Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/799_rev1.%20Quando%20una%20leggerezza%20diventa%20il%20peso%20di%20una%20vita.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Quando la leggerezza di un attimo diventa il peso di una vita

    di Assunta De Pascalis - SINA

    Essere la causa della morte dei propri figli è probabilmente quanto di più tragico possa capitare e possa sopportare un genitore. Ma se a provocare tale orrore non è stato il caso, non la sorte sfavorevole… se ad uccidere i propri figli è stata la propria incoscienza, la propria leggerezza, …?Un padre palermitano è stato la causa della morte dei suoi due figli perché, mentre era alla guida della sua auto sull'A29 Palermo-Mazzara Del Vallo, stava facendo una diretta Facebook con il suo smartphone. Guidava l’auto in corsia di sorpasso senza indossare la cintura di sicurezza né l’aveva fatta indossare ai suoi figli. Aveva assunto cocaina.Non era la prima volta che accadeva perché sulla sua pagina Facebook aveva postato altri video realizzati mentre era alla guida. Come si esce da un incubo simile? E la madre?

    Leggi tutto >>
  • images/759.%20Luc%20Besson%20un%20film%20sulla%20sicurezza%20stradale.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Luc Besson: Salvate la vita dei bambini!

    di Assunta De Pascalis - SINA

    Save Kids Live è il toccante cortometraggio realizzato dalla FIA, Federazione Internazionale dell'Automobile, attualmente presieduta da Jean Todt, che ha che hanno voluto sfruttare  la forza comunicativa del regista francese Luc Besson per produrre un potente messaggio visivo in grado di accendere i riflettori sui pericoli stradali a cui si espongono i bambini di tutto il mondo. Girato tra il Sud Africa e Parigi la clip di Besson mostra i pericoli quotidiani che i piccoli utenti della strada corrono o a causa delle infrastrutture carenti, nei paesi in via di sviluppo, o per l’intenso traffico di una città occidentale.  L’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha dichiarato che sulla strada muoiono più di 500 bambini al giorno e proprio la strada è una delle prime quattro cause di morte per i bambini di età superiore ai cinque anni. Se si passa poi alla fascia di età tra i 15 e 29 anni, gli incidenti stradali diventano la prima causa “e senza un intervento rapido, presto, saranno la prima causa anche tra i bambini di 5-14 anni”, ha dichiarato Todt. "Noi dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per arrestare questa minaccia e il film può smuovere sul serio le coscienze".Il film era stato realizzato in sostegno alla campagna mondiale #SaveKidsLives, lanciata per la terza Settimana delle Nazioni Unite per la sicurezza stradale e invita ad agire per fermare il crescente numero di vittime in tutto il mondo chiedendo anche ai leader mondiali di salvare la vita dei bambini attraverso la messa a punto di idonee misure per la sicurezza stradale. Data l’ambizione globale, il film è disponibile in dieci lingue (inglese, francese, spagnolo, italiano, tedesco, arabo, cinese, giapponese, portoghese e russo) ed è disponibile anche su Autostradafacendo, seguendo questo collegamento.

    Leggi tutto >>
  • images/798.%20Attimi%20di%20tensione%20in%20autostrada.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Attimi di tensione in autostrada

