Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/premio_innovazione_immagine.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Innovare per la sicurezza stradale: un premio alla Polizia

    di Assunta De Pascalis - SINA

    La Polizia Stradale, quest’anno è stata scelta tra le Amministrazioni pubbliche per l’attribuzione del Premio Nazionale per l’Innovazione 2012, previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 aprile 2008. Il Premio è stato consegnato nelle mani del Direttore del Servizio Polizia Stradale Maria Luisa Pellizzari durante la cerimonia avvenuta il 12 giugno nell’ambito della “giornata dell’innovazione” a Palazzo Madama, alla presenza del Presidente del Senato Onorevole Renato Schifani (che faceva le veci del Presidente della Repubblica impegnato all’estero) e del Ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo.  Tema del premio, peraltro, perfettamente in sintonia con quello che quest’anno ha caratterizzato l’Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato “Il coraggio dell’innovazione”, come capacità di rinnovarsi nella mission di sicurezza per rispondere in modo sempre adeguato ai bisogni dei cittadini in continuo cambiamento. In tale prospettiva il riconoscimento, noto come Premio dei Premi, rappresenta un’attestazione di merito agli standard di qualità raggiunti dalla Specialità della Polizia di Stato nell’offrire un servizio sempre più qualificato, anche grazie all’applicazione di tecnologie all’avanguardia nell'ambito della prevenzione e promozione della legalità, alla messa a punto di moduli organizzativi in grado di intercettare i nuovi bisogni di sicurezza, al consolidamento di una fattiva e vitale dialettica con partner pubblici e privati, alla ricerca di innovativi linguaggi di comunicazione con i giovani.Nel 2011 alla Polizia Stradale era stato attribuito il “Premio Qualità Pubbliche Amministrazioni” per la categoria Amministrazioni centrali, periferiche e territoriali dello Stato, bandito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Funzione Pubblica.

    Leggi tutto >>
  • images/02_Gorleri_1_timbro.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Con galleria Gorleri, Autostrada dei Fiori sale al meglio degli standard Europei

    di Marco Leone - Autostrada dei Fiori

    Una legge italiana, il D.Lgs. n°264 del 5 ottobre 2006, richiede ai gestori della grande viabilità un considerevole sforzo tecnico, economico ed organizzativo per migliorare gli standard di sicurezza delle gallerie di lunghezza superiore ai 500 m., al fine di attuare la Direttiva Europea 2004/54/CE.Lo scorso 13 aprile 2012, Autostrada dei Fiori ha terminato gli interventi di miglioramento ed adeguamento di entrambe i fornici della Galleria Gorleri, infrastruttura posta in prossimità dell’uscita di Imperia Est, che, in considerazione della sua collocazione geografica, della natura tecnica, strutturale e della distribuzione del traffico, è divenuta oggetto del Progetto Pilota. I lavori effettuati nella Galleria Gorleri hanno previsto l’adeguamento ed il miglioramento delle opere civili e degli impianti esistenti, sia all’interno che all’esterno della galleria, ed hanno coinvolto a periodi alterni la viabilità autostradale, talvolta in deviazione di corsia, talvolta in deviazione di carreggiata. Per ridurre i tempi di realizzazione delle opere, i lavori si sono svolti in modo continuativo nell’arco delle 24 ore, 7 giorni alla settimana. Autostrada dei Fiori è così riuscita a consegnare ai propri clienti la galleria con tre mesi di anticipo sulla programmazione prevista.La progettazione non si è limitata ai canoni tradizionali dell’ingegneria, ma sono stati effettuati alcuni studi preventivi per valutare la sicurezza complessiva dell’opera (analisi del rischio e analisi di sicurezza – quest’ultima necessaria per gli adeguamenti innovativi proposti). Dalle analisi previsionali effettuate è risultato altresì che dagli interventi realizzati è possibile attendersi un innalzamento del livello di sicurezza rispetto al passato, pur già in linea con le medie di settore. Qui è possibile consultare la scheda tecnica con i criteri adottati per il miglioramento. Dopo un’attenta valutazione dei risultati tecnologici e dei costi, le tecniche operative e le tecnologie utilizzate potranno essere rivalutate o riproposte sugli altri 40 fornici interessati dalla normativa, che rientrano nella rete ADF, senza dimenticare l’impatto che i cantieri avranno su mobilità e sicurezza.   

