Campagna per la Sicurezza Stradale

Vignette correlate

fotoVignetta 14

300€ di multa per le cinture?

C’è anche chi paga più caro!!

Noi per Voi 
I Gestori Autostradali del Gruppo ASTM-SIAS hanno progettato barriere di sicurezza ad alte prestazioni, che permettono di contenere l’impatto dei veicoli pesanti, ma che nel contempo non risultano troppo rigide nei confronti dei veicoli leggeri. La barriera di sicurezza riaccompagna il veicolo in svio verso la carreggiata. Tuttavia le autostrade sono progettate per essere percorse a velocità relativamente elevate. Tu non puoi neanche immaginare di resistere all’urto, senza le cinture di sicurezza. Anzi, fai una bella cosa, rispetta il codice e metti le cinture anche in città: un veicolo che cade dal terzo piano di un palazzo arriva a terra con una velocità di 50 km/h. Ti butteresti in macchina dal terzo piano senza indossare le cinture?

Quando?
Quando sei in movimento, sia da guidatore, sia da passeggero.
Cosa?
Tu ed i tuoi compagni di viaggio dovete avere la cintura. Prima di partire, controlla che tutti abbiano le cinture di sicurezza allacciate sia davanti sia dietro. Se ci sono dei bambini, questi devono avere sistemi di ritenuta adeguati alla loro altezza e peso. Ricorda che i più piccoli non devono mai occupare il sedile anteriore del veicolo.
Perché?
In caso di incidente, quei passeggeri che non sono saldamente ancorati al veicolo vengono proiettati ad alta velocità nella direzione di marcia. Stai attento!! È falso pensare che chi occupa i sedili posteriori non corra questi rischi. Chiunque non porti le cinture allacciate può essere sbalzato fuori dall’auto con conseguenze gravissime.
Inoltre, il movimento incontrollato di chi non usa le cinture può essere pericoloso anche per gli altri passeggeri occupanti del veicolo: una persona che viene proiettata a corpo morto sugli altri passeggeri può indurre danni gravissimi a sé ed agli altri.

Codice della strada
ART. 140 (PRINCIPIO INFORMATORE DELLA CIRCOLAZIONE)
ART. 172 (USO DELLE CINTURE DI SICUREZZA E SISTEMI DI RITENUTA PER BAMBINI)

fotoVignetta 04

Distanza di sicurezza!!! ... Per favore …

Quando viaggi: distanza è sicurezza!

Noi per Voi
I Gestori Autostradali del Gruppo ASTM-SIAS sono impegnati per mantenere un buon livello di aderenza e regolarità della pavimentazione con opere di manutenzione e periodiche campagne di misura, che sono verificate anche della Autorità di controllo indipendente (IVCA/ANAS).
Il comportamento del guidatore e la distanza di sicurezza fanno la differenza! Quando viaggi, tieni conto della situazione del traffico e della condizione della pavimentazione stradale. In ogni caso, se sono presenti precipitazioni atmosferiche, non puoi superare i 110 km/h. Questo vuol dire che puoi andare fino ad un massimo di 110 km/h, raggiungendo tale limite solo se le circostanze locali (traffico, fondo stradale, limiti di velocità ecc.) te lo permettono.

Domanda/Risposta
Quando? Quando sei in movimento devi tenere conto del fattore velocità. Il tuo veicolo ed i veicoli degli altri non si fermano immediatamente.
Cosa? La distanza di sicurezza è fondamentale per prevenire gli incidenti e ridurre la gravità delle conseguenze, sia in galleria che all’aperto. Adatta la distanza di sicurezza anche in relazione alla situazione del fondo stradale e della pendenza:
• a 130 km/h tieni una distanza superiore ai 150 metri su fondo asciutto
• a 110 km/h tieni una distanza superiore ai 150 metri su fondo bagnato
• nelle gallerie mantieni comunque una distanza di sicurezza di 100 metri.
Perché? Il sistema frenante deve vincere l’inerzia: inoltre, quando c’è bagnato la frenata è meno efficiente perché l’aderenza tra pneumatico ed asfalto è minore.
Anche tu, al pari dei campioni del mondo di automobilismo, hai un tempo di reazione che è fisiologico e che ti impedisce l’attivazione immediata dei freni.

Codice della Strada
ART. 140 (PRINCIPIO INFORMATORE DELLA CIRCOLAZIONE)
ART.149 (DISTANZA DI SICUREZZA TRA I VEICOLI)

Regolamento di Attuazione - Codice della Strada
ART. 348 (DISTANZA DI SICUREZZA TRA I VEICOLI)

 

fotoVignetta 48

Non essere invadente!

SE TU SEI FERMO ... GLI ALTRI NO

Noi per Voi
Le autostrade del Gruppo ASTM-SIAS sono provviste di piazzole ed aree di sosta dove, in caso di necessità, è possibile fermarsi in piena sicurezza. A volte però, può accadere che un guasto irreparabile non ci lasci arrivare alla prima piazzola utile ed è inevitabile doversi fermare sulla corsia d'emergenza o addirittura sul margine. Se il veicolo è in panne, o se il guidatore ha un malore e non è possibile continuare la marcia.
Anche qui è possibile fare una breve sosta per far fronte all'emergenza, non oltre le 3 ore, dice il Codice, ma possibilmente molto, molto molto meno perché questo tipo di sosta è una manovra estremamente pericolosa: il pericolo è dovuto alla differenza di velocità tra i veicoli in rapido movimento o addirittura i pedoni. E' importante accostarsi il più possibile a destra, usare gli indicatori luminosi, rendersi visibili indossando il giubbino ad alta visibilità prima di scendere dal veicolo (quindi bisogna conservarlo nell'abitacolo e non nel bagagliaio). Bisogna restare il più possibile lontani dalla corsia di marcia, Soprattutto in condizioni di scarsa visibilità, è bene che gli occupanti del veicolo escano dalla vettura e stiano il più possibile vicini al margine destro della strada, per evitare di essere investiti o tamponati; quando possibile è anche meglio mettere in sicurezza i passeggeri oltre il guardrail (però grande attenzione prima di passare il guardavia - soprattutto di notte - potreste essere su un viadotto o su una sezione stradale molto elevata!). Mai i pedoni devono invadere la corsia di marcia. Lungo le corsie di emergenza è consentito il transito dei pedoni solo per raggiungere i punti per le richieste di soccorso.

