Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/679.%20La%20manutenzione%20nelle%20strategie%20del%20governo.png

    Esercizio e tecnologie

    Delrio alla conferenza dei Ministri UE trasporti: “Sulla sicurezza stradale presenteremo un piano aggiornato al CdM”

    di fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

    Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha partecipato alla Conferenza Europea dei Ministri dei Trasporti, organizzata in collaborazione con la presidenza maltese, per fare il punto della situazione sulla sicurezza stradale e sul trasporto marittimo.Al termine della sessione mattutina della conferenza, presieduta dal ministro maltese Joe Mizzi, è stata adottata la dichiarazione dei Ministri dell’Unione Europea sulla sicurezza stradale. Il documento firmato alla presenza della Commissaria Europea per i Trasporti, Violeta Bulc, definisce le nuove politiche comunitarie per ridurre il numero di morti e feriti sulle strade. A questo proposito, il Ministro Delrio ha sottolineato il lavoro svolto dal governo italiano per gli obiettivi europei di dimezzare il numero delle vittime entro il 2020. “Sono stati raggiunti risultati incoraggianti con il calo, dal 2010 a oggi del 21% e dal 2015 alla prima metà del 2016 del 5%, ma non ancora sufficienti per raggiungere l’obiettivo”.Anche per questo il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha impostato una nuova politica nazionale per la sicurezza stradale pianificando diverse azioni, ha dichiarato Delrio. Nello specifico si prevede più manutenzione per le infrastrutture, soprattutto per le strade extraurbane dove si verifica il 47% degli incidenti mortali.“La sicurezza delle infrastrutture è quindi una priorità” - ha ribadito il Ministro. “Un settore che ha visto aumentare notevolmente gli investimenti, anche introducendo miglioramenti tecnologici”.Un altro fattore importante sono le iniziative diffuse di comunicazione ed educazione stradale riguardo i comportamenti a rischio e a tutela degli utenti vulnerabili. “L’Italia ha anche rafforzato delle misure legislative con il reato di omicidio stradale” – ha precisato il Ministro Delrio – ed è prevista inoltre la riforma del Codice della strada”.Il Ministro ha espresso anche la sua soddisfazione per il lavoro comune svolto oggi con i Paesi europei e la Commissione nella direzione di un’azione sempre più coordinata. “Per perseguire meglio gli obiettivi europei, presenteremo al Consiglio dei Ministri un nuovo Piano nazionale sulla Sicurezza stradale, che recepisca la dichiarazione della Valletta, con un nuovo quadro di azioni in particolare per quanto riguarda l’innovazione tecnologica delle infrastrutture stradali, gli utenti vulnerabili, le opere necessarie per la riduzione degli incidenti”.Nel pomeriggio i Ministri hanno adottato la dichiarazione sulle priorità per le politiche di trasporto marittimo verso il 2020: competitività, decarbonizzazione, digitalizzazione per assicurare connessioni globali, mercato interno efficiente e un cluster marittimo all’altezza delle sfide mondiali.Anche in questo caso il Ministro Delrio ha sottolineato “l’importanza di una azione europea coordinata e unitaria nell’ambito della sostenibilità ed innovazione, del lavoro e della competitività”. Nelle linee proposte il Ministro ha riconosciuto “le priorità della politica italiana per il settore marittimo, cui è stato dato un forte segnale di attenzione con la riforma della legge sulla portualità e la logistica” che sta dando risultati concreti, come lo sdoganamento in mare, oggi possibili in 17 scali, con una riduzione dei tempi in un anno che vede l’Italia arrivare ai vertici della classifica mondiale.Quella di oggi è stata quindi una giornata importante verso la realizzazione degli obiettivi UE in materia di sicurezza stradale. Il 2016 è infatti stato il primo anno per il quale la Commissione ha pubblicato i dati relativi agli incidenti stradali gravi in base a una nuova definizione comune. Sulla base di questi dati, provenienti da 16 Stati membri che rappresentano l’80% della popolazione dell’UE, nel 2016 il numero delle vittime di incidenti stradali è diminuito del 2%, in Italia -5% .Nel 2016 hanno perso la vita sulle strade dell'UE 25 500 persone, 600 in meno rispetto al 2015 e 6 000 in meno rispetto al 2010. Altre 135 000 persone sono rimaste gravemente ferite. Il dato principale che emerge come più importante è che negli ultimi sei anni il numero delle vittime della strada si è ridotto del 19%. Un risultato che, seppure positivo, è ancora distante dagli obiettivi europei in materia di sicurezza stradale. Gli utenti vulnerabili della strada, quali pedoni, ciclisti e motociclisti, rappresentano una quota consistente dei feriti gravi”. I Paesi Ue con le strade più sicure e il tasso più basso di mortalità per milione di abitanti sono Svezia (27), Gran Bretagna (28), Olanda (33), Spagna e Danimarca (37), Germania (39) e Irlanda (40).Non solo. La probabilità di morire in un incidente stradale” precisa la Commissione “varia da uno Stato membro all’altro. Sebbene il divario si riduca di anno in anno, chi vive in uno degli Stati membri con il più alto tasso di mortalità ha ancora più del triplo delle probabilità di rimanere vittima di un incidente stradale rispetto a chi vive in uno dei paesi con il tasso più basso.Ed è per questo che la Commissione chiede a tutte le parti interessate di individuare percorsi virtuosi tesi ad applicare la normativa stradale e organizzare campagne di sensibilizzazione in modo da raggiungere l'obiettivo di dimezzare il numero delle vittime della strada tra il 2010 e il 2020.