    Leggi tutto >>
  • images/Distrazione_fa_strage_immagine.JPG

    Esercizio e tecnologie

    La distrazione fa strage: bisogna fermarla

    di Elisabetta Mancini – Ministero dell’Interno

    Giovedì 28 giugno è stata pubblicata da QN-Il Giorno l'intervista al Direttore della Polizia Stradale, d.ssa Maria Luisa Pellizzari, nell'ambito della rubrica mensile "Le vie della prudenza" realizzata in collaborazione con www.autostradafacendo.it.  La pericolosità delle varie fonti di distrazione alla guida (dal telefonino alla stanchezza), l'importanza dell'informazione e della comunicazione per elevare gli standard di sicurezza sulle strade, il Premio Innovazione recentemente riconosciuto alla Stradale, questi i temi affrontati dal giornalista Gabriele Gabbini con il Direttore della Polizia Stradale. A corredo due vignette che stigmatizzano la distrazione causata dal telefonino e dal navigatore e da comportamenti ricorrenti come fumare.Purtroppo il discorso non è teorico, ma di una realtà drammaticamente tangibile  nella vita quotidiana. Ecco l’articolo di apertura del giornale del Trentino del 29 giugno: "Muore in scooter a ventitrè anni - Trento: festeggia l’Italia, poi si distrae. Illesa la sua amica". La gioia di un ragazzo che andava in motorino a Trento. Si distrae per parlare con l’amica sul sedile posteriore. Il resto è nei titoli dei giornali. Guidare è una attività che richiede competenza ed attenzione continuativa, altrimenti si rischia di morire o divenire un omicida, a propria insaputa.Leggi l’articolo de Il Giorno con l’intervista.

    Leggi tutto >>
  • http://i3.ytimg.com/vi/eIDEfg0uLYw/default.jpg

    Esercizio e tecnologie

    “Guida l’auto, quando sei alla guida!” Guarda i video della nuova campagna danese

    di Roberto Arditi - SINA

    Da poche settimane ha debuttato la campagna nazionale Danese "Guida l’auto, quando sei alla guida”. La campagna pone i riflettori sulla disattenzione nel traffico, che secondo stime del ministero danese è un fattore cruciale per il 30 per cento degli incidenti stradali. Mettersi un sacchetto sopra la testa e guidare la macchina! Si tratta di una sfida che ben poche persone potrebbero accettare. Ma è il rischio a cui ti esponi a se sei alla guida di una macchina e fai qualsiasi altra cosa piuttosto che concentrarti sulla strada. Guarda il video.     Una guida a 80 km/h, impiegando solo 4 secondi per guardare il telefono e rispondere ad un messaggio di testo, corrisponde a guidare per ben 89 metri nel buio del sacchetto. Quando le cose vanno male La distrazione è un fattore chiave in circa il 30 per cento degli incidenti. È quindi molto rischioso leggere/scrivere messaggi di testo SMS quando sei al volante, ma può avere conseguenze gravi anche la programmazione del navigatore satellitare, raccogliere cose da terra, fare telefonate complicate, regolare la radio, prendersi cura dei bambini in difficoltà o semplicemente essere distratto e avere la mente altrove. E non è sempre quello nella corsia opposta a sbagliare: un buon 46% dei guidatori danesi intervistati ha ammesso di aver sfiorato un incidente nel corso dell'ultimo anno perché disattenti nel traffico. Nessun essere umano è in grado di guidare una macchina, quando l'attenzione è rivolta altrove. A fronte di una situazione inattesa, il guidatore spesso reagisce male o troppo tardi e troppo lentamente - e aumenta il rischio di finire in un incidente. Guarda l’altro video della campagna:     La campagna per l'attenzione alla guida si svilupperà nei prossimi anni ed è organizzata dal Consiglio per la sicurezza del traffico, il Comitato Regionale della Sicurezza Stradale e la TDC. I suggerimenti della campagna danese Non utilizzare mai un cellulare palmare durante la guida Accosta se una chiamata richiede la tua attenzione  Mai scrivere o leggere sms mentre si guida  Spegni il telefono se non puoi fare a meno di prenderlo quando sei alla guida Come mantenere l’attenzione sulla strada Impostare il GPS prima di partire Inserire il CD nel lettore prima di partire Svitare il tappo della bottiglia bevanda prima di partire Assicurarsi che i bambini sono impegnati Accosta e ottenere la pace in macchina prima di guidare, se i bambini hanno bisogno di molta della vostra attenzione Se sei un passeggero: aiutare il conducente per ottenere la pace e la tranquillità per concentrarsi sulla guida. Dal punto in cui lui / lei, per esempio la lettura o la scrittura di messaggi di testo o parlare sui telefoni portatili Disattenzione: fatti e cifre della campagna danese  La disattenzione è causa del 30% degli incidenti I guidatori operano con distrazione per il 30 per cento del tempo che stanno al volante Il 70% delle fonti di distrazione sono all'interno della vettura - vale a dire che normalmente sono sotto il controllo dei conducenti Il 46% degli automobilisti dicono di aver rischiato un incidente nel corso dell'ultimo anno a causa di disattenzione Mandare SMS per 4 secondi a 80 km/h, corrisponde alla guida di 89 metri nel buio Mandare SMS per 4 secondi a 80 km/h due volte a settimana equivale a correre 712 metri al buio ogni mese   Per ulteriori informazioni vai qui sul sito della campagna.  

