Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/674.%20zero%20cisa.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Obiettivo zero morti: raggiunto da A15 nel 2016

    di Alberto Binasco – Autocamionale della Cisa

    In un periodo di bilanci, caratterizzato dalla complessa elaborazione di dati tecnici ed economici, si consolida la gradita buona notizia: nel corso dell’anno 2016 NON si è verificato alcun evento mortale provocato da incidenti stradali sui cento chilometri dell’Autostrada A15 in concessione ad Autocamionale della Cisa (Parma – La Spezia).L’azione della concessionaria è chiaramente orientata ad una delle tre componenti (Uomo-Veicolo-Ambiente) che determinano il risultato finale della sicurezza: la concessionaria si concentra cioè sull’ambiente strada, anzi su quel sottoinsieme di tale ambiente che è l'infrastruttura, un ambiente stradale che viene progettato e gestito per essere tra i fattori meno critici, anche se viene chiaramente influenzato anche da elementi naturali come il clima. Il progressivo miglioramento della sicurezza in autostrada descritto – ad esempio – da questo articolo permette - talvolta - l’ottenimento di risultati di questo tipo che - proprio perché ancora eccezionali - sono particolarmente graditi.  Nelle proprie attività legate all’infrastruttura, il concessionario agisce anche sull’esercizio, ovvero cercando di contribuire con misure operative atte a garantire la fluidità e l’efficienza della circolazione anche tramite l’informazione. Un’informazione all’utenza chiara e aggiornata può infatti consentire una migliore organizzazione del viaggio, garantendo la fruibilità di aree di servizio e sosta più confortevoli per lenire la stanchezza di guida. La concessionaria può poi fornire assistenza all’utente nei momenti più difficili durante le emergenze o in presenza di turbative alla circolazione. Questo si ottiene grazie ai mezzi tecnologici che la Concessionaria può mettere a disposizione e grazie a mezzi operativi e personale qualificato che costantemente, nelle 24 ore in ogni giorno dell’anno, garantisce un pronto intervento per ogni evenienza.L’azione del concessionario viene svolta anche attraverso la stretta collaborazione con gli enti istituzionali preposti alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze 118, Vigili del Fuoco, Prefetture ed in particolare la Polizia Stradale che, con costanti e rigorosi controlli sulle violazioni relative a velocità, equipaggiamenti e condizioni di marcia dei mezzi soprattutto pesanti, contribuisce in maniera determinante ad orientare l’utente verso abitudini di guida più rispettose delle norme vigenti e della vita umana.Certamente il raggiungimento di questo risultato è frutto di moltissime componenti, compreso il comportamento degli utenti, componenti talmente complesse da renderlo raramente ripetibile. Ciò non ostante rappresenta uno stimolo concreto ad un impegno costante nel lavoro quotidiano e nel miglioramento del servizio offerto. Da parte della Società un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito a questo risultato di civiltà. Leggi i precedenti: Una buona notizia da Autostrada dei Fiori Obiettivo Zero: già raggiunto sulla Torino-Milano

    Leggi tutto >>
  • images/664_argentina_isidro_donna.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Buenos Ayres, donna investe un vigile: è accusata di tentato omicidio

    di Autostradafacendo - SIAS

    A volte ci domandiamo se i fumetti di Autostradafacendo non siano troppo surreali, con personaggi aggressivi, aggrappati fuori dell’auto e così via.Poi leggiamo quello che succede davvero e ci rendiamo conto che la realtà supera - di gran lunga – ogni nostro sforzo di fantasia.Questo è uno dei casi: un’automobilista di 61 anni, fermata da un vigile perché reduce da un incidente, si è rifiutata di consegnare la patente. Ha invece accelerato e investito il malcapitato che si è disperatamente aggrappato al cofano della vettura. La “gentile signora” ha trascinato con la sua auto l’agente per circa 400 metri. Una folle corsa a grande velocità in mezzo al traffico cittadino. Le immagini sono state catturate dalle telecamere di sorveglianza di San Isidro (Buenos Aires). La donna è poi stata fermata da una pattuglia e infine arrestata. Si trova in carcere con l'accusa di tentato omicidio. L'agente ha subito una frattura al ginocchio ed è ricoverato in ospedale.Vi invitiamo a guardare la scena ripresa nell’ambito di un servizio giornalistico locale, seguendo questo collegamento.

