Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/proteggi%20i%20bambini.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Perché vai forte? Uno spot … ruvido in arrivo dal Belgio

    di Francesco Magagnoli – SINA

    In questa pagina avevamo già parlato di una campagna Belga in cui gli ignari guidatori venivano invitati al proprio funerale.Il promotore di quella campagna, l’Institut Belge pour la Sécurité Routière (IBSR), ha lanciato un nuovo video, che vede come protagonista una bambina sopravvissuta ad un incidente stradale. Con questa nuova iniziativa, la comunicazione belga abbandona l'approccio surreale, ma mantiene la linea dura.  La bambina racconta infatti l’esperienza drammatica di una sua coetanea che è rimasta paralizzata dopo essere stata coinvolta in un incidente con la propria madre.In chiusura, è la bambina a richiamare gli automobilisti alle proprie responsabilità di guidatori. Questa particolare testimonial, prova a fare breccia nella mente degli automobilisti sfruttando il pathos ed il senso di protezione che gli adulti hanno verso i bambini.La protezione dei minori ed i bambini come testimonial li abbiamo già visti anche nella campagna “Sulla buona strada”  recentemente lanciata dal Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, la campagna nazionale che vuole contribuire all'azzeramento della mortalità dei bambini su strada. Attraverso questi collegamenti puoi leggere i relativi articoli pubblicati su Autostradafacendo: 1, 2 , 3.

    Leggi tutto >>
  • images/Intervistasgalla.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Il futuro è dei giovani

    di Delfina Distefano – Ministero dell’Interno – Servizio di Polizia Stradale

    È stata pubblicata nelle settimane scorse l’intervista rilasciata al quotidiano “Il Giorno” dal direttore centrale per le Specialità della Polizia di Stato Roberto Sgalla. Nel corso dell’intervista il direttore Sgalla ha ricordato che, per l’Italia come per tutti i Paesi europei, l’obiettivo fondamentale è quello di ridurre del 50% la mortalità per incidente stradale entro il 2020. Bisogna infatti proseguire con determinazione nell’opera di riduzione delle vittime della strada che, fortunatamente, negli ultimi anni sono in progressivo e continuo calo.  Al fine di riuscire a rispettare questo importante obiettivo vari sono gli strumenti che possono essere utilizzati e che la Polizia Stradale impiega costantemente. Il direttore Sgalla ha posto in particolare l’accento sull’importanza rivestita dall’educazione e dalle campagne di sensibilizzazione dirette ai giovani, per i quali l’incidente è la prima causa di morte: per costruire una solida cultura della sicurezza stradale occorre infatti partire dall’età più fertile all’apprendimento. I ragazzi, inoltre, sono i migliori portavoce nel mondo degli adulti. Il progetto interministeriale ICARO dedicato ai ragazzi, giunto alla sua quindicesima edizione, va proprio in questa direzione,  ed in questi anni ha toccato tutte le province italiane portando il proprio messaggio di rispetto della legalità e della vita a più di 200.000 studenti delle scuole di ogni ordine  e grado.  Quest’anno ICARO è dedicato alla protezione degli utenti vulnerabili, in particolare alla tutela dei ciclisti: è la bici infatti il primo veicolo ad essere utilizzato ed anche uno dei principali compagni di avventure dei bambini. Che impareranno le regole della sicurezza, giocando. Leggi qui l’intervista completa su Autostradafacendo!

    Leggi tutto >>
  • images/Isolitisuv.jpg

    Esercizio e tecnologie

    I soliti SUV!