    Leggi tutto >>
  • images/Avventura_LaFiaccola.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Qui comincia l’avventura … leStrade racconta la campagna sicurezza

    di Lucia Saronni, leStrade

    Da un bel po’ di mesi Edoardo Svelto, Emanuele Giusto, Pierina Azzarda e tutti gli altri personaggi della campagna “Mettiti alla guida della tua vita. Scegli un comportamento responsabile!” popolano le pagine di leStrade, nonché il sito Internet della testata e una newsletter inviata via email che mensilmente informa i lettori sulle principali novità del numero. Fogli di carta e canali elettronici dunque, anche nel caso del mensile di riferimento del settore delle infrastrutture, si stanno rivelando due veicoli fondamentali per contribuire alla massima diffusione di una campagna di cui, nel numero della rivista di imminente pubblicazione (leStrade giugno 2012), abbiamo ritenuto opportuno fornire ai nostri lettori un ampio aggiornamento, alla luce delle sue indubbie peculiarità e anche del fatto che La Fiaccola, editore di leStrade, è direttamente coinvolta nel progetto in quanto partner per l’impostazione e la cura grafico-editoriale dei prodotti a stampa dell’iniziativa. La campagna di www.autostradafacendo.it si basa su un’idea antica e allo stesso tempo innovativa: popolare una serie di tavole a fumetti con personaggi fortemente caratterizzati che, con le loro gesta, comunicano chiaramente cosa si deve fare (o non fare) quando ci si trova nell’ambiente-strada. Eroi e antieroi, insomma, come nella migliore tradizione fumettistica italiana nata da quell’illustrazione tardo-ottocentesca originale per sua stessa natura: agli albori della cultura seriale di massa era l’immagine stessa ad esserlo, traducendosi così in un veicolo moderno e ideale per far arrivare a destinazione i messaggi. Quello sulla sicurezza di ASTM-SIAS si inserisce in una lunga vicenda di educational per immagini non paludato e la sa innovare grazie essenzialmente a due fattori tipici della nostra epoca: l’utilizzo dei new media da un lato e la capacità di fare networking dall’altro. La campagna, infatti, nasce nelle 43 vignette e subito balza sul web (da You Tube ai pop-up diffusi sui siti dei partner). Sul versante “social”, invece, la novità sta proprio nell’aver saputo raccogliere intorno al progetto una lunga serie di supporter istituzionali e industriali, peraltro in continua crescita. Tutti fortemente motivati a dare il proprio contributo in termini di storie, idee, iniziative, best practice. L’obiettivo finale? Sempre lo stesso: fare squadra con gli utenti della strada per diffondere il più possibile la cultura della correttezza al volante. Sul numero 1478 di leStrade (giugno 2012) è in pubblicazione un articolo di presentazione della campagna ai lettori. Leggi l’articolo e vai alla pagina di www.autostradafacendo.it riservata alle pubblicazioni di leStrade.