    Leggi tutto >>
  • images/657.%20Dr.%20Strange_mago%20dopo%20incidente%20stradale.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Distrazione alla guida ed arroganza … ecco i dolori per il mago della Marvel

    di Roberto Arditi - SINA

    "Dottor Strange" è un buon esempio di quello che il pubblico si attende dai film della Marvel.  È spiritoso, ricco di effetti speciali, racconta terribili battaglie tra il bene e il male, battaglie che sono vinte, immancabilmente per un soffio, dal bene. Altra caratteristica tipica è che la vittoria non porta mai i vincitori sugli allori. Questi diventano invece degli sconfitti, dilaniati dalle tristezze della propria umanità. Dal punto di vista di Autostradafacendo è interessante osservare come nel film sia proprio un incidente stradale a sconfiggere il personaggio socialmente vincente. In realtà egli è sconfitto dalla propria arroganza e dalla superficialità alla guida che lo portano all’invalidità, al dolore, alla sconfitta umana e a una successiva ricerca mistica verso il riscatto. Sotto questo profilo, il film non è solo intrattenimento, ma può indurci a riflettere su ciò che significa vivere con una disabilità.   Seguendo il collegamento, si può vedere il trailer “Dottor Strange - Il tuo ego smisurato” e, nel seguito, riportiamo una piccola sintesi della trama, per la parte di nostro interesse. L’affermazione del neurochirurgo Stephen Strange è intimamente legata a ciò che il suo corpo è in grado di fare: elevatissimo è il controllo delle mani richiesto al neurochirurgo, per operare con precisione millimetrica. Il successo diventa arroganza che a sua volta diviene superficialità e distrazione, tanto che doctor Strange guida ad alta velocità su una strada tortuosa e bagnata mentre esamina i raggi X di un caso “sufficientemente complicato per interessarlo”. L’incidente stradale è inevitabile e diventa lui stesso paziente di un neurochirurgo: la vita è salva ma la mobilità delle mani è seriamente compromessa così come la sua carriera che finisce miseramente. La ricerca di una cura miracolosa lo porta conoscere l’Antico, un santone tibetano che lo inizia al percorso della fantasia e della magia. Inaspettatamente toccante un momento finale del film, in cui Strange contempla le proprie cicatrici e le mani ancora tremanti, dal momento che lui ha scelto di non usare la magia per guarire. In una cultura dominante che ha fatto della perfezione fisica il sinonimo di felicità e realizzazione, è cosa interessante vedere uno Strange che sceglie di vivere con i perni nelle mani e con l'orologio dal vetro crepato che diventa un bene prezioso.

    Leggi tutto >>
  • images/669.%20Polizia_Anas_AISCAT%20per%20la%20sicurezza%20in%20autostrada.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Sistema Autostradale: firmati due accordi che rafforzano la sinergia. In calo mortalità e sinistrosità

    di fonte Polizia di Stato – Ministero dell’Interno

    La sicurezza della viabilità autostradale rappresenta una priorità per la Polizia di Stato, attuata, in particolare, con le pattuglie della Polizia Stradale. Per accrescere gli standard di sicurezza in autostrada e sulla grande viabilità, sono stati firmati dal Capo della Polizia, Franco Gabrielli, dal presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani, e dal presidente dell'Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori (Aiscat), Fabrizio Palenzona, due accordi che rafforzano la cooperazione tra loro.  Nel dettaglio, sono stati siglati: “l’Atto di impegno per la sottoscrizione dell’ accordo convenzionale in merito all’attività di vigilanza e ai servizi di polizia stradale lungo le autostrade in gestione diretta Anas” e lo “Schema di convenzione–tipo tra Ministero dell’Interno- Dipartimento della Pubblica Sicurezza ed Aiscat per i servizi di polizia stradale sulla rete autostradale in concessione”.Con una pattuglia ogni 40 km, la Polizia Stradale nel 2016 (periodo gennaio – 19 dicembre 2016) ne ha impiegate in autostrada 245.949. Le violazioni accertate al Codice della Strada sono state 1.060.060. Nel dettaglio, sono stati controllati 508.447 conducenti con precursori ed etilometri ed accertate 5.142 violazioni per guida in stato d’ebbrezza alcolica e 356 per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; 195.203 sono stati gli interventi di soccorso prestati a persone in difficoltà.Grazie anche a questa attività di prevenzione e controlli, è stato registrato sui circa 7000 km della rete autostradale un costante miglioramento della sinistrosità, con oltre 12.000 incidenti in meno e una mortalità ridotta del 50% circa solo negli ultimi 10 anni – 285 vite salvate nel 2015 rispetto al 2006.