    di Mario Bruni - SINA

    Tardo pomeriggio di domenica 30 giugno 2019, rientro a Milano dopo una visita di cortesia ai parenti veronesi di mia moglie. L’A4 è il solito inferno dantesco, il traffico è irregolare e veloce. Nella massa di automobilisti disciplinati, si fanno notare i comportamenti poco virtuosi. Qualcuno si accoda a distanza centimetrica alla colonna di auto che lo precede, altri viaggiano placidamente a 90 km/h sulla corsia centrale anche se non c’è nessuno da superare, visto che anche i pochi mezzi pesanti in viaggio corrono più veloci. A un certo punto il flusso delle auto rallenta e la colonna si muove lentamente, a singhiozzo. Il motivo sembra una prevedibile conseguenza dei comportamenti di cui sopra: un tamponamento sulla corsia di sorpasso. Questa volta è andata bene, solo danni alle auto. La lezione però non sembra essere stata recepita da alcuni automobilisti, che continuano a sfidare sarcastici le regole del buonsenso e le scritte sui PMV che invitano a tenere la distanza di sicurezza e ad occupare la corsia libera più a destra.  Superata la coda, il traffico riprende più veloce di prima, dimostrazione pratica della veridicità delle teorie in materia: un minor numero di auto in transito consente un flusso meno perturbato e quindi più veloce.In avvicinamento al lago di Garda il traffico aumenta nuovamente, mi concentro sulla strada, mentre mia moglie sembra essere sul punto di assopirsi – lo capisco perché mi chiede se sono vigile - quando l’auto, con un suadente messaggio vocale e un triangolo di pericolo sul cruscotto, richiama la nostra attenzione: tra Ospitaletto e Brescia ovest un veicolo si è immesso in autostrada contromano e si sta dirigendo verso di noi. Le nostre sensazioni oscillano tra panico e incredulità. Sembra inimmaginabile che sia possibile percorrere anche solo un metro in senso contrario rispetto alla marea di auto che sta viaggiando nella nostra direzione. Nondimeno, rallento per aumentare la distanza dal veicolo che mi precede; nel frattempo mi sintonizzo su Isoradio, canale di utilità memorizzato nell’autoradio, da anni sempre allo stesso numero 4, per avere conferma della notizia e aggiornamenti. Mia moglie, riscossasi dal torpore e comprensibilmente agitata, mi chiede cosa penso di fare. Faccio il conto degli svincoli tra noi e Brescia ovest, se non ci sono aggiornamenti usciremo dall’autostrada per poi rientrare una volta che il pericolo sia passato. Pochi istanti, il brano musicale termina e l’annunciatrice alla radio risolleva il nostro umore e risolve il busillis: il veicolo che procedeva contromano verso di noi è stato intercettato.Rifletto sui progressi della sicurezza stradale negli ultimi anni e su come gli investimenti effettuati ed il prezioso lavoro di tanti colleghi consentano oggi di viaggiare con maggiore consapevolezza, costantemente aggiornati sulle situazioni di potenziale pericolo o anche solo di intralcio nei nostri spostamenti in autostrada. In questi anni, anche il mio stile di guida è cambiato: più attento al rispetto delle regole e tranquillo. Che stia invecchiando? Non scherziamo, ho solo metabolizzato le vignette della sicurezza stradale di Autostradafacendo.

    Leggi tutto >>
  • images/793a.%20Passerella%20in%20autostrada%20per%20sito%20archeologico%20di%20Luni.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Il sito archeologico di LUNI: antichità, cultura, sviluppo e sicurezza stradale

    di Emer SCIRÈ – SIAS, Daniele BUSELLI – SALT, Enrico GHISLANDI – SINA

    Lo scorso 18 maggio è stato inaugurato il progetto “Portus Lunae”, una passerella ciclopedonale completa di opere accessorie realizzata da SALT per collegare l’autostrada A12 con la zona archeologica di Luni, uno dei siti archeologici romani più importanti del nord Italia, la città dal cui porto salpavano navi cariche del prezioso marmo di Carrara utilizzato per la costruzione dei più importanti monumenti di Roma Antica e della romanità. Questo progetto coniuga la promozione del territorio con i più moderni sistemi di trasporto stradali ed anche con la sicurezza della circolazione.Infatti, per la sicurezza della circolazione, Autostradafacendo raccomanda di fare una sosta almeno ogni due ore di viaggio, anche per evitare i rischi collegati alla sonnolenza. SALT non offre solo un’opportunità di promozione della zona, localizzata tra Sarzana e Carrara, ma offre ai guidatori una strepitosa opportunità di sosta, grazie ad un progetto che probabilmente non ha pari in Italia.  Oggi i visitatori che dall’autostrada vogliono visitare il sito archeologico possono fermarsi nell'area di sosta, attraversare un tunnel multimediale in cui sono proiettati suoni e immagini rappresentativi della storia dell’antica Luni e percorrere a piedi o in bici un parco verde ed una passerella sospesa, lunga 380 metri, che conduce all’area archeologica.  La passerella ha una forma curvilinea che ricorda l’ansa dove sorgeva il porto dell’antica città; il faro, ricoperto di marmo, oltre a sorreggere la passerella consente anche al guidatore inconsapevole di accorgersi della presenza di un così importante sito archeologico. Grazie alle aree di sosta costruite appositamente, il viaggiatore può visitare l’antica area e concedersi una pausa dal viaggio: un arricchimento in termini culturali ed una maggiore sicurezza della circolazione.Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito SIAS.