    di Lug il Marziano

    La foto è eloquente: una bicicletta schiacciata sotto la ruota di un SUV! Qualche tempo fa. Siamo a Bruxelles, nel trantran, con le mani un po' intirizzite dal freddo della mattina. Stavo camminando per prendere la metro, quando sento il rumore di auto che schiaccia qualcosa, seguito dall'inconfondibile (mi è molto familiare) botto dell'esplosione della camera d'aria.    Mi volto e vedo la scena pochi secondi prima che riuscissi a scattare la foto. La bicicletta era sotto il SUV, ma il ciclista era per fortuna in piedi e apparentemente illeso. Il conducente del SUV è sceso protestando, ma il ciclista gli ha fatto notare il cartello che consente la risalita delle biciclette contromano. A quel punto il conducente ha alzato le mani e si è arreso. La foto è stata scattata mentre cominciavano a parlare... Non un urlo si è alzato dal duo.Va notato che la bassa velocità delle zone 30 di Bruxelles, ottenuta anche mediante l'opportuna sagomatura delle strade, ha evitato che l'incidente finisse molto male. Autostradafacendo è lieta di ospitare la voce dei diversi attori interessati alla sicurezza stradale, oggi è il caso di Lug che, in quanto marziano, è il blogger di Roma Ciclista ma, nella vita di tutti i giorni, risulta anche un assiduo ciclista, nonché noto operatore del settore dei trasporti.

    Leggi tutto >>
  • images/firmiamoperibambini.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Cinture di sicurezza: lanciata una petizione al Ministro Lupi

    di Francesco Magagnoli – SINA

    "Il conducente che permette ai passeggeri, specie se minorenni, di viaggiare senza cintura di sicurezza o sistemi di ritenuta, oltre alle normali sanzioni, può essere considerato responsabile dei danni fisici subiti dagli stessi", così recita l'art. 172 del Codice della strada. E' una misura sufficiente? Nel 2013 sono stati circa 800 gli incidenti significativi che hanno coinvolto i minori. In questo modo hanno perso la vita 52 bambini da 0 a 13 anni ed oltre 900 bambini hanno riportato lesioni importanti. Questi sono i dati forniti dall’Osservatorio ASAPS, clicca qui per leggerli più diffusamente e per leggere il racconto di alcuni incidenti che hanno visto coinvolti dei bambini non correttamente allacciati alle cinture di sicurezza. Saranno di più nel 2014?  Altro che sanzioni. Sette giorni agli arresti domiciliari, senza condizionale, per chi trasporta in auto bimbi privi di seggiolino o cintura di sicurezza … Questo è quanto chiede la petizione diretta al Ministro delle infrastrutture e dei Trasporti, petizione promossa da Nicolò Caramagno, ingegnere che si occupa di Sicurezza stradale.Attraverso questo collegamento puoi trovare e firmare la petizione diretta al Ministro Lupi.Sicurauto riprende la notizia in questa pagina e rincara dicendo che anche la Spagna segue una linea di pensiero verso la tolleranza zero nei confronti di questo tipo di fenomeno, collegando il codice penale al codice della strada. Sempre Sicurauto richiama poi uno studio del 2010 promosso da FIAT ed ACIF da cui emergeva che 2 italiani su 3 non usavano il seggiolino.Anche la campagna del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti “Sulla buona strada” ha acceso un faro sul tema dei bambini, coerentemente con l'obiettivo 2020 di zero bambini morti sulla strada.Un precedente articolo di Autostradafacendo aveva affrontato il tema delle cinture proprio a partire da uno degli incidenti richiamati anche da ASAPS. L'immagine della bambina viene dal progetto "bimbi in auto" del MOIGE.

    Leggi tutto >>
  • images/cinturedisicurezzanecessarie.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Cinture di sicurezza: un problema del passato?

    di Autostradafacendo

    Il 27 e 28 novembre 2014 si è svolto il XXVII Convegno Nazionale Stradale organizzato dal Comitato Nazionale Italiano dell'Associazione Mondiale della strada (AIPCR/PIARC). Quasi 400 delegati da tutta Italia hanno seguito i due giorni del Convegno che si è tenuto presso la Scuola Superiore di Polizia in Roma.E' stata l'occasione per presentare i quaderni predisposti elaborati dai comitati nazionali che presidiano le differenti tematiche inerenti la costruzione, l'efficienza, la sostenibilità e la sicurezza delle infrastrutture stradali. Il Comitato Nazionale su "Politiche e programmi per la sicurezza stradale" ha deciso di accennare solamente ai contenuti del quaderno, concentrando invece il dibattito su un unico tema: Cinture di sicurezza, un problema del passato?Il dibattito, moderato da Ciro Esposito, ha avuto un lancio da parte del competente Direttore Generale del MIT, Sergio Dondolini, e si è poi articolato grazie al contributo degli autori del quaderno. Pierina Azzarda, nella vignetta in cui viene sbalzata dall'automobile, ha fatto da sfondo all'intero dibattito.I dati relativi al non utilizzo delle cinture di sicurezza - impressionanti - sono riportati anche in questa paginetta di sintesi, che contiene anche alcuni spunti che sono risultati oggetto del dibattito.Nella prima giornata del convegno, sono stati consegnati i premi ai cinque vincitori del Concorso AIPCR per le Università d'Italia. Oltre il 50% delle tesi proposte all'associazione e ritenute per la valutazione afferivano al tema della sicurezza stradale.