    Leggi tutto >>
  • images/680%20Europa%20nellultimo%20anno%20il%20numero%20delle%20vittime%20è%20diminuito%20del%202percento.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Sicurezza stradale: risultati incoraggianti nel 2016, occorre proseguire gli sforzi

    di fonte: Commissione Europea

    Le statistiche del 2016 sulla sicurezza stradale pubblicate oggi dalla Commissione mostrano che nell'ultimo anno il numero delle vittime è diminuito del 2%.Le statistiche del 2016 sulla sicurezza stradale pubblicate oggi dalla Commissione mostrano che nell'ultimo anno il numero delle vittime è diminuito del 2%. Nel 2016 hanno perso la vita sulle strade dell'UE 25 500 persone, 600 in meno rispetto al 2015 e 6 000 in meno rispetto al 2010. Secondo i calcoli della Commissione altre 135 000 persone sono rimaste gravemente ferite.Il 2016 segna il ritorno di una positiva tendenza al ribasso dopo due anni di stasi; negli ultimi sei anni il numero delle vittime della strada si è ridotto del 19%. Benché incoraggiante, questo ritmo potrebbe essere insufficiente se l'UE vuole raggiungere l'obiettivo di dimezzare il numero di vittime della strada tra il 2010 e il 2020. Ciò impone di intensificare gli sforzi di tutte le parti interessate e in particolare quelli delle autorità nazionali e locali, responsabili della maggior parte degli interventi quotidiani, come l'applicazione delle norme e la sensibilizzazione.  Violeta Bulc, Commissaria per i Trasporti, ha dichiarato: "Le statistiche odierne indicano un miglioramento, che dobbiamo portare avanti. Ma non sono i numeri a preoccuparmi: ciò che mi sta più a cuore sono le vite perse e le famiglie delle vittime. Proprio oggi altre 70 persone moriranno sulle strade dell'UE e un numero cinque volte più alto subirà ferite gravi! Invito tutte le parti interessate a intensificare gli sforzi in modo da raggiungere l'obiettivo di dimezzare il numero delle vittime della strada tra il 2010 e il 2020."La probabilità di morire in un incidente stradale varia da uno Stato membro all'altro. Sebbene il divario si riduca di anno in anno, chi vive in uno degli Stati membri con il più alto tasso di mortalità ha ancora più del triplo delle probabilità di rimanere vittima di un incidente stradale rispetto a chi vive in uno dei paesi con il tasso più basso.Il 2016 è stato inoltre il primo anno per il quale la Commissione ha pubblicato i dati relativi agli incidenti stradali gravi in base a una nuova definizione comune. Sulla base di questi dati, provenienti da 16 Stati membri che rappresentano l'80% della popolazione dell'UE, la Commissione stima che in tutta l'UE siano rimaste gravemente ferite 135 000 persone. Gli utenti vulnerabili della strada, quali pedoni, ciclisti e motociclisti, rappresentano una quota consistente dei feriti gravi. Conferenza sulla sicurezza stradale e Consiglio informale di MaltaIn risposta al recente rallentamento della riduzione del numero delle vittime di incidenti stradali, la Commissione, in collaborazione con la presidenza maltese, sta organizzando per il 28 e 29 marzo 2017 una conferenza ministeriale e delle parti interessate a Malta.In occasione di questo evento, che riunirà esperti in materia di sicurezza stradale, parti interessate e responsabili politici, si discuterà dell'attuale situazione della sicurezza stradale e di come procedere per ridurre il numero di morti e feriti gravi. Durante la conferenza ministeriale verrà approvata una dichiarazione sulla sicurezza stradale. Per maggiori informazioniMEMO: Statistiche 2016 sulla sicurezza stradale: cosa c'è dietro le cifre?Attività della Commissione in materia di sicurezza stradale e statistiche dell'UE sulla sicurezza stradale

    Leggi tutto >>
  • images/681.%20Il%20consiglio%20europeo%20approva%20dichiarazione%20per%20sicurezza%20stradale.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Adottata a Malta la dichiarazione dei Ministri Ue sulla sicurezza stradale

    di Autostradafacendo – SIAS

    È stata adottata a Malta la dichiarazione dei Ministri Ue sulla sicurezza stradale, firmata al termine della conferenza presieduta dal ministro maltese Joe Mizzi e alla presenza della Commissaria Europea.La presentazione del commissario ai trasporti Bulc è disponibile in webstreaming. Il relativo comunicato stampa è disponibile in questa pagina.Seguendo questo collegamento è possibile leggere (in lingua inglese) la Dichiarazione del consiglio europeo dei trasporti della Valletta . Sul sito della commissione sono riportate anche le raccomandazioni che riguardano:• Road safety strategies and policies (strategie e politiche di sicurezza stradale)• Enforcement of traffic rules (repressione delle violazioni del codice)• Infrastructure safety (sicurezza delle infrastrutture)• Smart road solutions (soluzioni tecnologiche per il miglioramento della sicurezza)• Vulnerable road users (protezione degli utenti vulnerabili) Per ulteriori informazioni, questo collegamento porta al sito della commissione europea.

