Campagna per la Sicurezza Stradale

Roberto AzzardaCristina SvegliaPierina Azzarda
Carletto AzzardaEster SciantosiEmanuele Giusto
Edoardo Svelto Federico Prudente Pio Claudia Semprepronta
Alberto Risoluto Mario Nero Teresa Tormenta
Fabrizio Sotuttoio Geremia Azzarda

 

 

Bookmark and Share 

 

 

Mettiti alla guida della tua vita!

Conosci tutti personaggi della Campagna

emanuele

Emanuele Giusto

Lavora per la Polizia Stradale ed ha il naso fino del poliziotto: in modo istintivo, sente dov’è il pericolo. Così facendo, spesso riesce ad arrivare in tempo per prevenire i problemi o mitigare efficacemente le conseguenze. Sente la tutela della salute e dell’ordine pubblico come un suo imperativo categorico, quindi affronta con serenità la fatica ed i rischi del mestiere. È grande amico di Edoardo e di Roberto. Quando la sera va in pizzeria con loro, rinuncia alla birra e si propone sempre come guidatore designato.

Tutti i consigli [+]

Un consiglio per rimanere in sicurezza

Mantenete sempre la distanza di sicurezza

Se avete provocato o avete assistito ad un incidente fermatevi e prestate assistenza

Indossate sempre, anche per brevi tragitti, la cintura di sicurezza

Fissate bene il vostro carico

Tenete la posizione sulla strada

Controllate i pneumatici

Controllate lo stato di usura del battistrada

Come trasportare gli animali domestici

Vietatissimo abbandonare gli animali

MANTENETE SEMPRE LA DISTANZA DI SICUREZZA

La 'distanza di sicurezza' è la distanza che ogni veicolo deve mantenere da quello che lo precede, per potersi arrestare, quando necessario, senza tamponarlo. Nel calcolo di questa distanza, si dovrebbe considerare l'equivalente della distanza percorsa in un secondo, cioè nel tempo mediamente impiegato per decidere se l'accensione dello stop del veicolo che precede implica la necessità di una nostra frenata e quindi agire di conseguenza. Si dà infatti per scontato che il veicolo davanti ha uno spazio di arresto uguale a quello del veicolo che segue. Tieni conto che al raddoppio della velocità corrisponde uno spazio di frenata quadruplo, per non scendere mai non scendere mai al di sotto delle distanze di sicurezza, guarda i calcoli di Edoardo e considera la seguente tabella per valutare le distanze:

Distanza in metri Equivalente a
25 lunghezza di due autobus
40 più di due autotreni
100 un campo da calcio

Attenzione allo stato dei freni, dei pneumatici e al carico del veicolo. Se tutto non è perfettamente efficiente e il carico è eccessivo lo spazio di frenata si allungherà di molto, e sarà quindi necessario aumentare le distanze almeno della metà!

SE AVETE PROVOCATO O AVETE ASSISTITO AD UN INCIDENTE FERMATEVI E PRESTATE ASSISTENZA

Attenzione! Se avete provocato un incidente il Codice della strada dice che avete l'obbligo di fermarvi e di prestare assistenza a coloro che, eventualmente, abbiano subìto danno. Dovete fermarvi anche se non avete provocato l’incidente ma vediate una persona ferita. Se non lo fate, rischiate la reclusione fino a un anno e una multa fino a 2.500 euro.

In caso di incidente con danno alle sole cose, chi non ottempera all'obbligo di fermarsi è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 272 a 1.088 euro. Chi, invece, in caso di incidente con danno alle persone, non rispetta l'obbligo di fermarsi è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la sospensione della patente da 1 a 3 anni.

Il conducente che si sia dato alla fuga è in ogni caso passibile di arresto.
Chi, poi, non ottempera all'obbligo di prestare assistenza alle persone ferite è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la sospensione della patente da 18 mesi a 5 anni.

Se avete provocato o assitete a un incidente, fermatevi e chiamate immediatamente i soccorsi (ai numeri 113 Polizia, 118 soccorso medico, 115 Vigili del Fuoco) utilizzando le colonnine SOS o il vostro telefono personale.