    Leggi tutto >>
  • images/662.%20Il%20pullman%20azzurro%20a%20Serravalle.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Progetto ICARO al designer outlet di Serravalle

    di Fabrizio Macciò – Polstrada di Genova

    L’ultima domenica di settembre si sono concluse le iniziative organizzate dalla Sezione Polizia Stradale di Alessandria nel comune di Serravalle Scrivia, articolate in una serie di eventi legati al PROGETTO ICARO, che si sono svolte nelle aree e nelle location messe a disposizione dal Designer Outlet Serravalle, noto per essere il più grande Outlet d’Italia e d’Europa. Centinaia di ragazzi, tra studenti delle scuole secondarie di primo grado della zona, calciatori delle squadre giovanili dell’ASD NOVESE e nuotatori dell’ASD SWIMMING CLUB Alessandria, sono stati avviati ai percorsi multimediali del Pullman Azzurro, appena rivisitato con le nuove serigrafie. A più di quarantaquattromila persone della variegata e multietnica utenza del Centro sono stati mostrati format legati alla sicurezza stradale dei pedoni e dei ciclomotori, il tutto alla presenza della splendida Lamborghini Gallardo. Moltissimi visitatori di altre nazionalità, colpiti dal messaggio di condivisione e vicinanza della nostra istituzione, si sono dimostrati favorevolmente sorpresi. Il tutto testimoniato dai numerosissimi selfie che i cittadini dell’Asia (cinesi, giapponesi, Sud coreani), dell’Est Europa (russi, moldavi, ucraini), ma anche del Medio Oriente (sauditi, libanesi, del Bahrein) hanno scattato con gli agenti per postarli immediatamente sui propri profili social.

    Leggi tutto >>
  • images/665.%20Fraternità%20della%20strada%20legge%20i%20dati%20ISTAT.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Dati ISTAT: ecco la nostra lettura

    di Fraternità della strada - Mondo X

    Fraternità della strada riprende e commenta le statistiche essenziali degli incidenti stradali (Fonte: Istat, dati 2015 - pubblicati nel 2016).Nelle analisi della sinistrosità stradale, è piuttosto frequente limitarsi ai dati assoluti che, se pur veritieri, possono ingenerare valutazioni distorte.Fraternità della Strada, nella sua annuale analisi, ha volutamente preso in considerazione gli aspetti più essenziali degli incidenti stradali, introducendo, laddove fosse opportuno, degli utili parametri, al fine di pervenire a valutazioni più vicine alla realtà. Ti invito a leggere il rapporto seguendo questo collegamento.Seguendo questo collegamento puoi invece trovare le notizie essenziali su Fraternità della Strada, sui principali obiettivi ed i contatti dell'associazione.

    Leggi tutto >>
  • images/667_2016_12_COSUF_2017.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Un premio ai giovani che si interessano di sicurezza. Scadenza del bando prorogata al 30 maggio 2017

    di Autostradafacendo - SIAS

    COSUF (organo dell'International Tunneling Association deputato alla studio della Sicurezza nelle Infrastrutture in Sotterraneo) bandisce un nuovo premio volto ai giovani ricercatori, tecnici o studenti. ITA COSUF intende così sviluppare e promuovere la cultura e la conoscenza nel campo della sicurezza nelle gallerie stradali, ferroviarie e metropolitane. Si intende così promuovere il miglioramento, facendo leva sul contributo di una nuova generazione di esperti, cercando nel contempo di catturare il loro interesse verso il tema della sicurezza.Comunichiamo la pubblicazione del nuovo bando di gara per l’ITA-COSUF Award dell'anno 2017.Il premio: Il Direttivo di ITA COSUF ha deliberato l’assegnazione di un premio ad uno studente o professionista o giovane ricercatore che abbia completato un lavoro teorico o pratico nel campo della sicurezza/protezione operativa nelle opere in sotterraneo e che abbia meno di 35 anni. Il Direttivo del COSUF sceglierà il vincitore tramite una propria giuria. Oltre al certificato, il vincitore verrà ospitato per la cerimonia di aggiudicazione e riceverà anche un piccolo premio in denaro. Il vincitore avrà inoltre la possibilità di esporre il proprio lavoro durante la sessione plenaria del Seminario ITA-COSUF. La scadenza: Le principali informazioni sono riportate nel comunicato COSUF. Ulteriori dettagli per partecipare al concorso, incluso il regolamento e le modalità per formulare la domanda (da redigersi in lingua inglese) si trovano cliccando qui. La domanda, in lingua inglese, deve essere ricevuta dalla segreteria ITA entro il 30 maggio 2017. **** Viste le competenze e l'importanza del patrimonio nazionale in sotterraneo, Autostradafacendo auspica che possa essere un giovane italiano a vincere il premio internazionale. In ogni caso, Autostradafacendo auspica che un giovane di qualunque nazionalità, purché di valore, possa consolidare la propria posizione o cominciare ad emergere, grazie anche a questo premio. Maggiori informazioni sono disponibili su questo sito web.

