Disabili Rete HAIRAM Onlus: “InSegnalEtica”. Attraverso questo collegamento puoi trovare l’invito all’incontro.L’incontro, rivolto a persone adulte con disabilità ed appartenenti alla rete dell’Associazione HAIRAM Onlus.  A tutti i presenti è stato consegnato materiale informativo, quaderni, segnalibri sulla Sicurezza Stradale ed un attestato di partecipazione. Nell’ambito del progetto di impianto del CEREMSS, è stata svolta un’attività di comunicazione e formazione volta alla sensibilizzazione della collettività per la prevenzione dell’incidentalità Stradale. In tal senso, si è attivato un progetto promosso dalla Direzione Regionale Infrastrutture, Ambiente e Politiche Abitative, Assessorato Infrastrutture, Politiche Abitative ed Ambiente della Regione Lazio e da ASTRAL SpA con la partecipazione dell’Associazione HAIRAM Onlus e di ACI Vallelunga.  L’iniziativa coinvolto circa 300 persone tra studenti del terzo/quarto anno di Scuole Superiori di Roma e giovani che frequentano l’Associazione HAIRAM Onlus.Precedenti iniziative nel quadro del progetto “SR3-FLAMINA: La Strada dell’Arte”, hanno avuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento Pari opportunità) e la collaborazione dei Comuni di Riano, Capena, Morlupo, Rignano e S.Oreste, Sacrofano e Castelnuovo di Porto. Queste iniziative vogliono promuovere la SR3-FLAMINIA facendola divenire la strada delle Pari Opportunità e dell’integrazione attraverso l’arte. Sin dal mese di aprile scorso si è iniziato un percorso di sensibilizzazione al tema della Sicurezza Stradale per tutti i destinatari dell’iniziativa. Gli adulti con disabilità che hanno lavorato al Progetto SR3-FLAMINIA, nell’ambito del percorso di arte terapia, sono stati chiamati ad esprimersi emotivamente con elaborati grafici sul tema Disegna… la Sicurezza: la tua percezione della Sicurezza Stradale. Nel corso dell’incontro del 17 maggio, i ragazzi disabili delle Associazioni collegate alla rete HAIRAM, sulla base degli elementi formativi loro forniti, hanno completato gli elaborati grafici relativi al tema Sicurezza Stradale e saranno oggetto di esposizione in occasione di un raduno di tutti i giovani sia degli Istituti scolastici che si svolgerà presso la Regione Lazio nel mese di ottobre 2014.La partecipazione da parte dell’Associazione HAIRAM Onlus a tale percorso, nonché agli eventi suddetti, ha come premio le magliette che verranno messe a disposizione da ASTRAL raffiguranti l’opera grafica che gli stessi ragazzi predisporranno utilizzando il meglio di tutti i loro elaborati grafici, oltre a 2 Corsi di Guida Sicura messi a disposizione da ACI Vallelunga, già partner in altre iniziative analoghe. Gli studenti degli Istituti scolastici, a loro volta, sono stati chiamati a realizzare foto per partecipare ad un Concorso a loro specificatamente rivolto, dal titolo Scatta … la Sicurezza: la tua immagine di fronte a casi di sicurezza o insicurezza stradale, attraverso il quale i ragazzi possono esprimersi emotivamente con un’immagine fotografica simbolica sulla tematica stradale. Tra tutte le foto che saranno presentate dagli allievi degli Istituti partecipanti all’iniziativa, quelle giudicate più significative, in occasione del medesimo incontro di ottobre 2014, saranno premiate con 8 Corsi di Guida Sicura, messi a disposizione sempre da ACI Vallelunga. L’incontro del 17 maggio 2014, dopo una breve introduzione sui temi dell’arte terapia, da parte di rappresentanti dell’Art Forum Würth Capena e dell’Associazione HAIRAM e sulle Politiche generali della REGIONE LAZIO in tema di Sicurezza Stradale e CEREMSS, da parte dell’ASTRAL, ha visto un intervento specificatamente formativo sulla cultura e prevenzione all’incidentalità stradale, denominato La Sicurezza Stradale per i giovani. L’intervento, ideato da una dottoranda del Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche della SAPIENZA - Università di Roma, ha utilizzato una metodologia attiva e partecipativa ed è stato condotto da un form-attore che, attraverso strumenti espressivi, vocali e corporei, coinvolgendo i partecipanti in modo interattivo, attivandone i sensi sul piano emotivo – sensoriale.

