Campagna per la Sicurezza Stradale

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

 

 

Bookmark and Share 

 

 

ICARO: giornata dedicata alla sicurezza stradale

L’incidente stradale rappresenta la prima causa di morte sotto i 30 anni. Già da solo questo dato ci fa capire l’importanza della prevenzione degli incidenti.
Proprio per sensibilizzare e informare su questi temi, lo scorso 18 novembre si è celebrata la “Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada”, istituita per la prima volta dall’Onu nel 2005, per costituire un momento di ricordo e riflessione dedicato alle vittime di incidenti stradali e ai loro familiari.
Un ulteriore mezzo messo in campo nella battaglia in atto per cercare di cambiare le abitudini negative degli automobilisti.
In occasione di questa ricorrenza, che si celebra ogni anno la terza domenica di novembre, nell’aula magna della “Sapienza - Università di Roma” si è svolta, una giornata dedicata alla sicurezza stradale, alla quale hanno assistito circa 800 studenti romani.

764. Roma-sicurezza stradale

 
All’evento ha partecipato anche il capo della Polizia Franco Gabrielli, insieme al rettore Eugenio Gaudio e alle Associazioni delle vittime.
“Il mondo dei rischi evoca due termini fondamentali: consapevolezza e responsabilità - ha detto il prefetto Gabrielli durante il suo intervento - Se uno non conosce e non è consapevole dei rischi, difficilmente riuscirà ad affrontarli ponendo in essere comportamenti volti ad evitarli, quindi è fondamentale la cultura. È importante sviluppare un percorso culturale. La responsabilità va vissuta come capacità di comprendere le conseguenze dei nostri comportamenti”.
Nel corso della mattinata, sostenuta da Fondazione Sapienza, è stato affrontato il delicato tema della vicinanza alle vittime di incidenti stradali e quello della prevenzione, in particolare quella rivolta ai giovani, particolarmente coinvolti dagli incidenti stradali.
Secondo i dati Istat, nel 2017 si sono verificati in Italia 174.933 incidenti stradali con lesioni a persone, che hanno provocato 3.378 vittime, 95 in più rispetto all’anno precedente, facendo quindi segnare un’inversione di tendenza rispetto al 2016, quando le vittime erano diminuite.
C’è un dato però che fa pensare che forse la strada è quella giusta: le vittime di giovani fino a 29 anni sono state 668, con una diminuzione di 35 rispetto al 2016.
Per prevenire l’incidentalità giovanile ed educare alla sicurezza stradale, la Polizia di Stato da 19 anni è impegnata nel Progetto Icaro, la campagna di educazione stradale rivolta agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, in collaborazione con il Dipartimento di psicologia della Sapienza, il MIT, il MIUR, il Moige, la Fondazione Ania, la Federazione ciclistica italiana, la società Autostrada del Brennero Spa, Enel green power, il Gruppo autostradale Astm-Sias/Autostradafacendo. Il progetto è stato rappresentato dall’ing. Alberto Binasco, direttore di esercizio della società autostradale SALT che con altre otto concessionarie è promotrice del progetto di sicurezza stradale Autostradafacendo.
In 19 anni Icaro ha raggiunto circa 200mila studenti, ai quali bisogna aggiungere altre centinaia di migliaia di contatti avvenuti durante gli eventi organizzati in teatri, piazze e a bordo del Pullman Azzurro, l’aula multimediale itinerante della Polizia stradale.
Icaro, nel 2009, è divenuto un progetto europeo (Icarus) con Polizia stradale capofila nell’Unione europea nel campo dell’educazione stradale.
Nell’ambito dell’impegno della Polizia di Stato dedicato alle vittime di incidenti stradali e ferroviari, è stato avviato il Progetto Chirone, nato con lo scopo di delineare un nuovo ruolo dell’operatore di Polizia nella gestione dei rapporti con le vittime di incidenti stradali e ferroviari.
Parlando del Progetto Chirone, il capo della Polizia ha sottolineato l’attività degli uomini e delle donne della Polizia stradale e ferroviaria: “Amo la polizia attenta a far rispettare le regole, ma ancora di più la polizia che si fa interprete dei bisogni e delle sofferenze degli altri, perché è questa la cifra dell’umanità che contraddistingue il nostro lavoro, soprattutto nei confronti di chi vive una condizione di dolore e sofferenza, che deve essere oggetto delle nostre attenzioni”.

Ultimi articoli

A Bruxelles un simposio per relazionare sugli atteggiamenti degli utenti della strada di tutto il mondo

16/04/2019Il 18 giugno prossimo la città di Bruxelles ospiterà il 2° simposio ESRA sugli indicatori globali di prestazioni per la...

«L’Arca di Noè» manda in onda un servizio girato nei sottopassi salva-fauna di A58-TEEM – importante presidio per la sicurezza stradale

02/04/2019«L’Arca di Noè» ha mandato in onda un servizio girato nei sottopassi salva-fauna costruiti da Tangenziale Esterna SpA allo scopo...

Sicurezza stradale: i 50 anni della convenzione di Vienna

27/03/201925 marzo 2019 – Le Nazioni Unite hanno celebrato a Ginevra il 50° anniversario della Convenzione di Vienna sul traffico...

Sicurezza stradale: pubblica illuminazione ed ostacoli fissi

15/03/2019Il 4 aprile 2019 presso la sala Chaplin del Teatro Binario 7 di Monza si terrà un convegno su “Incidentalità...

Sicurezza in galleria nell'ambito del WTC 2019 il Congresso Mondiale delle Gallerie - Napoli 3/9 maggio 2019

01/03/2019Il COSUF (Il Comitato dell'International Tunnelling Association che si occupa della Sicurezza in esercizio nelle Infrastrutture in Sotterraneo) e l’IRF...

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>