    Leggi tutto >>
  • images/653_attenti_senza_cinture_colorado.jpg

    Esercizio e tecnologie

    8 cose che non sai sulle cinture di sicurezza

    di Autostradafacendo - SIAS

    Le informazioni contenute in questo articolo sono una traduzione del decalogo pubblicato dal dipartimento dei trasporti del Colorado (USA) nell'ambito della propria campagna "Beware the beltless" (attento a quelli senza cintura). 1. Anche viaggiare lentamente non vi aiuterà. Molte persone pensano di non aver bisogno di una cintura di sicurezza quando si viaggia lentamente nelle strade cittadine o in mezzo al traffico dell'ora di punta. Questa è una cattiva ipotesi: anche schiantarsi a soli 40 km/h è come cadere da una finestra del secondo piano. 2. Attenzione alla "palla da demolizione" umana. Anche se si allaccia correttamente la cintura, se qualcun altro in macchina non è adeguatamente fissato, potrebbe volarti addosso durante un incidente e provocarti gravi o anche ferite mortali. 3. Il sedile posteriore non ti salverà. Le statistiche sono terrificanti su come molte persone non si mettano le cinture nei sedili posteriori di un taxi o nel caso di un passaggio in auto. Sul sedile posteriore non sei più sicuro che su quello anteriore. Nessun Taxi ha proprietà magiche che ti proteggono dal volare attraverso il parabrezza in caso di una collisione con un altro veicolo. 4. Fuori di qui ... ... e non in senso buono. L'essere senza cintura aumenta del 3.000 per cento le possibilità di essere espulso dalla macchina. Le possibilità di sopravvivenza diventano molto esigue, se ciò accade. 5. Le auto sono dure; le persone sono morbide (per lo più). In caso di incidente, i tessuti molli (cervello, midollo spinale e gli organi interni) possono subire danni gravi. Le cinture di sicurezza, tuttavia, ti tengono per i fianchi e per lo sterno: due delle parti più forti che tuo corpo ha da offrire. 6. Fammi vedere i soldi! Le cinture di sicurezza non si limitano a salvare vite umane. Aumentare l'uso della cintura di sicurezza potrebbe salvare per il nostro stato (e per te) un sacco di soldi. Secondo il CDC, gli incidenti automobilistici costano al Colorado più di $ 623 milioni ogni anno in spese mediche e perdite nella produzione. 7. Pensa fuori dagli schemi. Molti incidenti delle persone senza cintura terminano con una morte tragica. Tuttavia, molti non hanno questo epilogo. Tuttavia, subire lesioni gravi perché eri senza cinture può renderti inabile e dipendente da amici, o dalla famiglia per il resto della tua vita. Per ulteriori informazioni e per scaricare le risorse visive o materiali didattici, visita beltless.codot.gov. 8. Il senso comune non è sempre così comune. Un quarto delle persone che non indossano le cinture di sicurezza credono che le "cinture di sicurezza" non "migliorino la sicurezza". Aiuta a diffondere la parola. Una persona convinta potrebbe essere una vita salvata.