    Leggi tutto >>
  • images/reginasicurezza.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Le politiche di Sua Maestà per gli investimenti a lungo termine sulla rete stradale

    di Francesco Magagnoli - SINA

    Anche la Regina d'Inghilterra ha parlato recentemente degli investimenti che il "suo" governo ha in programma di realizzare per il miglioramento della rete. Infatti, nel discorso che ha illustrato alla camera dei Lord il programma annuale del Governo presieduto da David Cameron (giugno 2014), la Sovrana ha detto: “Il mio governo introdurrà una legge per sostenere gli investimenti sulle infrastrutture ed una legge di riforma per migliorare la competitività economica. […] Il disegno di legge garantirà gli investimenti a lungo termine sulla rete stradale ".  In seguito al discorso pronunciato dalla Regina, in Parlamento si è aperto un animato dibattito. Soprattutto nella Camera dei Lord sono stati menzionati gli sforzi che devono ancora essere fatti in Inghilterra per migliorare la sicurezza stradale e nello specifico nell’intervenire sui comportamenti sbagliati e pericolosi dei guidatori.In particolare lord David, 3° Visconte Simon, nella replica a nome dei laburisti ha fatto presente che il discorso teneva poco in considerazione i temi della sicurezza stradale ed ha detto che:  "…  sono preoccupato che gli ufficiali di Polizia Stradale non abbiano un addestramento sufficiente per premettergli di far rispettare le leggi ... in alcune zone, anche la formazione dei conducenti è stata ridotta … è stata posta una maggiore enfasi sulle inchieste relative agli incidenti più gravi, togliendo risorse umane dalla strada, il che significa un venir meno del deterrente preventivo degli incidenti … Perché tali riduzioni? … c'è invece necessità di una presenza dissuasiva degli agenti, là fuori sulla strada, pronti e disposti a trattare con quelli che si comportano male deliberatamente. Guidare a 149 miglia all'ora … è un atto intenzionale, non è un errore … un articolo di giornale evidenziava come i giovani guidatori siano maggiormente coinvolti in incidenti stradali rispetto agli altri guidatori … i tempi sono maturi per l'introduzione di condizioni speciali da imporre ai giovani conducenti patenti graduate. Si tratta di una proposta per la sicurezza e non, come sostiene il governo, una restrizione alle loro possibilità di guida …  l'Unione europea ha poi proposto che software diagnostici siano collocati su tutti i veicoli nuovi, consentendo alle persone autorizzate di interpretare ciò che macchina e autista stavano facendo in un determinato momento ... immagino che il settore assicurativo, la polizia e alcuni altri reparti potrebbero ben accogliere questa iniziativa, anche se sembra che alcuni automobilisti abbiano detto che si tratta di una invasione della loro privacy ..."Attraverso questo collegamento puoi leggere il discorso completo pronunciato dalla Regina Elisabetta II (in lingua inglese).  Inoltre cliccando qui potrai trovare il dibattito che si è sviluppato dopo il discorso alla Camera dei Lord e qui quello alla Camera dei Comuni.

    Leggi tutto >>
  • images/usiamolecorsie.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Chi va sulla corsia del disonore?

    di Francesco Magagnoli - SINA

    Guardando il traffico sulle nostre autostrade, spesso le auto appaiono concentrate sulle corsie centrali e di sinistra. Sembrerebbe quindi che molti utenti abbiano la strana percezione che le corsie di destra le abbiamo costruite per qualcun altro. L’affollamento a sinistra non solo è buffo allo sguardo, spreca oltremodo la capacità della tua strada. Come tutti gli sprechi, anche quelli di questo tipo comporta dei danni reali. Se gli utenti non sfruttano in modo intelligente l’infrastruttura, vengono raggiunti più rapidamente i limiti di capacità della strada e di conseguenza sono gli stessi utenti a pagarne le conseguenze, trovandosi in coda. In questi giorni anche il sito "Automobilismo.it" ha ripreso il tema con un articolo che conclude con: "la corsia di destra non puzza, non trasmette malattie, non è da sfigati. Va usata." Guarda la vignetta comportamentale di Autostradafacendo e leggi il testo. Leggi l'articolo sul tema pubblicato da Automobilismo.it.