    Leggi tutto >>
  • images/797.%20Premiazione%20campionato%20di%20giornalismo%202019.docx.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Autostradafacendo premia i ragazzi che scrivono della sicurezza stradale

    di Assunta De Pascalis – SINA

    Anche quest’anno si è conclusa l’avventura del Campionato di Giornalismo - “Cronisti in classe” organizzato da “QN-Il Giorno” in collaborazione con il gruppo SIAS/Autostradafacendo ed altri operatori. L'iniziativa ha visto la partecipazione di 187 classi iscritte da tutta la Lombardia, con più di 3.800 studenti coinvolti, e la pubblicazione di 187 pagine realizzate dai ragazzi sul quotidiano, fra gennaio e maggio. Lo scorso 5 giugno si è dunque svolta la cerimonia di premiazione delle 14 classi risultate vincitrici per le varie edizioni del giornale e per le diverse categorie di età. Autostradafacendo ha premiato il migliore prodotto sulla sicurezza stradale, che consta dell’articolo “Allarme incidenti sulle strade – conoscere i rischi può diminuire il numero delle vittime” e di una intervista a Claudio Borella, vittima di un incidente in moto a causa dell’effetto dell’alcol. Nell’ambito della premiazione, gli esperti di Autostradafacendo hanno moderato una piccola e divertente discussione a tema sicurezza stradale, molto partecipata dai ragazzi. Tutti i ragazzi premiati hanno anche ricevuto il materiale educativo di Autostradafacendo.In occasione dell'evento di premiazione, sono intervenuti, tra gli altri, Melania Rizzoli, Assessore all'Istruzione Formazione Lavoro della Regione Lombardia, il direttore de Il Giorno, Sandro Neri e il caporedattore de Il Giorno, Piero Fachin. Seguendo questo collegamento è possibile avere una panoramica completa dei vari vincitori.

    Leggi tutto >>
  • images/796.%20Il%20bilancio%20di%20sostenibilità%20SIAS%20punta%20sulla%20sicurezza%20stradale.docx.jpg

    Esercizio e tecnologie

    La sicurezza stradale tra le priorità del Piano di Sostenibilità di Gruppo

    di Ufficio Rischi e Sostenibilità - ASTM

    Il Piano di Sostenibilità “Going Global Sustainably” del Gruppo ASTM-SIAS è un documento che declina gli impegni assunti inerenti le tematiche di sostenibilità in azioni praticabili e risultati concreti. Esso identifica per ciascun ambito di impegno degli obiettivi qualitativi misurabili in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, in coerenza con i valori e il Piano Strategico del Gruppo.   Con il Piano di Sostenibilità il Gruppo si pone l’obiettivo di:• Migliorarsi continuamente nelle performance e nella reputazione• Sviluppare la competitività specie nella partecipazione a gare internazionali, attraverso una gestione del business coerente con il sistema di Corporate Social Responsibility (CSR)• Essere trasparenti comunicando in modo chiaro a tutti i propri Stakeholder gli indirizzi strategici del Gruppo in tema di sostenibilità, condividendo obiettivi, principi e valori in un’ottica di creazione di valore per tutti gli Stakeholder nel medio-lungo termine• Monitorare la propria performance consentendo la definizione e il monitoraggio degli obiettivi di sostenibilità, al fine di accrescere il senso di responsabilità e la motivazione dei responsabili delle funzioni coinvolte.La sicurezza stradale rientra tra le priorità del Piano di Sostenibilità del Gruppo SIAS. In particolare, il Piano si prefigge di promuovere politiche volte per un miglioramento continuo della sicurezza stradale, tramite:• Gestione efficiente dell’infrastruttura autostradale• Promozione di comportamenti responsabili alla guida• Contributo al dibattito pubblico sulle politiche di sviluppo delle infrastrutturePer ulteriori informazioni vi invitiamo a prendere visione del Bilancio di Sostenibilità 2018, consultabile in questa pagina del sito SIAS, e del Piano di Sostenibilità seguendo questo link.