    Leggi tutto >>
  • images/644_Avaria%20del%20mezzo_MOTO.IT.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Cosa fare in caso di guasto?

    di Andrea Perfetti – Moto.it

    Nell’ambito della collaborazione tra Autostradafacendo e la redazione di Moto.it e Automoto.it pubblichiamo l’articolo sul comportamento in caso di guasto dell’auto.Un banale guasto può nascondere un grave pericolo di investimento. Gli amici della Polizia Stradale ci spiegano cosa fare se restiamo in panne con la moto o l'auto sia in autostrada che su strada statale. Cosa fare in caso di avaria del mezzoLa nostra auto o moto ferma sulla strada per un guasto è un potenziale pericolo per noi stessi e per gli altri utenti. Da conducenti diventiamo pedoni su strade spesso trafficate e dobbiamo subito metterci al riparo dall'investimento. Fatto questo, è altrettanto importante avvisare le altre persone della presenza del nostro veicolo fermo, che potrebbe essere non ben visibile.  Ricapitoliamo quindi come dobbiamo comportarci: 1. Mettiamoci in sicurezza e mettiamo al sicuro chi viaggia con noi, allontanandolo dalla sede stradale.2. Diamo la massima visibilità. Usiamo le luci di emergenza e il triangolo per segnalare la nostra presenza. Indossiamo il gilet ad alta visibilità. Segnaliamo anche la presenza eventuale di rottami o olio sulla strada. Il nostro comportamento deve cambiare a seconda che ci troviamo in città, su strada extraurbana o autostrada.In caso di guasto su una strada urbana, accendiamo le luci di emergenza, indossiamo il giubbotto catarifrangente e posizioniamo il triangolo a una distanza di almeno 50 metri dal veicolo. Quando non possiamo spostare il mezzo, indossiamo il giubbotto ad alta visibilità e, prestando la massima attenzione agli altri veicoli, portiamoci coi passeggeri in un luogo sicuro. Se necessario, scavalchiamo il guard-rail (con l'accortezza di aver verificato prima che non ci siano sbalzi o pericoli). A questo punto possiamo chiamare il soccorso stradale indicando con precisione dove siamo.In città segnaliamo la situazione di pericolo agli altri veicoli, collocando il triangolo e invitando gli altri utenti a rallentare. Indossiamo il giubbotto rifrangente, anche se non è obbligatorio (dobbiamo usarlo invece su autostrade e strade extraurbane).In autostrada accendiamo le luci di emergenza e spostiamo l'auto o la moto nella corsia d'emergenza o nelle piazzole. Indossiamo il giubbotto ad alta visibilità e posizioniamo il triangolo ad almeno 100 metri dal mezzo. Mettiamo al riparo anche gli altri passeggeri e chiamiamo i soccorsi, indicando con la massima precisione dove siamo. L'utilizzo delle colonnine di chiamata del soccorso è preferibile al cellulare, perché forniscono una localizzazione esatta del luogo dove ci troviamo.Autostradafacendo ha affrontato il tema con una serie di vignette dedicate che affrontano i vari comportamenti e relative sfumature (vedi vignetta 1, vignetta 2, vignetta 3, vignetta 4, vignetta 5, vignetta 6).

    Leggi tutto >>
  • images/645_2016_07_Spread_Gite%20scolastiche_autobus.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Gli autobus delle gite scolastiche dei nostri figli. Possiamo fidarci?