    Leggi tutto >>
  • images/GIORNATAAMBIENTETORINO.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Autostradafacendo e la giornata Mondiale dell’Ambiente - Guarda il video

    di Edoardo Svelto ed Emanuele Giusto - Autostradafacendo.it

    Il 5 giugno,  in  occasione della giornata Mondiale dell'Ambiente 2014, il Museo dell’Ambiente di Torino, ha organizzato presso il parco Dora, al quale hanno partecipato 22 classi di bambini delle scuole dell’infanzia e primarie che si sono alternate tra varie attività educative dalle ore 9 fino alle 17.Autostradafacendo, attraverso l'impegno del gruppo SIAS (tramite le concessionarie Piemontesi e Valdostane ATIVA, ATS, Autostrada Asti-Cuneo, SATAP e SAV), attraverso l'impegno della Polizia Stradale e con il supporto di SINA ha organizzato un punto di educazione stradale che ha accolto centinaia di bambini, oltre agli educatori ed agli accompagnatori. La base dell'incontro erano evidentemente i temi relativi alla sicurezza stradale. Dalle 9 alle 17, lo staff della Campagna ha accolto continuativamente coppie di classi portando avanti su diversi gruppi attività ludico/educative tagliate sulle diverse età, quali: le lezioni della Polizia Stradale, il gioco Autostradopoli, la ruota della sicurezza stradale, i tavoli di lavoro dove colorare, disegnare, ritagliare e fare i questionari (vedi i fogli di lavoro predisposti seguendo questo collegamento), un percorso con occhiali che distorcevano la vista per ricreare situazioni di stato d’ebbrezza, i veicoli attrezzati della Polizia Stradale e del gruppo SIAS. Le lezioni della Polizia stradale avevano certamente l’obiettivo di sensibilizzare i bambini sul rispetto del  codice della strada, ma ancor di più presentare le norme base di autotutela, attraverso spiegazioni leggere e divertenti. Molti sono stati i materiali della campagna che sono stati distribuiti e che hanno così potuto catturare l’attenzione e la fantasia dei bambini.Così tanti bambini che si sono alternati nel corso delle 8 ore hanno portato una ventata di interesse e di entusiasmo. Si può dire senza alcun dubbio che l’evento è stato un successo: contemporaneamente una giornata di festa e di apprendimento per i bimbi ed una buona opportunità per Autostradafacendo per portare nel cuore pulsante della società quei valori di legalità e sicurezza stradale che caratterizzano l'iniziativa.Avendo raccolto filmati e foto dell'incontro abbiamo montato una serie di "pillole" di sicurezza che pubblicheremo a partire dalla presente uscita. In questa pillola solo una raccolta delle foto dell'evento. Clicca sull’immagine qui sopra per vedere le foto della giornata!  

    Leggi tutto >>
  • images/pirateria%20svizzera.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Automobilista supera i limiti. In Svizzera è PIRATERIA: rischia la prigione

    di Laura Pavone - SINA

    Da circa un anno la Svizzera ha introdotto il reato di pirateria stradale nel proprio Codice della Strada: le pene previste vanno dalla sanzione pecuniaria al sequestro dell’automezzo. Dal ritiro a vita della patente si arriva – nei casi più gravi – al carcere.     Un automobilista italiano, superato di 97 km/h (!) il limite di velocità, è stato colto in flagrante dalla locale Polizia Stradale e non ha avuto scampo: salatissima ammenda, immediata confisca dell’automezzo (farà da garanzia al pagamento) e denuncia a piede libero. Per un piede forse troppo "libero", adesso rischia una pena (minima) di un anno di detenzione con la condizionale. E' andato forte ed é tornato … in treno, carico di guai. Tutto sommato, visto il comportamento a rischio adottato, non gli è andata male: poteva andare ben peggio. Leggi un articolo sul tema pubblicato da Il Giorno Leggi un articolo dal sito ASAPS sulla nuova norma Svizzera Guarda il video sulla velocità tratto dalla campagna del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

