Campagna per la Sicurezza Stradale

Vignette correlate

fotoVignetta 24

Sonno … Magari ce la fai.

Ma sei disposto ad uccidere i tuoi amici per saperlo?

Noi per Voi
Quando viaggi è “meglio essere solo che male accompagnato”. Ricorda che quando viaggi con la “stanchezza” sei accompagnato molto male. 
Proprio per questo, quando il Gestore Autostradale progetta la sede stradale prevede, ad intervalli predefiniti, aree di sosta e servizio, aree di parcheggio e piazzole di emergenza. Il territorio italiano è ricco di montagne e profonde valli in cui non è facile costruire questo tipo di rifugio. Noi ci impegniamo ed investiamo per la vostra sicurezza, ma tu usa tutte le possibilità che riusciamo ad offrirti. Non aspettare che sia troppo tardi per trovare una stazione di servizio e riposarti.

Quando?
Ogni volta che ci si mette alla guida di un’auto non devi essere alterato dalla stanchezza e da altri fattori. 
Cosa?
Quando sei al volante devi essere in piena forma per prevenire i colpi di sonno, un fenomeno improvviso che spesso non ha fenomeni precursori.
Alla prime avvisaglie di stanchezza alla guida, fermati subito in un’area di servizio. Anche se ti senti riposato fai regolarmente delle pause di 10/20 minuti almeno ogni due ore.
Perché?
Il sonno e la stanchezza sono uno dei nemici più subdoli per chi guida; si stima che tra il 15 ed il 40% degli incidenti più gravi sia imputabile a sonno o stanchezza, il più delle volte associato a concause precise: alcool, medicinali, pasto abbondante. Innumerevoli sono poi gli incidenti evitati per un soffio. Siamo un po’ classisti: noi vogliamo gente “sveglia” sulle nostre autostrade. Aiutaci anche tu e scegli per la vita.

Codice della Strada
ART. 140 (PRINCIPIO INFORMATORE DELLA CIRCOLAZIONE)

 

fotoVignetta 15

Limiti di velocità

Ce la fai o hai bisogno di un tutore?

Noi per Voi 
I Gestori Autostradali del Gruppo ASTM-SIAS hanno progettato barriere di sicurezza ad alte prestazioni, che permettono di contenere l’impatto dei veicoli pesanti, ma che nel contempo non risultano troppo rigide nei confronti dei veicoli leggeri. La barriera di sicurezza riaccompagna il veicolo in svio verso la carreggiata. Tuttavia la tua macchina ed il sistema autostradale non sono progettati per garantire la sicurezza quando i limiti vengono superati.
Ricorda che nelle autostrade italiane, a meno di specifiche segnalazioni, valgono i seguenti limiti:
- 130 km/h per le auto (su fondo asciutto)
- 110 km/h per le auto (in caso di precipitazioni atmosferiche)
- 100 km/h per autobus superiori alle 8 t
- 80 km/h per i veicoli superiori alle 12 t destinati al trasporto di cose, autoarticolati, autosnodati ed autotreni (ricorda che è considerato autotreno anche un'auto che traina un rimorchio leggero)

Questi sono i limiti massimi. Tu adegua sempre la velocità alle condizioni esterne (meteo, traffico, strada) e alle limitazioni specifiche della tratta che stai percorrendo.

Quando?
In qualunque situazione di guida
Cosa?
Rispetta i limiti di velocità stabiliti per la sicurezza della circolazione e tieni una velocità consona alle circostanze locali ed attuali.
Perché?
L’eccesso di velocità non solo aumenta il rischio d’incidente ma, nel caso in cui questo si verifichi, aumenta anche la probabilità di riportare lesioni gravi o mortali.

Codice della Strada
ART. 140 (PRINCIPIO INFORMATORE DELLA CIRCOLAZIONE) ART.141 (VELOCITÀ)
ART.142 (LIMITI DI VELOCITÀ) ART.148 (SORPASSO)
ART. 178 (DOC. DI VIAGGIO PER TRASPORTI PROFESS. CON VEICOLI NON MUNITI DI CRONOTACHIGRAFO)
ART.179 (CRONOTACHIGRAFO E LIMITATORE DI VELOCITÀ)

Regolamento di Attuazione - Codice della Strada
ART. 342 (OBBLIGO DI LIMITARE LA VELOCITÀ)
ART. 343 (LIMITAZIONI TEMPORANEE DI VELOCITÀ)
ART. 344 (LIMITAZIONI PERMANENTI DI VELOCITÀ)
ART. 345 (APPARECCHIATURE E MEZZI DI ACCERTAMENTO DELLA OSSERVANZA DEI LIMITI DI VELOCITÀ)
ART. 347 (SORPASSO) ART. 375 (DOCUMENTI DI VIAGGIO E CRONOTACHIGRAFO)

fotoVignetta 36

Noi vogliamo solo gente sveglia sulle nostre autostrade!