Quando ?
Sempre, durante la sosta d'emergenza.

Cosa ?
Se sei fermo sulla corsia d'emergenza o sul margine autostradale, o anche in una piazzola di sosta, tieniti il più possibile lontano dalla corsia in cui sfrecciano i veicoli. Non distrarti superando l'ideale linea di demarcazione tra la sicurezza e l'incoscienza. Indossa il giubbino ad alta visibilità, accendi le quattro frecce, metti in sicurezza i passeggeri e tieni costantemente d'occhio i bambini.

Perchè ?
La differenza di velocità è un grande pericolo. Le autostrade risultano molto più sicure delle altre strade, oltre che per l'assenza di incroci e pedoni, proprio perché la velocità dei veicoli è piuttosto omogenea. Per queste grandi infrastrutture autostradali come la Torino Milano, la Savona Ventimiglia ed altre hanno sperimentato anni interi e più senza avere neanche un incidente mortale.

In condizioni di sosta di emergenza, la differenza di velocità è enorme e ben superiore a quella che si sperimenta su altre strade. Tieni conto che chi guida potrebbe essere distratto o non vedervi, con il risultato di investirvi o di sbandare pericolosamente per evitarvi. Qualche volta basta anche lo spostamento d'aria per far fare un passo falso a chi è troppo vicino alla carreggiata di marcia, o talvolta i guidatori distratti possono avvicinarsi pericolosamente o addirittura sorpassare la linea di margine destro. Per rendere sicure le autostrade, non bastano le infrastrutture e i sistemi di sicurezza, occorre anche l'attenzione ed il buon senso di noi utenti.
Sottovalutare un rischio o una distrazione può costare cara a te stesso ed agli altri.

Codice della Strada
ART. 140 (PRINCIPIO INFORMATORE DELLA CIRCOLAZIONE) ART. 157 (ARRESTO, FERMATA E SOSTA DEI VEICOLI)
ART. 153. USO DEI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA E DI ILLUMINAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E DEI RIMORCHI
ART. 158 (DIVIETO DI FERMATA E DI SOSTA DEI VEICOLI)

Regolamento di Attuazione Codice della Strada
ART. 351 (ARRESTI E SOSTE DEI VEICOLI IN GENERALE)


 

 

Bookmark and Share 

 

 

Driveway Safety

fonte: Rospa

tipologia: Campagna di sensibilizzazione

lingua: Inglese

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da prevenire, Casi Reali

Altri media

fotoVelocità eccessiva 2

Fonte: Polstrada

videoIl venditore di patate - Cesare Mangiocavallo

fonte: Think and Drive

tipologia: Campagna di prevenzione

lingua: Italiano

categoria(e): buoni comportamenti, rischi da prevenire

videoEl Búho video: Campaña de Educación Vial

fonte: El BÚHO

tipologia: campagna di sensibilizzazione

lingua: Spagnolo

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da prevenire, Casi reali

 

 

videoNEL VIDEO VIENE MOSTRATO UN MEZZO PESANTE AVVOLTO DALLE FIAMME A LATO DELLA CARREGGIATA

fonte:

tipologia: Amatoriale

lingua: Non Disponibile

categoria(e): Casi reali, Drammatico

videoCartone animato in cui viene raccontata una serata al pub.

fonte: Maxime FERAIN

tipologia: Amatoriale

lingua: Francese

categoria(e): Buoni comportamenti, Divertente, Giovani, Rischi da prevenire

videoUNA RAGAZZA PRIMA DI DECIDERE IN CHE AUTO SALIRE CONTROLLA LE GOMME

fonte: ACI PIRELLI MINI

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Buoni comportamenti, Prefessionisti della guida

videoSCRIVERE SMS ALLA GUIDA PUÒ ESSERE MORTALE

fonte: MINISTERO FRANCESE

tipologia: Campagna

lingua: Francese

categoria(e): Rischi da prevenire

videoRispetto delle regole del codice in Libano.

fonte: Kunhadi

tipologia: Campagna

lingua: Arabo

categoria(e): Artistico, Rischi da prevenire

Video Correlati

videoPillole di sicuezza stradale - l'atttraversamento

fonte: Autostradafacendo

tipologia: Campagna di sensibilizzazione

lingua: Italiano

categoria(e): Buoni comportamenti, Giovani, Rischi da prevenire

videoVIDEO PER LA SICUREZZA STRADALE CON GIGI PROIETTI

fonte: MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Divertente, Famiglie, Passeggeri, Rischi da prevenire

videoCinture di sicurezza sempre, anche sui sedili posteriori!

fonte: Youtube

tipologia: autostrada

lingua: Italiano

categoria(e): buoni comportamenti, rischi da prevenire

videoVIDEO IN CUI UN GENITORE NON ARRIVA A PRENDERE IL FIGLIO A SCUOLA PERCHE' NON INDOSSA LA CINTURA DI SICUREZZA

fonte: ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE C. LORENZINI

tipologia: Amatoriale

lingua: Italiano

categoria(e): Città, Luoghi comuni, Rischi da prevenire

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>