    Leggi tutto >>
  • images/673_Feriti_gravi.jpg

    Esercizio e tecnologie

    La Commissione Europea ed i feriti gravi

    di Roberto Arditi - SINA

    La Commissione Europea DG MOVE ha recentemente pubblicato un rapporto dal titolo "Studio sulle lesioni gravi circolazione stradale nella UE" (realizzato in lingua inglese: Study on Serious Road Traffic Injuries in the EU). Tale rapporto è stato predisposto dai centri di ricerca SWOV e BAST con l’Università Loughborough. Secondo le stime della Commissione europea, ogni anno 135.000 persone sono ferite gravemente sulle strade europee.  Mentre il numero di morti è diminuito drasticamente negli ultimi dieci anni, gli infortuni gravi sono invece diminuiti con un ritmo molto più lento. Questo nuovo studio raccomanda che le istituzioni europee pongano un obiettivo comune europeo per la riduzione delle persone ferite gravemente in incidenti stradali.Questo nuovo studio ha esaminato i dati degli incidenti e degli studi approfonditi condotti in tutta Europa, nel tentativo di aumentare la comprensione dei fenomeni incidentali che più frequentemente comportano delle lesioni gravi. I dati rivelano molti dei principali fattori di rischio, dei profili delle vittime in modo da aiutare gli Stati Membri ad identificare le misure più adatte per ridurre tali collisioni.Lo studio è disponibile seguendo questo collegamento.

    Leggi tutto >>
  • images/668.%20Calano%20i%20morti%20-%20in%20aumento%20le%20multe%20per%20cell%20e%20velocivtà_%20bene%20autostrade.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Incidenti mortali -4.7% - multe per i cellulari +25%

    di fonte: ISTAT

    Si stima che nel primo semestre dell'anno in corso gli incidenti stradali con lesioni a persone avvenuti in Italia siano 83.549. Il numero di morti entro il trentesimo giorno è 1.466, mentre i feriti ammontano a 118.349.  Rispetto ai dati consolidati dello stesso periodo del 2015, le stime preliminari evidenziano una riduzione dello 0,8% degli incidenti con lesioni a persone, del 4,7% delle vittime e dello 0,5% delle persone ferite.Nei primi sei mesi dell'anno il numero di morti scende del 25,6% rispetto al primo semestre 2010 e del 55,4% nel confronto con lo stesso periodo del 2001.Nonostante il netto calo della mortalità rispetto al periodo gennaio-giugno 2015, il livello resta elevato e non in linea con quanto previsto dall'obiettivo europeo per il 2020 (dimezzamento del numero di vittime registrate nel 2010).L'indice di mortalità (rapporto tra il numero dei morti e il numero degli incidenti con lesioni a persone moltiplicato 100) si attesta a 1,75 da 1,88 registrato nel primo semestre 2015.In base ai dati forniti dalla Polizia Stradale, nel primo semestre 2016 il numero di vittime sulle autostrade si riduce di circa il 15% rispetto allo stesso periodo del 2015. Per le strade urbane ed extraurbane la diminuzione è invece compresa tra il 2 e il 5%.Il 2016 si presenta come un anno di ripresa della mobilità. Dai dati preliminari disponibili, le prime iscrizioni di veicoli nel periodo gennaio-giugno 2016 sono aumentate del 19% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente mentre le percorrenze medie autostradali registrano una crescita del 3,7%Nei primi sei mesi dell'anno le contravvenzioni elevate dalla Polizia Stradale per uso del cellulare alla guida e per eccesso di velocità sono cresciute rispettivamente del 25% e del 22%. Periodo di riferimento: gennaio-giugno 2016 Data di diffusione ISTAT: 19 dicembre 2016

    Leggi tutto >>
  • images/2017_03_biassono.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Autostradafacendo incontra 100 ragazzi nella scuola di Biassono

    di Vincenzo Roberto - Istituto Verri Biassono

    Venerdì 10 febbraio, presso l'istituto comprensivo di Biassono (MB), gli alunni delle classi seconde nell'ambito del progetto di educazione stradale, hanno incontrato Roberto Arditi. Tutti gli alunni (100) hanno partecipato con attenzione alla visione di filmati e grafici. La partecipazione è avvenuta nell'ambito di Autostradafacendo.it, la campagna per la sicurezza stradale promossa dalle concessionarie autostradali SIAS (gruppo Gavio). A conclusione si è tenuto un dibattito aperto nel quale i ragazzi hanno sottoposto l'esperto ad una serie di domande sulla sicurezza sul codice della strada e sugli aspetti comportamentali della sicurezza. Arditi ha cercato di rispondere  a tutte le numerose  domande soddisfacendo le loro incertezze e curiosità. A conclusione dell'attività, è stato somministrato un questionario sulla sicurezza, che ha avuto un notevole riscontro con un'alta percentuale di risposte esatte. Ciò dimostra che l incontro  è stato   coinvolgente ed ha saputo suscitare l'interesse dei ragazzi.

    Leggi tutto >>
  • images/678.%20Giovani%20violano%20le%20regole%20se%20conviene.jpg

    Esercizio e tecnologie

    ICARO - Presentati a Roma i risultati dell'indagine scientifica: se “conviene” i giovani al volante trasgrediscono su velocità e telefono

