Campagna per la Sicurezza Stradale

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

 

 

Bookmark and Share 

 

 

DJ Fabo: un nuovo caso che squarcia le coscienze

La storia la conosciamo tutti, purtroppo. Fabo ormai cieco e paralizzato dal collo in giù, aveva chiesto al presidente della Repubblica Sergio Mattarella di poter morire. Poi è andato in Svizzera in una clinica vicino a Zurigo per sottoporsi al suicidio assistito: una pratica che nel Paese transalpino è legale, anche per gli stranieri. Viene preparato un cocktail mortale ed offerto al paziente, che si addormenta: 30 minuti dopo. Il cuore smette di battere. Lui voleva morire non perché immobilizzato, ma perché, da immobilizzato, non trovava più alcun senso al suo vivere, perché gli era mancata la cosa più importante, ovvero la speranza.
Questo è un nuovo caso che ci divide tra coloro che vogliono difendere la vita ad ogni costo e quelli che, ad ogni costo, vogliono difendere il diritto all’autodeterminazione. E’ un problema assai difficile, un tema che deve essere gestito con rispetto e delicatezza. Qui si parla della vita e - temo - che certamente non io, ma credo che nessuno sappia dove sta il limite: che cosa è la vita?
Il concetto di vita in senso biologico, credo che sia piuttosto riduttivo se applicato alla vita umana. La vita umana è biologia, ma è anche speranza, è anche il godere di quei diritti umani che le nostre leggi si vantano di garantire. E’ ancora vita quando un corpo viene condannato - senza speranza - ad una vita privata del diritto al benessere, ai limiti dell’inumano? Penso che sia evidente che il diritto al benessere sia quel diritto che permette poi di godere di tutti gli altri diritti umani.
 
676 2017 02 DJ Fabo

Che cosa è la vita? Dove sta il limite? A parte quelli in malafede, che prendono posizione per cassetta elettorale, credo che la risposta a questa domanda sia quella che ci divide.
Diceva Esopo che “è facile essere coraggiosi a distanza di sicurezza”, per questo – indipendentemente da quale che sia la nostra propensione - il rispetto e la delicatezza sono dovuti per casi come quello di Fabo o per casi come quello di Eluana Englaro, in cui un padre ha visto la propria figlia morire, tutti i giorni per 18 anni.
Però dal punto di vista della sicurezza stradale è eccezionale anche la testimonianza finale che ci porta quest’uomo così duramente provato alle soglie della maturità. Fabo, prima di morire ha detto: «Non prendetemi per scemo ma devo chiedervi un favore: mettete sempre le cinture. Non potete farmi un favore più grande».
Ecco la dinamica del suo incidente: di ritorno da una nottata a far ballare la gente in discoteca, il cellulare cade di mano, Fabo si china a raccoglierlo, lo schianto con un'altra vettura. Non ha le cinture e viene sbalzato fuori dall'abitacolo.
Distrazione alla guida e cinture. Anche se cieco e paralizzato, un uomo può ancora essere generoso. Ecco la sua testimonianza.

Ultimi articoli

Le luci e la loro importanza nella sicurezza stradale

11/12/2017Il quotidiano La Stampa sul proprio sito web ha pubblicato un articolo che riguarda le luci e la loro importanza...

Museo svizzero dei trasporti: riaperta la sezione della sicurezza stradale

04/12/2017Il 12 aprile 2017 il Museo Svizzero dei Trasporti a Lucerna ha riaperto al pubblico il padiglione dedicato alla circolazione...

La carica dei 101 sulla sicurezza stradale

27/11/2017Il Comune di Roma Capitale lancia un’iniziativa sulla sicurezza stradale e la mobilità sostenibile che costituisce una best practice unica...

Progetto Edward: la Polizia Stradale inaugura la giornata europea senza morti sulle strade

20/11/2017Il Network Europeo delle Polizie Stradali "TISPOL", del quale la Polizia Stradale italiana quest’anno ha la presidenza, ha promosso l’iniziativa...

Autostrade. La responsabilità sociale del gruppo SIAS fa perno sulla sicurezza stradale

20/11/2017Autostrade e sicurezza, un binomio irrinunciabile per una società come SIAS che lavora nella gestione delle autostrade e nelle infrastrutture....

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>