    Leggi tutto >>
  • images/nonperdiamodivistastriscepedonali.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Strisce pedonali … ed i bambini ci hanno ringraziato

    di Giovanni Mistrangelo e Rita Sorianello – Polizia Stradale di Torino

    Quando siamo su strada, specialmente se in compagnia dei bambini, il rispetto delle regole del buon senso, ancora prima di quelle del codice della strada non solo ci evitano dei rischi ma ci aiutano a comunicare ai più piccoli i comportamenti corretti da tenere. L'obiettivo è semplice: la serenità e la sicurezza negli spostamenti. I comportamenti irrazionali, spesso compiuti con superficialità e disattenzione, sono causa di conseguenze irreparabili che mai avremmo voluto provocare. Chi vorrebbe rischiare una situazione grave (vedi ad esempio questo caso) pur di passare davanti ad un pedone che accenna l'attraversamento … sia pur anche fuori delle strisce? AI bambini bisogna far comprendere, anche con il nostro esempio, che quando sono pedoni sono vulnerabili e pertanto è richiesto loro una maggiore attenzione per essere sempre visibili rispetto ai conducenti dei veicoli in transito. Attraversare sulle strisce osservando i comportamenti dei conducenti che sopraggiungono per valutare che si siano effettivamente resi conto della nostra presenza durante l’attraversamento, sono misure di auto-protezione a prescindere dal rispetto di una norma legge che comunque va rispettata.Molti investimenti sono riconducibili al mancato avvistamento da parte dei conducenti dei pedoni che si accingono ad attraversare la strada sbucando all’improvviso da dietro a degli ostacoli posti lungo il margine della carreggiata: siepi, alberi, strutture murarie, veicoli in sosta, autobus in fermata per la discesa dei passeggeri …Facciamoci vedere !!! … e una volta iniziato l’attraversamento non indugiamo nei movimenti, cosa questa che potrebbe confondere il conducente di un veicolo che sta sopraggiungendo e soprattutto non fermiamoci in mezzo la strada e non mettiamoci a correre con il rischio d’inciampare e cadere a terra.   Anche Autostradafacendo ha ricordato in varie occasioni l’importanza della sicurezza degli utenti deboli e dei bambini, come è possibile vedere anche dal gioco della sicurezza stradale e dal nuovo album da disegno.Consigliamo di far vedere ai bambini la pillola di sicurezza che abbiamo realizzato insieme ad Autostradafacendo e a tanti bambini torinesi. Attraverso questo e quest’altro collegamento puoi vedere articoli su altri temi realizzati sempre lo scorso 5 giugno in occasione di una giornata di gioco e cultura, organizzata dal Museo dell’Ambiente di Torino.

    Leggi tutto >>
  • images/NOI%20PER%20VOI.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Edoardo Svelto e i suoi colleghi vegliano su di voi