    Leggi tutto >>
  • images/SONNOLENZA%20LA%20PORTATA%20DEL%20FENOMENO.jpg

    Esercizio e tecnologie

    SONNOLENZA AL VOLANTE: LA PORTATA DEL FENOMENO

    di Annie Canel – ASFA

    Autostradafacendo pubblica una serie d’articoli sulla sonnolenza al volante tratta dal manuale “Somnolence au volant” pubblicato da ASFA, l'associazione francese delle autostrade Lo studio scientifico, condotto dal Professor Philip Pierre e da ASFA, è il primo a concentrarsi sul rischio di sonnolenza, dei "quasi incidenti" e sugli incidenti reali di un campione di autisti francesi. Lo studio ha dimostrato che, durante lo scorso anno: • il 47 % dei conducenti intervistati soffriva di sonnolenza durante la guida notturna; • il 28% ha avuto almeno un episodio di grave sonnolenza al volante (dovendosi quindi fermare). La sonnolenza acuta aumenta il rischio di incidenti; • l'11 % ha avuto almeno un "quasi" incidente con uscita di strada o sbandata; • il 5,8% ha avuto un vero e proprio incidente Estrapolando queste cifre a tutta la popolazione francese patentata (30 milioni), si stima che la sonnolenza alla guida può essere all'origine di circa 90.000 incidenti ogni anno, il che rappresenta un notevole onere finanziario per la società francese.   "Quasi incidente": l’incidenza rilevata Un "quasi incidente è un incidente evitato all’ultimo". Lo studio ha identificato la portata di questo fenomeno in autostrada . 1,5 milioni di autisti affrontano ogni anno  un "quasi incidente " , mettendo a repentaglio la loro sicurezza e quella degli altri . I " quasi incidenti " causati dalla sonnolenza sono precursori pericolosi per gli incidenti reali. Tutte le tratte coinvolte I " quasi incidenti " dovuti a sonnolenza si verificano soprattutto - sulle autostrade (77,6 %), - nel corso di un lungo viaggio (63,8 %) I quasi incidenti avengono più spesso di notte (40,9 %) rispetto a viaggi lunghi (29,4 %). Incidenti dovuti alla sonnolenza si verificano più frequentemente in città (53,8 %) durante i viaggi brevi (84,6 %) e durante viaggi lunghi (84,6 %). Soggetti più minacciati Sono le persone dai 18 ai 30 anni ed i professionisti. Segni premonitori Per ogni "quasi incidente  ed incidente vero e proprio c'è stato almeno un episodio di sonnolenza acuta al volante e casi di ansia - depressione.

    Leggi tutto >>
  • images/una%20risata.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Una risata vi seppellirà?

    di Roberto ARDITI - SINA

    Ecco la via sudamericana all'educazione stradale ... Tutto  cominciò con l'ex sindaco di Bogotà (Colombia), tale Antanas Mockus, che ha unito un sorriso ad una rigorosa applicazione della legge: un programma che nel complesso è stato considerato un buon successo. Se è vero quel che si legge alla voce "Antanas Mockus" nella versione inglese di Wikipedia, la sua amministrazione vanta un dimezzamento (!) degli incidenti mortali sulle strade di Bogota. Quella fu la prima volta che un esercito di mimi si impegnò per facilitare il traffico nelle città dell'America Latina. La ricetta, molto semplice, consisteva nel prendere 500 mimi e artisti da strada che avevano il compito di puntare il dito, un guanto di sfida, a tutti coloro il cui comportamento deviava dal codice stradale di buona condotta. Ad esempio, se qualcuno attraversava fuori delle strisce, veniva immediatamente inseguito e sbeffeggiato da un mimo, con pubblico ludibrio degli altri osservatori. L'iniziativa ha funzionato: sembra che gli abitanti di Bogotá siano diventati buoni utenti della strada: alla fine hanno ceduto al peso dello sghignazzo. Guarda il video: Come si sa le politiche che danno risultati piacciono e vanno avanti: la pantomina è così atterrata nelle città di Venezuela, Messico ed in altre città dell'America Latina, indipendentemente dal fatto che, ad esempio, le strade di Caracas, siano forse più caotiche di quelle della capitale colombiana. Che dire? … buona fortuna all'America Latina ed alla politica della sicurezza e del buon umore. Sul web: Mimi nel comune di Arequipa (in spagnolo) Mimi nella settimana della sicurezza stradale (in spagnolo) Mimi su El Litoral di Santa Fe (in spagnolo) Mimi a Caracas (in spagnolo)