    di Maria Francesca Bruschi – Polizia Stradale

    Gli adolescenti e la guida: è lecito trasgredire le regole stradali assumendo condotte a rischio in caso di necessità. Lo pensa la maggior parte degli under 18. È quanto è emerso dalla ricerca scientifica, condotta dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza Università di Roma, connessa al progetto Icaro, la campagna di sicurezza stradale della Polizia di Stato rivolta ai giovani delle scuole di ogni ordine e grado, presentata questa mattina a Roma."Velocità, uso del telefonino, distanze di sicurezza: i ragazzi più piccoli, anche per effetto dell'educazione familiare, sembrano più vicini al rispetto delle norme, la situazione invece peggiora vistosamente con i più grandi. Gli adolescenti amano la trasgressione, identificano il coraggio con l'infrangere le regole ed è proprio su di loro che va dunque intensificata l'azione di educazione e prevenzione. "Sono loro che ritengono che è lecito trasgredire in caso di necessità", sottolinea Annamaria Giannini, docente di psicologia giuridica e forense della 'Sapienza' che ha illustrato i dati della ricerca durante la conferenza alla quale hanno preso parte il direttore delle specialità Roberto Sgalla e il direttore del servizio Polizia Stradale Giuseppe Bisogno.  Le risposte ai quesiti che hanno coinvolto circa 10.000 studenti (ma anche oltre 4.000 genitori) di 234 istituti scolastici d'Italia hanno messo in evidenza che "i giovani conoscono le regole stradali ma osservano le norme quando gli conviene, tanto che, per esempio, 8 ragazzi su 10 dichiarano di essere disposti a correre oltre i limiti di velocità se in ritardo per raggiungere gli amici a una festa, ha sottolineato Giannini snocciolando i dati della ricerca. E ancora: 6 ragazzi su 10 dichiarano di essere disposti ad utilizzare il telefono senza l’auricolare; 6 ragazzi su 10 dichiarano di poter continuare a guidare in condizioni di stanchezza psicofisica; 6 ragazzi su 10 si dichiarano disponibili a non rispettare le distanze di sicurezza.La domanda cui i ragazzi hanno risposto è: 'Devi andare a casa di amici e sei un po' in ritardo. Devi raggiungere i tuoi amici guidando la tua macchina. Valuta quanto siano probabili i seguenti comportamenti'. "Un dato interessante emerso dalla ricerca - aggiunge Giannini - è che il 98,6% dei ragazzi di fronte a situazioni di 'lievi' provocazioni sulla strada dichiara di arrabbiarsi mediamente (31,1%) e moltissimo (67,5%). Uno stato più visibile nei ragazzi che nelle ragazze". Inoltre, il 94,2% dei ragazzi si dice mediamente (59,7%) e molto (34,6%) preoccupato rispetto a situazioni specifiche di guida. "Tutto ciò a dimostrazione che riscontrabile un’intensa attivazione emotiva dei giovani alla guida", evidenzia Giannini.Dopo aver partecipato alle attività di Icaro, gli studenti sono stati infatti sottoposti a nuovi test e si sono mostrati più sensibili nei confronti dei rischi. "Velocità, uso del telefonino, cinture: le attività incidono in misura maggiore sui comportamenti che si hanno di getto". E specie sulle variabili rabbia e preoccupazione che si è potuto misurare l'incidenza: i ragazzi delle scuola secondarie di secondo grado diminuiscono la rabbia mentre aumentano la preoccupazione rispetto ai pericoli stradali.Negli atteggiamenti migliorano quelli riferiti all'uso di sostanze psicoattive (minore tolleranza), e meno tollerano le trasgressioni del Codice della strada. Si notano delle differenze anche nelle attribuzioni di responsabilità riguardo gli incidenti: gli studenti dimostrano convinzioni meno fatalistiche e riconoscono più frequentemente la responsabilità del guidatore nel causare incidenti .Di fronte ai comportamenti ancora troppo pericolosi che vediamo sulle nostre strade, "credo che quella di Icaro, giunta ormai alla 17esima edizione, sia la strada giusta, l'attività di quest'anno ha come tema la distrazione", aggiunge infine Giannini concludendo con una citazione di dj Fabo: "ragazzi, allacciatevi le cinture".Alla conferenza erano presenti anche i partner del progetto: MIT, MIUR, MOIGE, Fondazione Ania per la sicurezza stradale, il Gruppo autostradale ASTM-SIAS, Autostrada del Brennero, Bike Channel e Federazione Ciclistica Italiana.

    Leggi tutto >>
  • images/663_schianto_su_FB.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Superficialità, distrazione ed impertinenza: ventenne si schianta in diretta Facebook - video

    di Autostradafacendo - SIAS

    Onasi Olio-Rojas ha finito la sua folle corsa contro il guardavia della “Route 6” in Rhode Island. È in condizioni critiche ma probabilmente si salverà.Guardando il video si osserva che ha messo a repentaglio la vita di molte persone con la sua guida pericolosa nel traffico autostradale. Grazie alla regia del ragazzo, ho potuto osservare – tra le altre infrazioni – una velocità di 114 miglia orarie  (che vuol dire 183,4 km/h), ho poi visto che si è lanciato in zigzag tra i veicoli impegnando indifferentemente le corsie libere (sorpasso, marcia o emergenza) poi, come tutti quelli che si credono più brillanti della media, ha tenuto la cintura di sicurezza agganciata, ma dietro le spalle. Soprattutto ho poi osservato che tutto ciò è stato fatto in modo superficiale e distratto, curando più la regia della diretta su facebook, che la guida. Ai ragazzi si perdona tutto, ma non possiamo esimerci dal dire che questo è uno dei tanti impertinenti che credono di saper guidare ed invece scoprono, in modo piuttosto ruvido, che non hanno idea di quello che stanno facendo.Il video non ci è piaciuto proprio (ad essere sincero, penso che non sia piaciuto neanche all’autore), quindi non ci limitiamo a mettere il pollicino verso nell’immagine qui sopra, ma gli dedichiamo un intero estratto dal famoso dipinto di Jean-Léon Gérôme:  Seguendo questo collegamento, potrai vedere cosa ne pensa (in inglese) un giovane youtuber.