    Leggi tutto >>
  • images/Carico_ponti_primavera.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Fissa il carico in occasione dell’esodo estivo

    di Claudio Farnesi, Remo Pagliai - SALT

    Con l'estate inizia la stagione delle gite e dei viaggi in autostrada. Il traffico dei vacanzieri, tranne che nei periodi di divieto di circolazione dei mezzi pesanti stabiliti dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, si somma a quello commerciale. I gestori delle reti autostradali si impegneranno anche quest’anno per garantire la massima sicurezza e scorrevolezza della circolazione, tenendo bene in efficienza la struttura di pronto intervento in caso di emergenza. Ma è meglio, molto meglio, prevenirle le emergenze, con l’aiuto di tutti, evitando problemi alla circolazione e, soprattutto, risparmiando vite umane. Vorremmo richiamare l’attenzione sul problema delle perdite accidentali di carico, sia da mezzi commerciali che da autovetture, che troppo spesso ha provocato gravi conseguenze, anche sulla rete gestita da Salt. Ricordiamo ancora con dolore il caso del giovane motociclista, che ha perso la vita nel tratto tra Versilia e Viareggio dell’A12, entrando in collisione con le biciclette cadute dal portapacchi di un’auto che lo precedeva.Episodi come questi si possono e si devono evitare! Raccomandiamo: Ai conducenti professionali di verificare la disposizione del carico prima di partire, controllando la tenuta dei meccanismi di fissaggio, la chiusura di portelloni, ecc. Ovviamente, dovrà essere evitato il sovraccarico del mezzo. Ai conducenti di autoveicoli, di usare sistemi di fissaggio adeguati, di procedere a velocità moderata (gli oggetti  fissati sul tetto ricevono una spinta notevolissima a causa della velocità di spostamento), di verificare, durante le soste, che il carico non si sia spostato od i fissaggi allentati, di non usare, per coprire il carico all’esterno del veicolo, teloni svolazzanti, che possono volar via, “accecando” il conducente del veicolo che segue. Ricordiamo che la Polizia Stradale effettua verifiche sulla sicurezza dei carichi trasportati. Evitiamo sanzioni! Collaboriamo alla sicurezza di tutti! Buon viaggio da Salt.

    Leggi tutto >>
  • images/Carletto_studia_2.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Tutti a scuola da Edoardo Svelto: la formazione degli operatori su sicurezza stradale e gallerie