    di Assunta De Pascalis - SINA

    Nona uscita della piccola rubrica che confronta i dati che stanno alla base della sicurezza stradale. In questa uscita, si è partiti dalla tragedia in Spagna dello scorso marzo in cui hanno perso la vita 13 studentesse dell’Erasmus tra i 19 e i 25 anni di sei diverse nazionalità. In quel caso, la tragedia è stata causata dalla sonnolenza. Tuttavia le cause degli incidenti stradali possono essere tante ed i rischi meritano di essere valutati: a maggior ragione se quando il rischio è correlato con l'offerta un servizio di interesse pubblico, come nel caso delle gite scolastiche.Il problema della sicurezza degli autobus per il turismo/istruzione è un tema che già si era posto il MIUR con la circolare 674 dello scorso 3 febbraio in cui il Ministero annunciava la necessità del coinvolgimento della Polizia Stradale “al fine di rendere più sicuro il trasporto scolastico in occasione della partecipazione degli studenti ai viaggi di istruzione”. La circolare chiede ai dirigenti scolastici e agli organizzatori di porre attenzione oltre che all’aspetto culturale e istruttivo della visita anche alle scelte delle aziende cui affidare il servizio di trasporto, verificando l’idoneità e la condotta del conducente, l’idoneità del veicolo e altre misure di sicurezza” descritte nell’allegato della circolare. (…). Per consentire alla Polizia Stradale di organizzare i servizi di controllo (…) i dirigenti scolastici devono avere cura di inviare una comunicazione specifica alla Sezione Polizia Stradale del capoluogo di provincia della località in cui avrà inizio il viaggio.A quattro mesi dall'avvio dei controlli su strada, gli agenti hanno scoperto che un pullman su cinque risultava fuorilegge. Gli autobus controllati, che dovevano accompagnare i ragazzi nel loro viaggio, sono stati quasi 10.000 (il 10% del parco circolante) e di questi 6.982 sono quelli che sono stati attenzionati tramite una segnalazione fatta dal dirigente scolastico alla polizia. Bene, 1.735 autobus sono stati fermati (il 17,5%). Uno su cinque aveva i pneumatici lisci, le cinture di sicurezza fuori uso, i fari guasti, gli specchi retrovisori danneggiati, problemi strutturali. In 295 casi la scatola nera (il cronotachigrafo per i bus più vecchi) ha rivelato che l'autista non aveva riposato abbastanza. 170 volte il conduttore aveva violato ripetutamente il limite di velocità posto a 100 chilometri l’ora. 8 autisti non avevano la patente in tasca, 25 veicoli non erano passati dall'obbligatoria revisione, 20 non avevano copertura assicurativa.Speriamo che questa azione della Polizia possa continuare ancora per un po’, almeno fino a quando non gira voce tra gli esercenti di questo tipo di servizio, che sentendosi controllati si possano attivare preventivamente per azzerare la percentuale delle contestazioni. Una maggiore sicurezza vale certamente per i genitori un po’ di risparmio in meno!   Il gruppo SIAS, impegnato da anni nella diffusione della sicurezza stradale, ha come destinatario preferenziale i giovani, a partire dai più piccoli fino alla fascia adolescenziale che è sicuramente quella più difficile da raggiungere. A questo scopo si sono tradotti i personaggi che animano la campagna dall’inizio del progetto trasformandoli da eroi a "supereroi della sicurezza stradale" e li si è fatti debuttare in occasione del calendario 2016. Qui l’articolo di presentazione del progetto.In questa pagina è riportato l'articolo del direttore editoriale di LeStrade con cui viene presentata l'iniziativa. Seguendo questo collegamento alla Rubrica Lo Spread, è possibile scaricare i pdf pubblicati a partire dal mese di settembre 2015 sull’argomento. Seguendo invece questo collegamento puoi invece leggere l'editoriale per il numero di marzo 2015 di LeStrade, articolo che ha dato lo spunto iniziale.

    Leggi tutto >>

Pagina 1 di 50

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

videoDriver Streams Horrifying Car Crash On Facebook

fonte: You Tube

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): buoni comportamenti, giovani

videoVuoi una martellata in testa dallo scienziato pazzo?

fonte: Fundacion Pro Moto

tipologia: Campagna

lingua: Portoghese

categoria(e): Giovani, Rischi da prevenire, Città

videoStayin' Alive - Lass dich nicht abschiessen

fonte: FÖDERATION DER MOTORRADFAHRER DER SCHWEIZ

tipologia: Campagna di sensibilizzazione

lingua: Inglese

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da prevenire,

videoKenya Helmet Campaign 3: "No Helmet, No Ride"

fonte:  WHO

tipologia: campagna di sensibilizzazione

lingua: Inglese

categoria(e):  Drammatico, Casi reali

videoEmbrace Life - Always wear your seat belt

fonte: Sussex Safer Roads

tipologia: Campagna

lingua: Non Disponibile

categoria(e): Buoni comportamenti, Passeggeri

videoCHI HA LA CINTURA ALLACCIATA "NON RIESCE A MORIRE".

fonte: AXION

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Drammatico, Giovani, Luoghi comuni, Rischi da prevenire

videoSe non sei in grado di guidare chiama un taxi.

fonte: SRS Media

tipologia: Campagna

lingua: Arabo

categoria(e): Buoni comportamenti, Divertente

videoun attimo di distrazione al volante può valere una vita.

fonte: NATIONAL SAFETY COUNCIL

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Famiglie, Giovani, Rischi da prevenire

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

augusto

Q.V.M.S. QVOD VIAE MUNITAE SVNT

Le strade tra storia ed archeologia a 2000 anni da Augusto Imperatore

Clicca qui per scaricare l'ebook.

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>