    Leggi tutto >>
  • images/672.%202017%20adeguamento%20multe.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Codice della strada: adeguamento biennale degli importi per le sanzioni amministrative in vigore dal 1° gennaio 2017

    di Autostradafacendo - SIAS

    Come previsto dal Codice della Strada, gli importi delle sanzioni amministrative sono stati aggiornati al tasso di inflazione. Si tratta di un aumento tutto sommato modesto (0,1%), avente un impatto concreto sulle sole sanzioni più elevate.Riportiamo - nel seguito - il decreto 20 dicembre 2016 concernente “Aggiornamento degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie conseguenti a violazioni al codice della strada, ai sensi dell'articolo 195 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285.” Come pubblicato sulla GU Serie Generale n.304 del 30-12-2016.  IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE e IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Visto l'art. 195, commi 3 e 3-bis, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante il Nuovo codice della strada; Visto il decreto del Ministro della giustizia del 16 dicembre 2014; Ritenuto di dover provvedere, in conformità alla citata disposizione legislativa, all'aggiornamento delle sanzioni amministrative pecuniarie previste dal citato Nuovo codice della strada, in misura pari all'intera variazione dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, media nazionale, verificatasi nel biennio dal 1° dicembre 2014 al 30 novembre 2016; Considerato che l'indice di variazione percentuale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatosi nel biennio dal 1° dicembre 2014 al 30 novembre 2016, calcolato dall'Istituto nazionale di statistica, è dello 0,1%; Decreta: Art. 1 1. La misura delle sanzioni amministrative pecuniarie previste dal decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante il Nuovo codice della strada e successive modifiche e integrazioni, è aggiornata secondo la tabella I figurante in allegato al presente decreto. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e avrà effetto a decorrere dal 1° gennaio 2017. Roma, 20 dicembre 2016 Il Ministro della giustizia - Orlando Il Ministro dell'economia e delle finanze - Padoan Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti - Delrio Registrato alla Corte dei conti il 28 dicembre 2016 Ufficio controllo atti P.C.M. Ministeri giustizia e affari esteri, reg.ne - prev. n. 3322 Tabella I Gli importi delle sanzioni amministrative del pagamento di una somma, previste dal codice della strada, devono intendersi sostituiti come segue. Ove era prevista la sanzione da € 24 a € 98 la stessa rimane invariata.Ove era prevista la sanzione da € 25 a € 100 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 38 a € 156 la stessa rimane invariata.Ove era prevista la sanzione da € 39 a € 160 la stessa rimane invariata.Ove era prevista la sanzione da € 40 a € 161 la stessa rimane invariata.Ove era prevista la sanzione da € 40 a € 163 la stessa rimane invariata.Ove era prevista la sanzione da € 40 a € 164 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 41 a € 169 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 51 a € 100 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 77 a € 310 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 78 a € 311 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 80 a € 323 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 81 a € 321 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 81 a € 326 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 83 a € 331 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 84 a € 332 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 85 a € 338 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 100 a € 203 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 106 a € 425 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 127 a € 254 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 155 a € 621 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 155 a € 622.Ove era prevista la sanzione da € 155 a € 624 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 155 a € 625.Ove era prevista la sanzione da € 156 a € 627 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 156 a € 628.Ove era prevista la sanzione da € 157 a € 631 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 157 a € 632.Ove era prevista la sanzione da € 160 a € 644 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 160 a € 645.Ove era prevista la sanzione da € 161 a € 646 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 161 a € 647.Ove era prevista la sanzione da € 163 a € 651 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 163 a € 652.Ove era prevista la sanzione da € 164 a € 658 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 164 a € 659.Ove era prevista la sanzione da € 164 a € 663 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 164 a € 664.Ove era prevista la sanzione da € 169 a € 679 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 169 a € 680.Ove era prevista la sanzione da € 213 a € 850 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 213 a € 851.Ove era prevista la sanzione da € 218 a € 435 la stessa rimane invariata. Ove era prevista la sanzione da € 266 a € 1.062 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 266 a € 1.063.Ove era prevista la sanzione da € 286 a € 1.142 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 286 a € 1.143.Ove era prevista la sanzione da € 296 a € 1.183 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 296 a € 1.184.Ove era prevista la sanzione da € 319 a € 1.275 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 319 a € 1.276.Ove era prevista la sanzione da € 321 a € 1.282 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 321 a € 1.283.Ove era prevista la sanzione da € 327 a € 1.304 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 327 a € 1.305.Ove era prevista la sanzione da € 334 a € 1.335 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 334 a € 1.336.Ove era prevista la sanzione da € 356 a € 1.776 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 356 a € 1.778.Ove era prevista la sanzione da € 372 a € 1.488 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 372 a € 1.489.Ove era prevista la sanzione da € 388 a € 1.551 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 388 a € 1.553.Ove era prevista la sanzione da € 389 a € 1.559 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 389 a € 1.561.Ove era prevista la sanzione da € 400 a € 1.600 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 400 a € 1.602.Ove era prevista la sanzione da € 401 a € 1.609 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 401 a € 1.611.Ove era prevista la sanzione da € 406 a € 1.630 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 406 a € 1.632.Ove era prevista la sanzione da € 413 a € 1.656 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 413 a € 1.658.Ove era prevista la sanzione da € 422 a € 1.695 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 422 a € 1.697.Ove era prevista la sanzione da € 425 a € 1.699 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 425 a € 1.701.Ove era prevista la sanzione da € 531 a € 2.125 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 532 a € 2.127.Ove era prevista la sanzione da € 667 a € 2.671 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 668 a € 2.674.Ove era prevista la sanzione da € 711 a € 3.554 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 712 a € 3.558.Ove era prevista la sanzione da € 771 a € 3.101 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 772 a € 3.104.Ove era prevista la sanzione da € 775 a € 3.104 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 776 a € 3.107.Ove era prevista la sanzione da € 776 a € 3.111 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 777 a € 3.114.Ove era prevista la sanzione da € 778 a € 3.140 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 779 a € 3.143.Ove era prevista la sanzione da € 808 a € 3.238 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 809 a € 3.241.Ove era prevista la sanzione da € 814 a € 3.260 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 815 a € 3.263.Ove era prevista la sanzione da € 828 a € 3.313 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 829 a € 3.316.Ove era prevista la sanzione da € 848 a € 3.393 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 849 a € 3.396.Ove era prevista la sanzione da € 902 a € 3.607 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 903 a € 3.611.Ove era prevista la sanzione da € 947 a € 3.788 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 948 a € 3.792.Ove era prevista la sanzione da € 1.000 a € 4.000 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1001 a € 4004.Ove era prevista la sanzione da € 1.062 a € 3.187 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.063 a € 3.190.Ove era prevista la sanzione da € 1.062 a € 4.250 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.063 a € 4.254.Ove era prevista la sanzione da € 1.183 a € 11.835 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.184 a € 11.847.Ove era prevista la sanzione da € 1.335 a € 5.344 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.336 a € 5.349.Ove era prevista la sanzione da € 1.388 a € 13.876 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.389 a € 13.890.Ove era prevista la sanzione da € 1.775 a € 7.101 a stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.777 a € 7.108.Ove era prevista la sanzione da € 1.833 a € 7.334 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.835 a € 7.341.Ove era prevista la sanzione da € 1.880 a € 7.520 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.882 a € 7.528.Ove era prevista la sanzione da € 1.957 a € 7.829 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.959 a € 7.837.Ove era prevista la sanzione da € 1.988 a € 7.953 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 1.990 a € 7.961.Ove era prevista la sanzione da € 2.004 a € 8.017 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 2.006 a € 8.025.Ove era prevista la sanzione da € 2.671 a € 10.689 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 2.674 a € 10.700.Ove era prevista la sanzione da € 4.734 a € 18.935 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 4.739 a € 18.954.Ove era prevista la sanzione da € 10.879 a € 16.319 la stessa deve intendersi sostituita con quella da € 10.890 a € 16.335.