    di Federico Lenti, Autostrada dei Fiori

    Il giorno 8 maggio 2012 si è tenuta una giornata di formazione del personale del gruppo ASTM-SIAS sul tema della campagna per la sicurezza stradale “mettiti alla guida della tua vita” anche in relazione alla sicurezza in galleria ai sensi del D. L.vo 264/2006. Sono stati gli stessi responsabili d’esercizio delle diverse società autostradali ed i responsabili del gruppo SINA a curare la formazione di quel personale che sarà poi chiamato ad incontrare il grande pubblico, facendo opera di sensibilizzazione sulle problematiche di sicurezza della circolazione. Hanno partecipato alla giornata 45 persone tra tecnici, operatori e responsabili delle società: ATIVA, Autocamionale della CISA, Autostrada Asti-Cuneo, Autostrada dei Fiori, SALT, SATAP, SAV, SINECO, SITAF e SINA. Il fascicolo formativo della giornata è disponibile seguendo questo link. Nel proprio benvenuto il Direttore Generale e Amministratore Delegato AdF, Alfredo Borchi, ha sottolineato l’importanza della campagna, in quanto i contenuti e le informazioni trasmesse attraverso le vignette hanno l’obbiettivo di salvare delle vite. Ha ricordato come l’Europa chieda costantemente di abbassare  il tasso di mortalità e di incidentalità. A fronte di tali richieste tutte le Società Concessionarie si impegnano con la manutenzione e gli ammodernamenti delle tratte di competenza, ma il Gruppo ASTM/SIAS ha avuto l’idea fondamentale di concentrarsi sull’importanza indiscutibile del fattore umano, quale fattore determinante per la sicurezza stradale. L’idea della Campagna si autoalimenta e continua a crescere; se da una parte ha già ottenuto un importante consenso a livello nazionale, ci si auspica che nel prossimo futuro possa ottenere riconoscimento anche dall’Europa. Nel seguito sono descritte brevemente le relazioni, e sono anche disponibili le singole presentazioni. Marco Comi (Direttore di Esercizio SATAP) ha illustrato il quadro generale della campagna, presentando anche del filmato della campagna e illustrando il gioco sulla sicurezza stradale costruito da SATAP per gli interventi nelle scuole.Alberto Binasco (Responsabile Area Esercizio Autocisa) ha presentato il sito web www.autostradafacendo.it fornendo dettagli sulla campagna, sui contenuti tecnici, sui supporti multimediali. Fernando Fabrizio (Responsabile Area Esercizio SAV) ha parlato di giovani e comportamenti a rischio, inquadrando anche le iniziative SAV in collaborazione con Regione Autonoma Valle d’Aosta ed in particolare il concorso “vinci in sicurezza”.Contenuti e criteri di presentazione delle tematiche della campagna in relazione all’interlocutore. Remo Pagliai (Responsabile del Centro di controllo del traffico SALT) ha tenuto una relazione sui messaggi più importanti per i guidatori dei veicoli pesanti, evidenziando i fattori di rischio e la cura che può essere. Pagliai ha inoltre presentato il caso di un incidente avvenuto il 07/02/2012 nella galleria Giovannella dell’autostrada A12. Mauro Gardella (Direttore d’Esercizio Autostrada Asti Cuneo) ha esposto il tema dell’Autocontrollo del guidatore. Comportamenti ed azioni alla guida.Presentazione di casi correlati ai comportamenti (nebbia, sonno, velocità, distrazione, ecc.). Lo scrivente Federico Lenti in quanto primo responsabile dell’esercizio per Autostrada dei Fiori, ha presentato i comportamenti da adottarsi in galleria, anche in relazione alle nuove procedure stabilite in base al d. l.vo 265/2006. Tali comportamenti riguardano la sicurezza in galleria in condizioni di traffico ordinario, ma anche le situazioni di emergenza che richiedono specifici profili comportamentali da parte degli utenti per garantire la sicurezza. La presentazione è stata tagliata anche sulla scorta della presentazione di un caso di incendio reale in galleria. Alessio Scopi (Vice direttore d’esercizio di ATIVA) ha illustrato i comportamenti alla guida che inficiano l’efficienza dell’esercizio. Antonio Pezzoli Ruini (responsabile del servizio traffico di Autocamionale della Cisa) ha fatto un ampio lavoro di correlazione tra i singoli comportamenti e casi reali avvenuti nell’esercizio dell’autostrada. Mauro Rivara ha richiamato l’attenzione dei presenti sulla campagna fatta tramite i 25.000.000 di messaggi di sicurezza messi sul retro dei biglietti da pedaggio. E’ in corso una verifica di “customer satisfaction” ed ha quindi presentato i risultati parziali, che per il momento si presentano piuttosto lusinghieri dell’interesse degli utenti sul tema della campagna. Sono state dibattute anche proposte operative per incrementare la visibilità pubblica della campagna. Roberto Arditi (SINA) ha moderato un dibattito conclusivo su: “Come migliorare la sicurezza stradale incidendo sul fattore umano” in cui i presenti hanno evidenziato nuove modalità operative su come la campagna può risultare più efficiente in termini di risultati attesi ed ottimizzazione dei costi tramite: Ritorno di esperienza dalle precedenti iniziative; Tematiche nuove tematiche che erano state tenute in considerazione dalle prime fasi della campagna; Ulteriori strumenti di comunicazione innovativi; Ulteriori canali di diffusione ed ampliamento della rete di collaborazione interaziendale; Miglioramento dei contenuti della campagna.    

    Leggi tutto >>
  • images/02_Formazione_1.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Formazione del personale operativo di Autostrada dei Fiori, Polizia Stradale, Vigili del Fuoco, Servizio 118 - “Interventi congiunti per emergenza in autostrada”