    di Mauro Milan - Autostrada Asti-Cuneo

    Pubblichiamo il terzo articolo relativo all’evento organizzato dal Museo dell’Ambiente di Torino al quale Autostradafacendo ha dato il proprio attivo contributo lo scorso 5 giugno. Qui e qui puoi leggere i relativi articoli pubblicati in precedenza. Durante l’evento, gli operatori autostradali del gruppo ASTM/SIAS hanno mostrato ai giovani partecipanti alla giornata (bambini appartenenti alle classi della scuola primaria e dell’infanzia) in che cosa consista il loro lavoro sulle tratte autostradali.  Nello specifico, ai bambini sono stati mostrati tutti i dispositivi che gli ausiliari del traffico usano per segnalare in loco le situazioni di criticità per la circolazione autostradale (lavori, incidenti, ecc…) e per mettere in sicurezza materialmente la sede stradale. Edoardo Svelto ed i suoi colleghi fanno quindi tutto il possibile per garantire la sicurezza degli utenti in viaggio sulle tratte autostradali ma anche i viaggiatori devono fare il proprio dovere, rispettando il loro lavoro e guidando con prudenza….non comportandosi come il guidatore di questa vignetta!Per vedere tutti i dettagli della dimostrazione guarda qui il video….noi per voi per la sicurezza stradale!!

    Leggi tutto >>
  • images/no%20Dixtraction.jpg

    Esercizio e tecnologie

    No diXtraction ….. ecco il video premiato da ICARO

    di Delfina Di Stefano – Ministero dell’Interno – Servizio di Polizia Stradale

    Lo scorso 7 novembre (vedi anche quest’articolo), sono stati premiati i vincitori della quattordicesima edizione di ICARO, il Progetto interministeriale per la sicurezza stradale. I vincitori della scuola di primo grado, per la categoria SPOT/VIDEO sono risultati i ragazzi dell’ Istituto Comprensivo “Vittorino da Feltre” di Caltagirone (CT) con il video “nodixtraction”, che vi invitiamo a vedere seguendo questo collegamento. Il video, molto gradevole e divertente, ci racconta in maniera leggera ma molto chiara i rischi derivanti da distrazione e sonnolenza al volante. Sono molte le cause che ci fanno perdere la concentrazione alla guida, a partire dall’utilizzo scorretto dei telefoni cellulari come di tutte le tecnologie che ci fanno normalmente compagnia. Qui, qui e qui è possibile vedere alcuni messaggi sulla distrazione, raffigurati tramite le vignette di Autostradafacendo. La stanchezza è poi un altro grande pericolo per chi guida: mai mettersi al volante se non abbiamo riposato bene o abbiamo mangiato tanto, i nostri riflessi potrebbero allentarsi. Un colpo di sonno non avvisa: fermiamoci al primo segno di stanchezza. Il rischio è uscire di strada con conseguenze molto serie, come indicato anche in questa e quest’altra vignetta comportamentale.

    Leggi tutto >>
  • images/Impararegiocando.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Imparare giocando: i ragazzi delle scuole di Pisa incontrano SALT e la sicurezza stradale

    di Claudio Farnesi e Remo Pagliai - SALT

    Sabato 18 ottobre 2014 si è svolta la manifestazione di educazione stradale per bambini “Imparare Giocando”, con l’allestimento di percorsi contrassegnati da segnali stradali, dove i bambini delle scuole elementari hanno potuto effettuare una simulazione di guida con i go kart. La manifestazione ha fatto seguito all’attività sviluppata nelle classi con la collaborazione della Polizia Municipale e della Polizia Stradale.Salt, anche in questo contesto di festa, ha mantenuto entrambi gli occhi sulla sicurezza stradale e sull'educazione stradale. Ha infatti portato il proprio contributo, con l’utilizzo del materiale della Campagna promossa dalla Società Concessionarie del Gruppo SIAS/ASTM con il supporto tecnico di SINA. Tra le decine di bambini, che si accalcavano intorno al punto informativo, hanno riscosso grandissimo successo, la Ruota della Sicurezza Stradale ed il gioco di Autostradopoli. Una bella occasione per parlare di sicurezza, in modo semplice e “seriamente” divertente, coi bambini, che si mostravano attenti ed informati, facevano domande e calzanti esempi presi dalla loro esperienza quotidiana e con i loro genitori, presenti in grande quantità. Imparare Giocando è una iniziativa dell’Automobile Club Pisa con la collaborazione del Comune di Pisa, della Polizia Stradale, della Croce Rossa Italiana, dell’AVIS, ed il sostegno del Centro Commerciale Pisanova. Maggiori informazioni sulla manifestazione nelle trasmissioni dell’emittente pisana 50 Canale, all’interno della rubrica Focus: giovedì 23 ottobre alle 21.05 – venerdì 24 ottobre alle ore 00.30 – sabato 25 ottobre alle ore 14.30.