    Leggi tutto >>
  • images/671.%202016%20bilancio%20Polstrada.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Polizia Stradale: il 2016 ci ha portato più incidenti, ma meno vittime

    di Fonte: Polizia di Stato

    Con 485.141 pattuglie di vigilanza stradale, la Polizia Stradale ha accertato 2.078.097 infrazioni al codice della strada. Ritirate 44.587 patenti di guida e 44.674 carte di circolazione; 3.107.124 i punti complessivamente decurtati. I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 1.396.910 di cui 17.867 sanzionati per guida in stato di ebbrezza alcolica (-2%), mentre quelli denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono stati 1.245 (5,9% in più del 2015). A seguito della introduzione, con la L.29.07.2010, n.120, del divieto assoluto di bere per talune categorie di conducenti – minori di 21 anni, neopatentati e trasportatori professionali di persone e cose – la Polizia Stradale ha accertato, al 14 dicembre dell’anno in corso, 849 infrazioni per guida con tasso alcolemico da 0,1 a 0,5 g/l. L’andamento del fenomeno infortunistico, rilevato da Polizia Stradale ed Arma dei Carabinieri (al 20 dicembre 2016), se da un lato ha fatto registrare un lieve aumento nel numero complessivo degli incidenti (73.836, lo 0,8% in più rispetto al 2015) ed in quello delle persone ferite (50.472, +0,7%), dall’altro ha evidenziato una inversione di tendenza relativamente all’incidentalità con conseguenze mortali, con una diminuzione dei sinistri – 1.507 - del 4,3% (67 in meno) e delle vittime – 1.620 – del 4,5% (76 deceduti in meno).L’ISTAT, che quest’anno ha pubblicato una stima preliminare del fenomeno infortunistico rilevato da tutti gli organi di polizia stradale nei primi sei mesi dell’anno 2016, ha rilevato un decremento degli incidenti stradali con lesioni alle persone dello 0,8% rispetto ai primi sei mesi dell’anno 2015, insieme ad un decremento del numero delle persone decedute del 4,7% e delle persone ferite dello 0,5%.Dall’inizio dell’anno all’11 dicembre scorso, nelle notti dei fine settimana (dalle ore 00,00 alle 06,00 di sabato e domenica), Polizia Stradale ed Arma dei Carabinieri hanno impiegato nei posti di controllo 172.366 pattuglie, rilevando 2.730 incidenti (224 in meno rispetto al 2015) che hanno cagionato 119 vittime (35 in meno dello scorso anno). I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 232.952 (-6,5%), il 5,1% dei quali (pari a 11.901, di cui 10.245 uomini e 1.656 donne) è risultato positivo al test di verifica del tasso alcolemico (nel 2015 la percentuale era del 5,3%). Le persone denunciate per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti sono state, invece, 391.  I veicoli sequestrati per la confisca 662. Nel 2016, dalla metà di marzo a tutto settembre, è stata effettuata una nuova campagna di servizi per il contrasto della guida dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti – con impiego congiunto di personale della Specialità Polizia Stradale e dei medici e personale sanitario della Polizia di Stato – sul territorio di 39 province. Complessivamente sono stati attivati 420 posti di controllo, con l’impiego di 2.594 operatori e 598 tra medici e personale sanitario della Polizia di Stato. I conducenti controllati sono stati 17.565, il 4,6% dei quali (pari a 801) è risultato positivo all’alcol con un tasso alcolemico superiore a 0,5 g/l, mentre l’1,8% (pari a 310 conducenti) è risultato positivo ad una o più sostanze stupefacenti nel corso dei test su strada. Per tali soggetti (oltre al ritiro cautelativo della patente, come previsto dal C.d.S.) si è pertanto proceduto al prelievo su strada di campioni salivari, inviati a Roma presso il Centro di Tossicologia Forense della Polizia di Stato per le analisi di laboratorio. Queste ultime hanno confermato la positività ad almeno una sostanza psicoattiva di 215 conducenti, pari al 69,4% di quelli (310) risultati positivi al test di screening su strada, ed al 1,2% dei conducenti complessivamente controllati. È in corso una nuova campagna di controlli che interesserà l’intero periodo delle festività e si concluderà a gennaio 2017, prima di essere estesa ad ulteriori porzioni del territorio nazionale. L’utilizzo sistematico del Tutor, articolato su 333 siti su un totale di circa 3.100 km di autostrada, ha consentito di accertare, dal 1° gennaio al 30 novembre 2016, 592.371 violazioni dei limiti di velocità, il 42,7% in più rispetto all’analogo periodo del 2015, con una media di violazioni accertate per ora di funzionamento del sistema pari a 2,4. Il sistema Vergilius – attivo su alcuni tratti delle strade statali SS 1 Aurelia, SS 7 quater Domitiana, SS 309 Romea e SS 145 var. Sorrentina – nei primi 11 mesi del 2016 ha accertato 10.763 violazioni dei limiti di velocità, con una media per ora di funzionamento pari a 0,73 violazioni. ll medesimo sistema, attivo sui primi 100 chilometri dell’autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria, a tutto novembre 2016 ha rilevato 92.128 violazioni, con una media di 1,6 infrazioni per ora di funzionamento. Controlli nel settore trasporto professionale. In ossequio agli obbiettivi delineati nel protocollo d’intesa tra Ministro dell’Interno e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del luglio 2009, la Polizia Stradale, nel corso del 2016, ha continuato a dare forte impulso ai servizi di controllo nel settore del trasporto professionale (svolti anche congiuntamente al personale del Dipartimento Trasporti Terrestri con i Centri Mobili di Revisione). Sono stati effettuati 3.780 servizi da 21.444 operatori di polizia che hanno controllato 50.013 veicoli pesanti di cui 8.609 (pari al 17,2%) stranieri, con l’accertamento di 38.288 infrazioni, per 394 patenti e 751 carte di circolazione ritirate. Inoltre, nel corso del 2016, d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sono stati attivati controlli d’iniziativa o su segnalazione dell’istituto scolastico mirati al controllo degli autobus destinati al trasporto di scolaresche per gite o viaggi d’istruzione. Nei primi 10 mesi dell’anno sono stati sottoposti a controllo 13.822 autobus, dei quali 2.377 hanno evidenziato almeno una irregolarità, per un totale di 3.413 infrazioni. Dal 1° gennaio