Campagna per la Sicurezza Stradale

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

 

 

Bookmark and Share 

 

 

Pedoni distratti dal cellulare. A Sassari 100 multe in 9 mesi

Autostradafacendo ha dedicato molte vignette al tema della distrazione al cellulare riconoscendo che il telefono è una delle maggiori cause degli incidenti stradali. Infatti, parlare al telefono, inviare messaggio o anche solo guardare al display possono essere azioni molto pericolose per sé e per gli altri. 
 
754. Sassari multa i pedoni al cellulare

In Italia, il Comune di Sassari insieme alla polizia locale ha deciso di intraprendere una campagna di sicurezza stradale rivolta non solo agli automobilisti, ma anche a quelli che ha definito zombie dello smarth phone, cioè quei pedoni che, chini con la testa sul proprio telefono guardano la strada, spesso attraversandola, solo con la coda dell’occhio, creando pericoli agli automobili e agli altri pedoni.
Questa scelta è stata adottata dopo una serie di verifiche sugli incidenti registrati in città da cui è risultato, secondo il sindaco del capoluogo sardo, che nel corso del 2017 la percentuale di pedoni coinvolta in incidenti cittadini è salita dallo storico 15% al 21,7 % e che nella maggior parte dei casi i pedoni erano al telefono. Musica, messaggi, social, video… così era utilizzato il cellulare al momento dell’incidente.
Questa scoperta ha mosso il sindaco a prendere la decisione di sanzionare i comportamenti scorretti tenuti anche dai pedoni.
Nei primi 9 mesi del 2018 si sono multate 350 persone per guida con il cellulare e 100 pedoni.
E allora, magari in attesa che arrivi anche da noi l’applicazione nata in Corea che disattiva il telefono dopo appena 5 passi, a Sassari i vigili urbani usano l’arma dissuasiva delle multe: 22 euro la sanzione con lo sconto per chi salda entro 5 giorni. E sbaglia chi pensa che le contravvenzioni siano rivolte per lo più ai ragazzini. I più pericolosi, infatti, sono risultati essere gli adulti di entrambi i sessi tra i 35 e i 55 anni, veri dipendenti del cellulare, persone che vivono in un modo parallelo che spesso li isola dal contesto (pericoloso!) in cui sono realmente immersi.

Ultimi articoli

Sicurezza in galleria, un Master al Politecnico di Milano

14/05/2019A distanza di due anni dall’edizione precedente, è ripartito il “Master in Tunnelling” organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e...

L’Associazione Italiana Chef e la Sicurezza Stradale

06/05/2019Il lavoro nel settore della ristorazione si svolge molto spesso fino a tardi la notte ed espone gli chef ai...

L’Associazione Italiana Chef aderisce alla campagna di sicurezza stradale

19/04/2019Il piacere di un nuovo incontro, quello di Autostradafacendo con l'Associazione Italiana Chef (AIC) che ha chiesto di collaborare al...

A Bruxelles un simposio per relazionare sugli atteggiamenti degli utenti della strada di tutto il mondo

16/04/2019Il 18 giugno prossimo la città di Bruxelles ospiterà il 2° simposio ESRA sugli indicatori globali di prestazioni per la...

«L’Arca di Noè» manda in onda un servizio girato nei sottopassi salva-fauna di A58-TEEM – importante presidio per la sicurezza stradale

02/04/2019«L’Arca di Noè» ha mandato in onda un servizio girato nei sottopassi salva-fauna costruiti da Tangenziale Esterna SpA allo scopo...

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>