    Leggi tutto >>
  • images/795.%20Lezione%20università%20Roma%203.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Università di Roma tre: un seminario sulla sicurezza stradale

    di Maria Rosaria De Blasiis – Università di Roma Tre - Facoltà di ingegneria

    Fra le iniziative volte a potenziare l’offerta didattica e formativa accademica per gli allievi dei corsi di laurea in Ingegneria Civile e di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti, il 3 giugno l’università di Roma 3 ha organizzato in collaborazione con SINA un seminario sul tema “Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: dal progetto alla gestione della grande viabilità” che ha affrontato una pluralità di temi di interesse del mondo delle infrastrutture ed in particolare della sicurezza stradale: problematiche di mobilità stradale, i concetti di approccio di sistema alla sicurezza stradale, una sintetica illustrazione del manuale della sicurezza stradale della Associazione Mondiale della Strada, i criteri adottati per la gestione in sicurezza della infrastrutture tramite il ritorno di esperienza ed infine un focus sulla gestione dell’emergenza in ambito autostradale. Il materiale informativo sul seminario è disponibile online tramite i seguenti collegamenti: Manuale della sicurezza stradale: http://roadsafety.piarc.org In particolare è stato analizzato il capitolo 10 – assessing risks identifying issues Sul sito UNECE è disponibile la presentazione sintetica del manuale. Per quanto riguarda le modalità di gestione delle emergenze viabilistiche si rimanda a: -  Notizie relative ad una esercitazione svoltasi nella  galleria di Valico della Cisa, fra cui il video di sintesi dell'esercitazione stessa -  Documentazione relativa all'esercitazione nella galleria Montezemolo Altro materiale di interesse per descrivere l’approccio di sistema alla sicurezza: 1. Infrastruttura: esempio di miglioramento di una barriera esistente e vido delle prove d’urto 2. Il miglioramento dei veicoli: prova d’urto di confronto tra Chevrolet Bel Air del 1959 con Chevrolet Malibu del 2009.  

    Leggi tutto >>
  • images/794.%2028%20convegno%20nazionale%20PIARC.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Sicurezza Stradale al 28° Convegno Nazionale Stradale