al 20 dicembre 2016 ai servizi programmati mensilmente a livello regionale sono stati affiancati dispositivi specifici pianificati a livello nazionale, secondo il modello delle “Operazioni ad Alto Impatto”, nella misura di circa 4 al mese, su materie particolarmente avvertite nella sensibilità collettiva. Le “operazioni” realizzate - complessivamente 39 - hanno riguardato controlli di legalità nel settore dell’autotrasporto (principalmente di persone, di animali vivi e di sostanze alimentari), controlli della copertura assicurativa, degli pneumatici dei veicoli, sull’uso corretto degli apparati radio telefoni alla guida di veicoli, dei sistemi di ritenuta e cinture di scurezza nonché controlli dell’attività di autodemolizione. Campagne di informazione ed educazione stradale Nel corso dell’anno sono state realizzate numerose campagne di informazione ed educazione stradale. - Campagna di sicurezza stradale del Pullman Azzurro al Giro d’Italia 2016L’iniziativa è stata rivolta agli studenti di scuole elementari e, facendo leva sul clima festoso della manifestazione sportiva, ha coinvolto i giovani per affermare la cultura della legalità sulle strade ed in particolare il rispetto delle regole nell’uso della bicicletta. La campagna è stata svolta mediante l’impiego dei due Pullman Azzurri, uno dei quali impiegato quale aula scolastica multimediale itinerante per lo svolgimento di lezioni di sicurezza stradale mentre il secondo finalizzato al trasporto dei ragazzi che possono così “vivere” la tappa in compagnia della Polizia dalla partenza all’arrivo. - ICARO 16 - promosso dalla Polizia di Stato in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università “Sapienza” di Roma, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Moige (Movimento Italiano Genitori), la Fondazione ANIA per la sicurezza stradale, la Federazione Ciclistica Italiana, la società SINA ed il gruppo autostradale ASTM-SIAS nonché Autostrada del Brennero. Quest’anno l’iniziativa è stata intitolata “2 ruote in sicurezza” e ha focalizzato l’attenzione sulle regole da rispettare nella mobilità sui mezzi a due ruote. - Inverno in sicurezzaLa campagna di sensibilizzazione sugli pneumatici, in collaborazione con Assogomma e Federpneus nel periodo invernale, si è svolta effettuando mirati servizi di controllo per verificare il corretto equipaggiamento del veicolo durante l’inverno ovvero il montaggio di pneumatici invernali o la dotazione di catene a bordo. Strumenti indispensabili per garantire una mobilità sicura nella stagione del maltempo ove il manto stradale si può presentare particolarmente scivoloso. - Biciscuola – promosso dal RCS Sport – La Gazzetta dello Sport ed in collaborazione con il MIUR. È un’iniziativa correlata al Giro d’Italia e rivolta in via esclusiva alle scuole Primarie di tutta Italia al fine di sensibilizzare i giovani al rispetto per l’ambiente e alle regole della sicurezza e dell’educazione stradale. - “Guida e basta” in collaborazione con ANAS S.p.A., finalizzata a sensibilizzare gli utenti della strada sui rischi derivanti da comportamenti imprudenti in particolare da quelli dovuti all’uso scorretto di smartphone e cellulari alla guida. - ANIA Campus – iniziativa realizzata dalla Fondazione ANIA in collaborazione con la Polizia di Stato e la Federazione Motociclistica Italiana e dedicata alla sicurezza stradale sulle due ruote. - “Sulla strada della Sicurezza” – Seminari di formazione organizzati in diverse regioni italiane nell’ambito di un Protocollo d’intesa siglato tra Enel Green Power e la Polizia di Stato e rivolti ai dipendenti del Gruppo Enel Green Power ed Enel Mercato allo scopo di diffondere la cultura della legalità e della prevenzione degli incidenti stradali con particolare riferimento agli incidenti in itinere. - Campagna Federazione Italiana ThriatlonL’iniziativa è stata rivolta alla tutela dei ciclisti quali utenti deboli della strada, inserendosi nell’ambito della collaborazione con la Federazione Italiana Thriatlon: la Polizia Stradale ha svolto il servizio di scorta alle diverse competizioni ciclistiche di livello nazionale all’interno dello sport Thriatlon per la stagione agonistica 2016. Educazione al rispetto delle regole della strada con particolare riferimento all’uso della bicicletta e dei ciclisti quali “utenti vulnerabili” della strada. - Vacanze sicureLa campagna di sensibilizzazione sugli pneumatici, svolta in collaborazione con Assogomma e Federpneus, si è svolta nel periodo estivo in occasione delle partenze per le vacanze, predisponendo dispositivi di controllo finalizzati alla verifica della corretta manutenzione degli pneumatici, in particolare pressione ed usura, sensibilizzando al contempo l’utenza ad una tenuta corretta e rispettosa dei parametri previsti dal Codice della Strada. - La Stradale al salone dell’EICMA di MilanoDall’8 al 13 novembre 2016 il Salone del motociclo a Milano ha ospitato uno stand della Polizia Stradale, con mezzi e attrezzature dove è stato possibile percorrere un piccolo circuito indossando degli speciali occhiali graduati che simulano gli effetti dello stato di ebbrezza e della stanchezza. - L'ABC - Polizia Stradale ed Autostrada del BrenneroÈ proseguita anche nel 2016 la campagna itinerante che vede protagonisti Polizia Stradale, Autostrada del Brennero e Fondazione Aida: tra le iniziative dirette alle scuole, vi è anche un laboratorio interattivo sui temi della sicurezza stradale ed un libretto didattico. In alcune tappe è stato presente anche il Pullman Azzurro. - Progetto Chirone – dalla parte delle VittimeProsegue il progetto Chirone che individua un nuovo ruolo del poliziotto della Stradale e della Ferroviaria; un ruolo di vicinanza alle persone coinvolte nelle tragedie, spesso invisibili e presto dimenticate. Un manuale creato ad hoc stabilisce fornisce alcune linee guida per aiutare i poliziotti e le vittime ad affrontare emotivamente la tragica notizia della morte improvvisa di un familiare per incidente o per suicidio. - La Polizia Stradale al Motor Show di BolognaDal 3 all’11 dicembre 2016 è stato allestito all’interno del quartiere fieristico di Bologna, uno stand della Polizia Stradale, con mezzi e attrezzature della Specialità dove sono stati organizzati.