Fai una sosta

Noi per Voi
Quando viaggi è “meglio essere solo che male accompagnato”. Ricorda che quando viaggi con la “stanchezza” sei accompagnato molto male. 
Proprio per questo, quando il Gestore Autostradale progetta la sede stradale prevede, ad intervalli predefiniti, aree di sosta e servizio, aree di parcheggio e piazzole di emergenza. Il territorio italiano è ricco di montagne e profonde valli in cui non è facile costruire questo tipo di rifugio. Noi ci impegniamo ed investiamo per la vostra sicurezza, ma tu usa, per favore, tutte le possibilità che riusciamo ad offrirti. Non aspettare che sia troppo tardi per trovare una stazione di servizio e riposarti.

Quando?
Soprattutto nei viaggi di lunga percorrenza.
Cosa?
Il calo di attenzione in autostrada, ossia un senso di torpore causato dalla combinazione di stimoli visivi ripetitivi e affaticamento, è uno dei maggiori pericoli che possono verificarsi durante la guida. Quando devi percorrere lunghe distanze è opportuno fare soste frequenti per concederti brevi riposi o praticare alcuni esercizi. Esercita gli occhi leggendo i segnali stradali o spostando lo sguardo su diversi punti della carreggiata. Se non riesci a tenere il capo eretto o si avverte perdita di concentrazione anche minima, devi FARE UNA SOSTA. Riposati un pochino! Giusto il tempo necessario 10 o 20 minuti e poi puoi proseguire.
Perché?
Il sistema autostradale è molto sicuro, ma a condizione che i guidatori siano attenti. Una piccola distrazione può costare molto cara a te stesso ed agli altri.

Codice della Strada
ART. 140 (PRINCIPIO INFORMATORE DELLA CIRCOLAZIONE)
ART. 157 (ARRESTO, FERMATA E SOSTA DEI VEICOLI)
ART. 175 (CONDIZIONI E LIMITAZIONI DELLA CIRCOLAZIONE SULLE AUTOSTRADE E SULLE STRADE EXTRAURBANE PRINCIPALI)
ART. 176 (COMPORTAMENTI DURANTE LA CIRCOLAZIONE SU AUTOSTR. E STR. EXTRAUBANE)

Regolamento di Attuazione - Codice della Strada
ART. 351 ARRESTI E SOSTE DEI VEICOLI IN GENERALE)

 

 

Bookmark and Share 

 

 

Pubblicità progresso contro gli incidenti in auto

fonte:  utenti di youtube

tipologia: video divertente

lingua: Inglese

categoria(e): Divertente, Rischi da evitare

Altri media

videoDriver Streams Horrifying Car Crash On Facebook

fonte: You Tube

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): buoni comportamenti, giovani

videoCanada: «piove» uno pneumatico in autostrada, l'uomo al volante vivo per miracolo

fonte: Youtube

tipologia: Fatto Reale

lingua: Inglese

categoria(e): Casi reali, testimonianze

videoLa distrazione che uccide

fonte:  campagna francese per la sicurezza stradale.

tipologia:

lingua: Francese

categoria(e): Rischi da evitare, Drammatico

videoEFFETTI SUL CORPO DI UN INCIDENTE SENZA CINTURA

fonte: THINK!

tipologia: Documentario o filmato con scopo educativo

lingua: Inglese

categoria(e): Città, Drammatico, Rischi da prevenire

videose guidi sotto l' effetto di alcolici rischi di venire arrestato.

fonte: TAC

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Giovani, Rischi da prevenire

videosimulazione effettuata con una macchina radiocomandata della guida in stato di ebbrezza.

fonte: TAC

tipologia: Amatoriale

lingua: Inglese

categoria(e): Divertente, Giovani, Rischi da prevenire

videoTelefonare alla guida è illegale. E molto pericoloso. Annuncio via radio.

fonte: Road Safety Authority Ireland

tipologia: Amatoriale

lingua: Inglese

categoria(e): Artistico, Rischi da prevenire

Video Correlati

videoPanos Mylonas” @ “23rd World Scout Jamboree 2015” (WSJ)

fonte: Hellenic Road Safety Institute (I.O.AS.) - RSI "Panos Mylonas"

tipologia: Campagna

lingua: Inglese - Greco

categoria(e): buoni comportamenti, giovani

videoYoung europe - SKY

fonte: SKY

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Artistico, Rischi da evitare

videojapp police car

fonte: Web

tipologia: Spot

lingua: Inglese

categoria(e):  Divertente

videoIncidente: auto contro portico a Minerbio (BO)

fonte:  utenti di youtube

tipologia: video reale

lingua: Italiano

categoria(e): Divertente, Casi reali

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>