    Leggi tutto >>
  • images/tachigrafo%20digitale.jpg

    Esercizio e tecnologie

    PARLAMENTO EUROPEO: VIA LIBERA AL REGOLAMENTO SUL TACHIGRAFO DIGITALE

    di Emanuela Stocchi - AISCAT

    Nel corso della prima sessione plenaria dell’anno del Parlamento europeo, nella giornata del 14 gennaio scorso, gli eurodeputati riuniti a Strasburgo hanno approvato il dossier relativo all’introduzione obbligatoria del tachigrafo digitale a bordo dei mezzi pesanti, proposta già approvata in prima lettura, alla fine dello scorso anno, sia dalla commissione TRAN che dal Consiglio UE Trasporti. Si tratta di un testo legislativo assai articolato: il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai tachigrafi nel settore dei trasporti su strada, che abroga il regolamento (CEE) n. 3821/85 del Consiglio relativo all'apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada e modifica il regolamento (CE) n. 561/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'armonizzazione di alcune disposizioni in materia sociale nel settore dei trasporti su strada. L’analisi del dossier è stata portata avanti, sin dalla metà del 2012, dalla Vice-Presidente della commissione TRAN, On. Adriana Silvia Ticau, romena appartenente al gruppo dei socialisti europei. Il tachigrafo digitale servirà in particolare a verificare il rispetto della normativa comunitaria sui tempi di guida ed i periodi di riposo ai quali i conducenti di mezzi pesanti debbono obbligatoriamente conformarsi, in modo da garantire la sicurezza stradale, assicurare adeguate condizioni di lavoro ai conducenti, nonché favorire la concorrenza leale tra le imprese di trasporto. Il nuovo Regolamento peraltro, sostituendo pienamente una legislazione che risale ormai alla metà degli anni ottanta, ed anzi modernizzandola, prevede l’introduzione di un apparato tecnologico – come lo ha definito il Parlamento europeo un “tachigrafo intelligente” - che renda anzitutto più difficili le frodi e che contribuisca a ridurre, per le imprese di trasporto, gli oneri amministrativi dovuti agli obblighi relativi al rispetto della normativa in materia di legislazione sociale per l’autotrasporto. L’On. Ticau, nel corso dei negoziati inter-istituzionali con Consiglio UE e Commissione europea in materia, ha anche voluto sottolineare l’esigenza di garantire non solo l’efficienza del tachigrafo dal punto di vista tecnologico, ma anche la sua accessibilità economica per le imprese di autotrasporto, in modo che dette imprese possano rispettare la normativa comunitaria ma continuare ad essere competitive ed efficienti sul mercato senza dover sopportare eccessivi oneri finanziari. Infine, il Parlamento europeo ha ottenuto l’introduzione di due particolari funzionalità per il tachigrafo elettronico: la comunicazione remota dei dati, al fine di poter agevolmente svolgere e rendere effettive le operazioni di controllo, nonché la registrazione dei dati sull'ubicazione dei veicoli pesanti tramite l’ausilio del sistema satellitare GNSS.L’adozione del Regolamento lo scorso 14 gennaio a Strasburgo è anche stata positivamente commentata dal Commissario ai Trasporti, Vice Presidente della Commissione europea, Siim Kallas, il quale ha affermato che le Istituzioni comunitarie hanno raggiunto un buon compromesso in materia tra le varie posizioni ed hanno così contribuito a garantire, per il futuro del trasporto stradale, maggiori livelli di sicurezza, maggiore tutela della concorrenza, migliori condizioni di lavoro per gli autotrasportatori, nonché una riduzione degli oneri amministrativi ed una riduzione di frodi e manipolazioni.