    di Monica Gallese – Autostrada dei Fiori

    Nella consapevolezza e convinzione che la formazione rappresenti sempre un momento di crescita sia per il personale coinvolto sia per quanti la realizzano, Autostrada dei Fiori, con la fattiva collaborazione dei Servizi di Pronto Intervento delle provincie di Imperia e Savona, si è fatta promotrice di un primo ciclo di formazione congiunta rivolto al personale operativo che, in caso di evento emergenziale, interviene in ambito autostradale, nonché al personale delle Centrali Operative, che rappresenta il fulcro di smistamento di tutte le informazioni e dei conseguenti interventi. L’esigenza di effettuare degli incontri che vedessero coinvolti contemporaneamente i tecnici presenti sul teatro di un incidente, è nata non solo da un dettame legislativo ben definito (il D.Lgs. 264 del 5 ottobre 2006 “Attuazione della direttiva 2004/54/CE in materia di sicurezza per le gallerie della rete stradale transeuropea”, all’allegato 2, Art. 3 – Misure riguardanti l’esercizio, Punto 3.1. Mezzi di esercizio, prevede che “Il personale addetto all’esercizio e i servizi di pronto intervento devono ricevere una formazione iniziale e continua adeguata”), ma anche da una collaborazione sempre più proficua e costante tra i Responsabili dei diversi Enti. Obbiettivo principale di questo primo ciclo di formazione congiunta è stato quello di ottimizzare le fasi di intervento, nell'ottica del miglioramento delle condizioni di sicurezza, non solo di quanti sono coinvolti nell'evento stesso, ma anche di chi inevitabilmente ne subisce le conseguenze. I responsabili di Autostrada dei Fiori, Polizia Stradale, Vigili del Fuoco e Servizio 118, durante i 4 incontri effettuati, hanno presentato ognuno la realtà di appartenenza, le modalità operative del proprio personale, le difficoltà e le esigenze che nascono quotidianamente durante lo svolgimento delle proprie mansioni. Alla fine di ogni incontro si è lasciato un ampio spazio per il dibattito, durante il quale c’è stato un aperto e sincero confronto.L’obbiettivo è stato indiscutibilmente centrato, considerati i numerosi spunti di miglioramento ed i suggerimenti che sono emersi da chi vive in prima persona gli eventi, che saranno presto integrati nelle procedure operative dei singoli Enti, nonché nel Piano di Emergenza Interforze. Questo primo ciclo si è svolto nei giorni 15 e 29 maggio a Imperia e 22 maggio e 5 giugno a Savona, è consistito in 2.112 ore di formazione congiunta erogate ed ha coinvolto circa 132 operatori. Ulteriori incontri sono già previsti per l’autunno di quest’anno. Autostrada dei Fiori, anche con la collaborazione del Responsabile della Sicurezza Ing. Roberto Arditi, ha approfittato dell’occasione di incontrare un così rilevante numero di addetti ai lavori per presentare la “Campagna per la Sicurezza Stradale – Mettiti alla guida della tua vita” e per far conoscere e divulgare il sito www.autostradafacendo.it.L’iniziativa ha catturato l’attenzione di molti che hanno accolto con interesse l’iniziativa di ricevere le newsletter del sito. Si ringraziano per la disponibilità e professionalità dimostrata i docenti:Claudio Fossati di Autostrada dei FioriSara Mancinelli della Polizia Stradale – Centro Operativo Autostradale GenovaAndrea Frumento della Polizia Stradale – Sezione di ImperiaGiuseppe Di Maria dei Vigili del Fuoco – Comando Provinciale di Imperia Pietro Raschillà dei Vigili del Fuoco – Comando Provinciale di SavonaRiccardo Sette dei Vigili del Fuoco – Comando Provinciale di SavonaMichelino Storto del Servizio 118 di ImperiaStefano Damele del Servizio 118 di Savona

    Leggi tutto >>
  • images/spazio_europeo_sicurezza.jpg

    Esercizio e tecnologie

    Uno spazio europeo per la sicurezza stradale

    di Marina Capocelli – Strade&Autostrade

    La Commissione Europea ha recentemente pubblicato i propri orientamenti per la sicurezza stradale validi per il periodo 2011-2020.Il documento presentato dalla Commissione riprende l’obiettivo del piano d’azione precedente, cioè ridurre del 50% il numero di vittime della strada. Il piano, terminato nel 2010, pur avendo conseguito buoni risultati non era completamente riuscito, in quanto solo alcuni Paesi avevano raggiunto l’obiettivo prefissato. I calcoli della Commissione, comunque, indicano che nel periodo 2001-2010 sono state salvate 78.000 vite grazie alle azioni intraprese.In media, ogni anno muoiono circa 30.000 persone sulle strade europee e 1.500.000 rimangono ferite; per la società questo ha un costo stimabile in 130 miliardi di Euro l’anno. La sicurezza stradale è un problema comune a tutti gli Stati membri e va quindi affrontato in maniera coerente e integrata a livello locale, nazionale ed europeo. Il documento presentato dalla Commissione si propone quindi di fornire alcune linee di indirizzo e alcuni obiettivi che gli Stati membri dovranno raggiungere, lasciando comunque una certa libertà sui metodi da utilizzare, secondo i principi della sussidiarietà.Le priorità individuate dalla Commissione sono tre: la messa in opera di una rete di cooperazione integrata a vari livelli (Governi, Polizie, ecc.) a livello europeo per lo scambio di informazione e buone prassi; l’individuazione di una strategia efficace in materia di primi soccorsi in caso di incidente; il miglioramento della sicurezza degli utenti particolarmente vulnerabili (motociclisti, ciclisti, pedoni).      