INDOSSATE SEMPRE, ANCHE PER BREVI TRAGITTI, LA CINTURA DI SICUREZZA

Le cinture di sicurezza sono obbligatorie da indossare. Ad oggi, hanno diminuito del 50% la probabilità di morte in caso di incidente, evitando l’urto di guidatore e passeggeri all'interno del veicolo o la loro proiezione all’esterno.
E’ importante utilizzare la cintura anche in città perché in caso di velocità moderata è in grado di evitare anche lesioni minime.

FISSATE BENE IL VOSTRO CARICO

Caricare bene l'auto è un’operazione di sicurezza per sé e per gli altri automobilisti. Quindi state attenti a:

  • rendere bilanciato il carico tra asse anteriore e posteriore
  • non superare i limiti di peso e di ingombro previsti per il proprio veicolo
  • assicurare il carico sul tetto con cura per evitare il decollo di biciclette, sci o altro.

Ricordate che per il Codice della Strada è obbligatorio non mascherare dispositivi di illuminazione e di segnalazione visiva né le targhe di riconoscimento.

CARICARE L’AUTO SECONDO IL CODICE DELLA STRADA

TENETE LA POSIZIONE SULLA STRADA

Il codice in generale raccomanda di stare sulla corsia più a destra senza particolari vincoli, mentre, è obbligo non spostarsi dalla linea bianca di destra in generale su strade a due corsie a doppio senso in tre casi fondamentali:

  • quando si è sorpassati
  • quando si è in condizioni di scarsa visibilità (dossi, curve ed altro)
  • quando si guidano veicoli senza motore e ciclomotori


Chi guida sulla seconda corsia, con la prima libera, è punibile con una multa e con la decurtazione di 4 punti dalla patente.

Nel sorpasso, chi è sorpassato ha l'obbligo di non accelerare e di agevolare la manovra. Chi sorpassa deve verificare che vi sia spazio e visibilità a sufficienza, che la manovra sia consentita e che, comunque, non crei assolutamente pericolo. Se non siamo sicuri della manovra, desistiamo!

È importante poi che il sorpasso sia fatto nel minor tempo possibile occupando la corsia il meno possibile.

CONTROLLATE I PNEUMATICI

Controllate spesso, almeno una volta al mese la pressione dei pneumatici. Un gonfiaggio errato, infatti, può causare un'usura anomala ed eccessiva e conseguenti lacerazioni che possono, a loro volta, provocare il surriscaldamento del pneumatico, un consumo eccessivo di carburante o persino lo scoppio del pneumatico stesso. Fate equilibrare le gomme ogni 10.000 km, oppure dopo un prolungato utilizzo.

CONTROLLATE LO STATO DI USURA DEL BATTISTRADA

Come tutte le parti del veicolo, il pneumatico si consuma. Dopo 4/5 anni un pneumatico comincia ad essere "vecchio" anche se ha percorso 0 km.
Ciò che si usura di più nel pneumatico è il battistrada che, al di sotto dei 4 millimetri non garantisce più le prestazioni originali: diventa facilmente perforabile e peggiora la tenuta sulle superfici bagnate.

COME TRASPORTARE GLI ANIMALI DOMESTICI

Il Codice della Strada parla chiaro: in auto è consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore a uno, purchè custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo [...]".
La soluzione migliore è quella delle cosiddette gabbie di trasporto o box.
Attenzione! Non esistono cinture di sicurezza omologate per gli animali.
Chi viola queste disposizioni è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 78 a 311 euro e rischia la decurtazione di un punto dalla patente.
Attenti alle soste! In caso di viaggio lungo effettuate frequenti soste di almeno 10 minuti l'una nelle aree di servizio. Ricordatevi anche che se lasciate nell’auto parcheggiata il vostro animale in condizioni tale da recargli danno (finestrini chiusi e temperature alte) siete passibili, oltre che si sanzione, anche di condanna penale prevista dall'articolo 727 del Codice Penale.

VIETATISSIMO ABBANDONARE GLI ANIMALI

Abbandonare un animale sulla strada delle vacanze significa mettere in pericolo la sua vita (vietato per legge!) ma anche quella di chi per caso potrebbe investirlo o sbandare per evitarlo.
L’abbandono è un crimine e chi abbandona un animale commette un reato. In base alla legge 189/04 può essere punito con l’arresto fino a un anno o con un’ammenda sino a 10.000 euro

Le vignette in cui è presente

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>