    di Assunta De Pascalis - SINA

    Nello scorso mese di maggio si è svolto a Roma il Convegno nazionale dell’Associazione Mondiale della Strada presso la Scuola Superiore di Polizia, dove sotto il tema de “La Strada del Futuro: sicura, controllata, connessa e sostenibile” si sono organizzate tavole rotonde sulla sicurezza, il monitoraggio delle infrastrutture, le applicazioni tecnologiche e la sostenibilità.SINA ha attivamente partecipato al programma di ricerca quadriennale di AIPCR con l’Ing. Roberto Arditi Presidente del Comitato “Politiche per la Sicurezza Stradale” e con l’Ing. Marco Garozzo Presidente del Comitato “Strategie di Adattamento per incrementare la Resilienza delle Infrastrutture”. L’Ing. Arditi ha tenuto una relazione sul tema “Politiche ed indirizzi attuali per migliorare la Sicurezza del Traffico”.  Con tale relazione c’è stata l’opportunità di presentare ad una qualificata platea di esperti nazionali i risultati conseguiti dal comitato internazionale su “Politiche e Programmi per la Sicurezza Stradale”, ovvero il rapporto sulle “Politiche Nazionali per la Sicurezza Stradale” che ha permesso di valutare lo stato delle implementazioni sulla sicurezza per 31 Paesi nei 5 continenti (16% del Mondo), oltre al Manuale AIPCR della sicurezza stradale.L’Ing. Marco Garozzo ha presentato il rapporto del Comitato Tecnico descrivendo lo stato dell’arte nazionale relativamente al tema del “Cambiamento Climatico” e delle azioni mirate ad aumentare la resilienza delle strade oltre che il Framework internazionale PIARC “International Climate Change – Adaptation Framework for Road Infrastructure”.  Il rapporto su “politiche nazionali per la sicurezza stradale” è stato presentato in anteprima nella sede ginevrina delle Nazioni Unite. Il comitato internazionale AIPCR sul tema della sicurezza stradale è presieduto da SINA e vede la presenza di 75 esperti provenienti da 50 nazioni.In sede di convegno nazionale, tra le pubblicazioni figurano i seguenti rapporti di rilievo per la sicurezza stradale: 1. VERSO UN APPROCCIO DI SISTEMA ALLA SICUREZZA STRADALE - ing. Roberto ARDITI – Sina S.p.A. 2. IL RUOLO DEI PIANI DI AZIONE NAZIONALI NELLA RIDUZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI CON ESITO MORTALE - Dott. Paolo CESTRA – Polizia Stradale. Presidente TISPOL -  Dott.ssa Nicole Miriam SCALA – Psicologa dell’emergenza e psicoterapeuta 3. SICUREZZA STRADALE GLOBALE: VARATO IL PRIMO FONDO DELL’ONU PER LE POLITICHE DI SICUREZZA STRADALE – UN IMPEGNO CONCRETO DALL'ASSEMBLEA GENERALE - Dott.ssa Luciana lORIO – Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Presidente WP 1 UNECE 4. “SII SAGGIO, GUIDA SICURO” UN PROGETTO DI SICUREZZA STRADALE PER I GIOVANI IN CAMPANIA -  ing. Riccardo RIGACCI – Amministratore delegato Tangenziale di Napoli 5. IL SENTIERO VERSO LA VISIONE ZERO PASSA DALLA TECNOLOGIA - Dott. Leonardo ANNESE – ANAS S.p.A L’Associazione Mondiale della Strada è la più antica associazione internazionale nata nel 1909 per iniziativa dei governi di tutto il mondo con lo scopo di favorire il progresso in campo stradale in tutti i suoi aspetti, promuovendo lo sviluppo, l'efficienza e la sicurezza delle reti stradali.Il quadriennio in corso avrà come prossimo evento il XXVI Congresso mondiale della PIARC che è in fase organizzativa per il prossimo 6-10 ottobre ad Abu Dhabi dove il Comitato Internazionale presieduto da SINA sta contribuendo con l’organizzazione di tre sessioni scientifiche.

    Leggi tutto >>
  • images/792.%20Master%20in%20Tunneling_POLIMI.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Sicurezza in galleria, un Master al Politecnico di Milano

    di Autostradafacendo - SIAS

    A distanza di due anni dall’edizione precedente, è ripartito il “Master in Tunnelling” organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale del Politecnico di Milano, un corso altamente specializzante finalizzato a fornire competenze multidisciplinari utili a formare professionisti dotati di capacità progettuali, operative e manageriali. Ma oltre al titolo di studio riconosciuto a livello accademico, obiettivo dell’università è anche quello di formare figure professionali capaci di interpretare e gestire la complessità dei problemi, di diventare attori efficaci e innovativi nella ricerca di soluzioni ingegneristiche, professionisti in grado di assumere ruoli di responsabilità nella gestione dei progetti. Per poter offrire agli studenti le migliori competenze, il Politecnico ha selezionato docenti e professionisti del settore, operanti in campo nazionale e internazionale, che durante il corso affrontano temi di carattere ingegneristico, tecnologico, organizzativo, ambientale, economico e legislativo.Tra i docenti è stato invitato un esperto di SINA (Gruppo Gavio) che affronterà il tema “Fire safety and risk reduction: from active and passive systems to operational provisions” inserito nel più ampio modulo didattico: "Fire and explosion in tunnels: prevention and mitigation measures" modulo in programma nei giorni 14-18 e 19 giugno.Essendo in lingua inglese il corso è aperto a discenti anche di nazionalità non italiana purché abbiano una laurea Specialistica/Magistrale in Ingegneria Civile, Ambientale o discipline scientifiche affini.Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito del master: www.mastertunneling.polimi.it

