Campagna per la Sicurezza Stradale

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

 

 

Bookmark and Share 

 

 

Distrazione alla guida ed arroganza … ecco i dolori per il mago della Marvel

"Dottor Strange" è un buon esempio di quello che il pubblico si attende dai film della Marvel.  È spiritoso, ricco di effetti speciali, racconta terribili battaglie tra il bene e il male, battaglie che sono vinte, immancabilmente per un soffio, dal bene. Altra caratteristica tipica è che la vittoria non porta mai i vincitori sugli allori. Questi diventano invece degli sconfitti, dilaniati dalle tristezze della propria umanità.

Dal punto di vista di Autostradafacendo è interessante osservare come nel film sia proprio un incidente stradale a sconfiggere il personaggio socialmente vincente. In realtà egli è sconfitto dalla propria arroganza e dalla superficialità alla guida che lo portano all’invalidità, al dolore, alla sconfitta umana e a una successiva ricerca mistica verso il riscatto.

Sotto questo profilo, il film non è solo intrattenimento, ma può indurci a riflettere su ciò che significa vivere con una disabilità.

 657. Dr. Strange mago dopo incidente stradale

Seguendo il collegamento, si può vedere il trailer “Dottor Strange - Il tuo ego smisurato” e, nel seguito, riportiamo una piccola sintesi della trama, per la parte di nostro interesse.

L’affermazione del neurochirurgo Stephen Strange è intimamente legata a ciò che il suo corpo è in grado di fare: elevatissimo è il controllo delle mani richiesto al neurochirurgo, per operare con precisione millimetrica. Il successo diventa arroganza che a sua volta diviene superficialità e distrazione, tanto che doctor Strange guida ad alta velocità su una strada tortuosa e bagnata mentre esamina i raggi X di un caso “sufficientemente complicato per interessarlo”.

L’incidente stradale è inevitabile e diventa lui stesso paziente di un neurochirurgo: la vita è salva ma la mobilità delle mani è seriamente compromessa così come la sua carriera che finisce miseramente.

La ricerca di una cura miracolosa lo porta conoscere l’Antico, un santone tibetano che lo inizia al percorso della fantasia e della magia.

Inaspettatamente toccante un momento finale del film, in cui Strange contempla le proprie cicatrici e le mani ancora tremanti, dal momento che lui ha scelto di non usare la magia per guarire. In una cultura dominante che ha fatto della perfezione fisica il sinonimo di felicità e realizzazione, è cosa interessante vedere uno Strange che sceglie di vivere con i perni nelle mani e con l'orologio dal vetro crepato che diventa un bene prezioso.

Ultimi articoli

Premio Sicurezza Stradale: la Commissione Europea sceglie le iniziative di Grecia, Francia, Portogallo, Romania e Svezia

16/10/2017Alla cerimonia di Bucarest dello scorso 26 giugno, la Commissione Europea ha presentato la “Eccellenza dei Premi della Sicurezza Stradale...

Meno incidenti in autostrada non devono divenire motivo di trascuratezza alla guida

09/10/2017Qualche mese fa, con soddisfazione, avevamo dato la notizia del notevole traguardo raggiunto da Autocamionale delle Cisa, che nel 2016...

L’Italia guida le polizie europee a controllare l’uso delle cinture di sicurezza (anche posteriori)

02/10/2017Ridurre il numero delle vittime della strada: è stato questo l’obiettivo della campagna straordinaria di controlli sul corretto utilizzo delle...

Pullman azzurro al giro d’Italia 100

25/09/201721 tappe, 7000 chilometri percorsi. Questo in cifre il mese di maggio appena passato dove il Pullman Azzurro è stato...

Anziani e incidenti stradali - Regione Lombardia - 20 giugno 2017

31/07/2017Il Centro Regionale di Governo e Monitoraggio della Sicurezza Stradale (CMR) di Regione Lombardia - Direzione generale Sicurezza, Protezione civile...

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>