    Leggi tutto >>
  • images/Roma_3.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Roma TRE: autostradafacendo.it presentato agli studenti

    di Maria Rosaria De Blasiis, Roma Tre

    La Facoltà di Ingegneria dell’Ateneo di Roma TRE ha costituito un proprio “Comitato di indirizzo permanente”, un organo consultivo e di proposta, al quale partecipano non solo rappresentanti dell’ateneo, ma anche una pluralità di soggetti della realtà produttiva. Con la costituzione di tale organo l’istituzione accademica ha voluto promuovere un processo di condivisione di esigenze, conoscenze e competenze tra il mondo del lavoro ed il mondo della formazione universitaria. Fra le iniziative volte a potenziare l’offerta didattica e formativa accademica per gli allievi dei corsi di laurea in Ingegneria Civile e di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti, durante l’anno accademico, è stato organizzato un articolato ciclo di seminari che hanno affrontato una pluralità di temi di interesse del mondo delle infrastrutture e dei trasporti: dalla legislazione delle opere pubbliche, alle problematiche di mobilità stradale, sia urbana, sia extraurbana. I seminari sono stati tenuti da membri del Comitato portando quindi agli studenti l’esperienza tecnica, amministrativa e di esercizio di Enti ed Aziende del settore. Roberto Arditi, membro del Comitato di indirizzo, nel seminario “Il ruolo della comunicazione per la sicurezza stradale” partendo dal materiale della campagna sulla sicurezza stradale ha illustrato le statistiche del settore, le principali problematiche comportamentali che sottendono la sicurezza stradale, i criteri di comunicazione adottati dalla campagna “mettiti alla guida della tua vita”, le motivazioni alla base del progetto. La relazione si è conclusa con una sintesi delle raccomandazioni comportamentali e della campagna, giunta ormai a circa un anno di operatività, avendo già consolidato milioni di contatti tramite una molteplicità di media: dal sito ai biglietti da pedaggio, dai volantini ai quaderni per bambini, ai quotidiani e così via. L’obiettivo della lezione è quindi stato quello di stimolare un collegamento “tecnico-professionale” fra la realtà rappresentata - in parodia - dai personaggi della campagna, fra le situazioni illustrate nei fumetti e le corrispondenti figure tecniche, elementi progettuali o di verifiche dimensionali con i quali studenti e professori si confrontano quotidianamente nelle aule di lezione.

    Leggi tutto >>

Pagina 51 di 54

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

fotoFAI UNA SOSTA

fonte: SATAP

videoPolizia Stradale in azione: ostacolo in carreggiata e guida pericolosa

fonte: Moto.it

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e):  Rischi da prevenire

videoDe Magistris risponde ai tweet: al lavoro in bici contro il parere dei servizi di sicurezza

fonte: Radiobici

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e): Casi reali, testimonianze

videoMettiti il casco...(3)

fonte:  Campagna spagnola della DGT (Direzione generale del Traffico) per l'uso del casco

tipologia:

lingua: Spagnolo

categoria(e): Rischi da evitare, Drammatico, Giovani

videoTest 2012 senza cinture

fonte:  ACI-ADAC

tipologia: 

lingua: Italiano

categoria(e): Rischi da prevenire, passeggeri

videoCOMPILATION CON VIDEO DI INCIDENTI REALMENTE ACCADUTI

fonte: YOUREPORTER.IT

tipologia: Telecamera autostradale o cittadina

lingua: Non Disponibile

categoria(e): Artistico, Autostrada, Cantiere, Casi reali, Drammatico, Galleria

videoun ragazzo beve prima di guidare e perde la vita

fonte: TAC

tipologia: Amatoriale

lingua: Inglese

categoria(e): Drammatico, Giovani, Rischi da prevenire

videoVideo molto triste sugli incidenti mortali. Attenzione quando si è pedoni.

fonte: UK MINISTRY OF TRANSPORT

tipologia: Campagna

lingua: Inglese

categoria(e): Artistico, Città, Famiglie, Giovani, Rischi da prevenire

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

augusto

Q.V.M.S. QVOD VIAE MUNITAE SVNT

Le strade tra storia ed archeologia a 2000 anni da Augusto Imperatore

Clicca qui per scaricare l'ebook.

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>