    Leggi tutto >>
  • images/menoincidenti.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Meno incidenti e morti sulle strade italiane

    di Francesco Magagnoli – SINA

    Dai dati ACI-ISTAT ci giungono buone notizie. Infatti il 2013 ha visto proseguire il trend positivo degli ultimi anni che vede calare gli incidenti registratisi nel nostro paese ed il numero dei morti. Nello specifico, i dati ci dicono che gli incidenti sono calati del 2.2%, mentre la mortalità è calata del 6.9%.   I buoni numeri registrati nel 2013 non devono però farci dimenticare che l’Italia resta uno dei Paesi europei con il tasso d’incidentalità più alto d’Europa. Infatti, sulle nostre strade si verificano ben 500 incidenti al giorno e 30 feriti ogni ora. Questo vuol dire che l’anno passato ci sono stati 182.700 incidenti, che hanno causato 3.400 morti e il ferimento di 259.500 persone. Quindi, sulle nostre strade muoiono 57 persone ogni milione di abitanti, rispetto a una media UE di 52.  Per questa ragione intraprendere campagne di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale rivolte agli utenti della strada di oggi e a quelli futuri (i bambini) è di notevole importanza se si vuole centrare l’obiettivo europeo di dimezzare la mortalità su strada nel periodo 2010-2020. Gli incidenti stradali e la mortalità si possono infatti ridurre drasticamente solo creando una cultura condivisa della sicurezza stradale. Qui puoi leggere la notizia direttamente dal sito dell’ACI, mentre seguendo questo collegamento puoi trovare la notizia dal sito dell’ISTAT.

    Leggi tutto >>

Pagina 1 di 21

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

videoDriveway Safety

fonte: Rospa

tipologia: Campagna di sensibilizzazione

lingua: Inglese

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da prevenire, Casi Reali

videoANCHE SE IL TRAGITTO DA COMPIERE È BREVE È OBBLIGATORIO INDOSSARE IL CASCO. NON SI PUÒ MAI SAPERE

fonte: DGT

tipologia: Campagna

lingua: Spagnolo

categoria(e): Buoni comportamenti, Città, Drammatico, Giovani, Rischi da prevenire

videoCOMPILATION CON VIDEO DI INCIDENTI REALMENTE ACCADUTI

fonte: YOUREPORTER.IT

tipologia: Telecamera autostradale o cittadina

lingua: Non Disponibile

categoria(e): Artistico, Autostrada, Cantiere, Casi reali, Drammatico, Galleria

videoVENGONO EVIDENZIATI I COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA GUIDA E POI CON LA SIMULAZIONE VIRTUALE DI UN VIDEOGIOCO VIENE EFFETTUATO UN INCIDENTE

fonte: N.D.

tipologia: Amatoriale

lingua: Italiano

categoria(e): Città, Luoghi comuni, Rischi da prevenire

videoVIDEO IN CUI L'AMBULANZA IMPIEGA UN SACCO DI TEMPO AD ARRIVARE ALL'INCIDENTE PERCHE' LE MACCHINE SI SONO FERMATE TROPPO VICINE L'UNA ALL'ALTRA IN CODA

fonte: CROCE VERDE VENTIMIGLIA

tipologia: Amatoriale

lingua: Italiano

categoria(e): Autostrada, Casi reali, Galleria, Rischi da prevenire

videoCosa può accadere se bevi prima di guidare.

fonte: ANASHIMBEADOM.org

tipologia: Campagna

lingua: Israeliano

categoria(e): Drammatico, Giovani, Rischi da prevenire

videoImmagini di incidenti stradali causati dall' alta velocità.

fonte: PREFETTURA DI VERONA E SEZIONE POLIZIA STRADALE DI VERONA

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Casi reali, Città, Rischi da prevenire

videoSIMULAZIONE A FUMETTI DI UN INCIDENTE IN MOTO.

fonte: PROVINCIA DI FOGGIA

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Divertente, Giovani, Rischi da prevenire

videoUtilizzare il telefono alla guida può essere mortale. Mentre guidi non rispondere. Testimonianze di parenti delle vittime.

fonte: NATIONAL SAFETY COUNCIL

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Drammatico, Famiglie, Rischi da prevenire, Testimonianze

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

easyway

Il progetto europeo "EasyWay" vuole individuare delle immagini per i pannelli informativi autostradali che risultino comprensibili anche senza messaggi verbali. Questa prova consiste nel testare vari segnali simultaneamente in 13 paesi europei, in un ambiente simulato.

La tua partecipazione può aiutare a decidere quali, fra i nuovi disegni, sono più utili. Per un corretto funzionamento del simulatore, deve essere installato un plug-in (sicuro). Clicca qui per accedere al test.