    Leggi tutto >>
  • images/791.%20La%20convivenza%20su%20strada%20è%20fatta%20anche%20di%20rispetto.docx.jpg

    Esercizio e tecnologie

    La convivenza su strada è fatta anche di rispetto

    di Fonte: Fraternità della Strada -Mondo X-

    Newsletter 3 - marzo 2019 - Fraternità della strada - Mondo X -Rispetto e sensibilità dovrebbero essere due modi di pensare e di vivere cari a tutti i nostri amici associati. Rispetto nei confronti delle norme, anche se talora criticabili se non assurde, e di tutti gli altri utenti della strada. Il rispetto, tra l’altro, dovrebbe essere più facile da osservare, perché riferito a regole e comportamenti che si dovrebbero conoscere. Questo è l’incipit della newsletter di Fraternità della Strada di marzo 2019.  L’elemento distintivo di Autostradafacendo è certamente la collaborazione tra i promotori della campagna e tutte le altre realtà che si occupano di sicurezza stradale con cui Autostradafacendo è entrata in contatto. Tra gli uni e gli altri c’è uno scambio reciproco di informazioni, notizie, materiali prodotti a favore delle varie iniziative a cui le diverse realtà partecipano, il tutto a beneficio della circolazione. In questo quadro, Vi invitiamo alla lettura della newsletter di Fraternità della Strada dello scorso marzo che ci ricorda alcuni comportamenti corretti su strada, oltre a darci istruzioni pratiche.

    Leggi tutto >>

Pagina 2 di 63

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

fotoVelocità eccessiva 2

Fonte: Polstrada

videoL'ultima corsa - Gianmarco Lupaioli

fonte: Think and Drive

tipologia: Campagna di prevenzione

lingua: Italiano

categoria(e): buoni comportamenti, rischi da prevenire

video« Combien de temps » - Rendre la #routeplussure ne dépend que de nous

fonte: Sécurité routière

tipologia: Campagna

lingua: Francese

categoria(e): Artistico, Rischi da prevenire

videoPrecedenza alla prudenza 2

fonte: Prudenza - precedenza.ch

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Artistico, Buoni comportamenti

videoJe vous aime très fort - Un film de Rémi Bezançon (Sécurité routière)

fonte: Securité routière

tipologia: Campagna

lingua: Francese

categoria(e): Artistico, Drammatico, Rischi da prevenire

videoCorretto utilizzo della corsia di emergenza

fonte:Polizia di Stato

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Buoni comportamenti

videoSE VUOI TORNARE A CASA VIVO È MEGLIO PASSARE IL VOLANTE A QUALCUNO CHE NON HA BEVUTO

fonte: MTV

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Giovani, Rischi da prevenire

videoALCOOL E DROGA ALLA GUIDA POSSONO ESSERE MORTALI

fonte: REGIONE DEL VENETO USSL 20

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Rischi da prevenire

videoQuesto video/documentario ci spiega l' importanza e il funzionamento del casco

fonte: motorcycle industry council

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Buoni comportamenti, Rischi da prevenire

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

augusto

Q.V.M.S. QVOD VIAE MUNITAE SVNT

Le strade tra storia ed archeologia a 2000 anni da Augusto Imperatore

Clicca qui per scaricare l'ebook.

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>