Campagna per la Sicurezza Stradale

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

 

 

Bookmark and Share 

 

 

Sicurezza stradale: l’Organizzazione delle Nazioni Unite ci chiama ad agire

Siamo abituati a vedere in televisione che le Nazioni Unite adottano risoluzioni per garantire la pace e la legalità internazionale, regolando i rapporti tra gli Stati.

Non è il nostro caso.

 

Le Nazioni Unite, con la risoluzione 64/255, hanno aperto il decennio 2011-2020 della sicurezza stradale, chiamando in causa tutte le Nazioni, ma non solo: hanno chiamato anche gli operatori e tutti noi ad essere promotori di una nuova cultura della sicurezza stradale, che porti a risultati concreti ed a cambiamenti tangibili dello statu quo.

Il Decennio si pone come primo obiettivo l’arresto della crescita del numero di vite perdute e come obiettivo conseguente una progressiva riduzione delle vittime, verso un Mondo in cui la mobilità è sicura per tutti gli utenti della strada. L'alternativa è ben triste: se non si interviene per affrontare l’attuale congiuntura, a livello mondiale, le vittime della strada sono destinate a crescere dall’attuale regime di circa 1,3 milioni di morti ogni anno a oltre 1,9 milioni di decessi all'anno entro il 2020. Questo è quello che le Nazioni Unite vogliono prevenire in questo Decennio.

In questo ambito, la Commissione Economica per l’Europa (ECE), per le Nazioni Unite, partecipa alle principali iniziative del settore, come la stessa campagna per la sicurezza stradale del gruppo ASTM-SIAS, la quale mi sembra riflettere e riportare piuttosto bene sul campo lo spirito e gli obiettivi dati dalla risoluzione 64/255. La politica di riduzione delle fatalità, deve essere considerata un’azione prioritaria, e tutti noi – operatori ed utenti della strada - dobbiamo sentirci impegnati ad evitare comportamenti rischiosi o scorretti dando tanti, tantissimi, piccoli contributi che però possano nel complesso salvare migliaia di vite umane, contribuendo ad una viabilità economicamente vantaggiosa per tutti i cittadini e sicura per tutti gli utenti della strada (passeggeri e merci).

Questa rinnovata attenzione sulla Sicurezza voluta dalla Nazioni Unite coinvolge tutti, esattamente al pari di questa iniziativa e chiama tutti: gli operatori coinvolti in politiche di mobilità e tutti noi come utenti della strada, all’impegno verso una maggiore consapevolezza e responsabilità.

Riporto nel seguito, un filmato realizzato dalle Nazioni Unite per esaltare l’importanza di una guida sicura fatta attraverso la conoscenza ed il rispetto delle regole. La differenza possiamo farla noi tutti. Il comportamento corretto e adatto alle circostanze è IL principio base del codice della strada italiano (art. 140) ed IL fattore principale per il successo di ogni strategia internazionale, nazionale o locale di promozione della sicurezza stradale. Ancora di più: è il fattore che rende vincenti noi tutti quando viaggiamo.

Ultimi articoli

"Se ci imbattiamo in un incidente": la Polizia di Stato ed Autostradafacendo sostengono l’iniziativa di Fraternità della Strada - Mondo X

31/08/2020La locandina "Come comportarsi se ci imbattiamo in un incidente", così ben curata graficamente da Gigi Vitale e Barbara Raffelli...

Dati ISTAT: ecco la nostra lettura

26/08/2020Fraternità della Strada riprende e commenta le statistiche essenziali degli incidenti stradali (Fonte: Istat, dati 2019 - pubblicati nel 2020).Poiché...

Formazione SINA. Save the date: 17 e 18 settembre 2020

25/08/2020SINA, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Milano, invita alla formazione aziendale (Formazione a distanza sincrona) organizzata attraverso due...

La digitalizzazione nel settore delle costruzioni: formazione dell’Ordine degli ingegneri e SINA

06/07/2020Lo scorso 18 giugno, SINA e la Fondazione dell’ordine degli Ingegneri di Milano (FOIM) hanno organizzato un seminario su “La...

Sicurezza stradale, al via i bonus per l’acquisto dei dispositivi antiabbandono

17/04/2020A partire dal 7 novembre 2019 è scattato l’obbligo di montare sulle auto i cosiddetti “dispositivi antiabbandono” in caso di...

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>