    Leggi tutto >>
  • images/ESERCITAZIONETORINOSAVONA.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Montezemolo: galleria in sicurezza per Autostrada Torino-Savona

    di Maurizio Deiana – Autostrada Torino Savona

    In ottemperanza a quanto previsto dalla disciplina italiana ed europea ('), lo scorso 29 ottobre 2014, con il coordinamento delle Prefetture di Cuneo e Savona, i servizi di pronto intervento e l'Autostrada Torino Savona S.p.A. hanno organizzato un’esercitazione interforze nella galleria Montezemolo, ubicata sulla carreggiata direzione Savona, tra le stazioni autostradali di Ceva e Millesimo. Pertanto, a partire dalle ore 21 del 29 ottobre e fino al termine dell’esercitazione, già prevista per le ore 2.00 del 30 ottobre, la tratta Ceva – Millesimo, la carreggiata in direzione Savona, è rimasta chiusa al traffico per permettere lo svolgimento dell’esercitazione. L’esercitazione ha simulato un incidente in galleria ed in tal modo è stata verificato sul campo il corretto funzionamento della catena di informazione e comando, nonché l'implementazione delle procedure d’emergenza previste in casi di questo tipo. Hanno contribuito alla parte operativa il personale della Polizia Stradale, dei Servizi di Pronto Intervento della Concessionaria ed era presente il responsabile della sicurezza della galleria.Seguendo questi collegamenti puoi trovare le risorse multimediali relative all’esercitazione:- Il video con la chiamata d’emergenza e l’arrivo dei pompieri e quello con l’arrivo dei soccorsi sanitari. - il video di sintesi (durata 4 min 31 sec) con le principali immagini - Foto dello scenario con la simulazione incidente Scarica - Foto delle operazioni di soccorso Scarica Seguendo questo collegamento puoi leggere la notizia di una esercitazione di sicurezza, che ha visto Autocamionale della CISA come protagonista. (') D. Lgs. 5 ottobre 2006, n. 264 “Attuazione direttiva 2004/54/CE in materia di sicurezza per le gallerie della rete stradale transeuropea”

    Leggi tutto >>

Pagina 1 di 25

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

videoLe piste ciclabili

fonte: Polizia di Stato

tipologia: Campagna di sensibilizzazione

lingua: Italiano

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da evitare

videoFrancesco Guccini - Canzone per un'amica - In morte di S.F.

fonte: utenti di Youtube

tipologia: Brano musicale

lingua: Italiano

categoria(e): Casi reali, Artistico

videoLa campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

fonte:  Cinecittà Luce

tipologia: campagna di sensibilizzazione

lingua: Italiano

categoria(e):  Divertente, Casi reali

videoYour Last Text - Texting while Driving

fonte:PicVidProductions

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Buoni comportamenti

videoVIDEO DIVERTENTE SULLA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA

fonte: US DEPARTMENT OF TRANSPORTATION

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Divertente, Giovani, Rischi da prevenire

videoNEL FILMATO SI VEDE UN INCIDENTE CHE HA PROVOCATO L'INCENDIO DI MOLTI CAMION NEI ALL'USCITA DI UNSA GALLERIA

fonte:

tipologia: Amatoriale

lingua: ING

categoria(e): Autostrada, Casi reali, Drammatico, Galleria, Prefessionisti della guida

videoquesto video ci mostra la differenza tra un impatto con il casco ed uno senza.

fonte: N.D.

tipologia: Amatoriale

lingua: Inglese

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da prevenire

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

easyway

Il progetto europeo "EasyWay" vuole individuare delle immagini per i pannelli informativi autostradali che risultino comprensibili anche senza messaggi verbali. Questa prova consiste nel testare vari segnali simultaneamente in 13 paesi europei, in un ambiente simulato.

La tua partecipazione può aiutare a decidere quali, fra i nuovi disegni, sono più utili. Per un corretto funzionamento del simulatore, deve essere installato un plug-in (sicuro). Clicca qui per accedere al test.