    Leggi tutto >>

Pagina 1 di 51

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

fotoGo Ahead Drink and Drive sign

fonte: sanjeev.net

videoNI Road Safety Advert 2012

fonte: DOE

tipologia: campagna di sensibilizzazione

lingua: Inglese

categoria(e):  Rischi da prevenire, Drammatico

videoLa distrazione che uccide

fonte:  campagna francese per la sicurezza stradale.

tipologia:

lingua: Francese

categoria(e): Rischi da evitare, Drammatico

videoMetti in moto BOB!

fonte:  ITIS A.Avogadro di Torino  Laboratorio AvoVideo

tipologia:

lingua: Italiano

categoria(e): Divertente, giovani

videoMACCHINE CHE PERDONO TOTALMENTE IL CONTROLLO A CAUSA DELLA NEVE

fonte: KING5.COM

tipologia: Telecamera autostradale o cittadina

lingua: Italiano

categoria(e): Casi reali, Città, Divertente, Luoghi comuni

videoin questo video un guidatore in stato di ebbrezza causa un incidente e uccide la moglie.

fonte: TAC

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Drammatico, Famiglie, Giovani, Rischi da prevenire

videoQUESTO VIDEO CI MOSTRA CHE EFFETTI HA L' ALCOOL SUL NOSTRO CERVELLO.

fonte: AUSTRALIAN ROAD AND TRAFFIC AUTHORITY

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Città, Rischi da prevenire

videoVideo molto inquietante sulla guida in stato di ebbrezza realizzato dalla UK road safety per il Natale del 2000.

fonte: UK ROAD SAFETY

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Casi reali, Divertente, Rischi da prevenire

videoQuesto video attraverso una simulazione ci da un buon motivo per indossare il casco.

fonte: N.D.

tipologia: Amatoriale

lingua: Inglese

categoria(e): Giovani, Rischi da prevenire

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

augusto

Q.V.M.S. QVOD VIAE MUNITAE SVNT

Le strade tra storia ed archeologia a 2000 anni da Augusto Imperatore

Clicca qui per scaricare l'ebook.

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>