Campagna per la Sicurezza Stradale

  • images/Una_mattina_vicino_casa_Immagine_4.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Il Servizio esazione di SATAP per autostradafacendo.it

    di Claudio Gozzoli - SATAP

    Ricordate? In questo articolo vi avevo raccontato del mio viaggio verso l'ufficio. Adesso sto arrivando: la meta si avvicina e, all’orizzonte, si staglia la barriera autostradale; solito traffico e qualche temerario (non mancano mai … purtroppo), che cerca di uscire in retromarcia da una pista automatizzata. Imbocco una corsia Viacard e mentre svolgo le operazioni che mi consentono di regolarizzare il transito, noto sulle cabine delle grandi e colorate locandine che raffigurano simpatici personaggi; basta un colpo d'occhio e dal disegno ho già colto una pillola di sicurezza. Ma io sono del mestiere e me la prendo comoda visto che la fortuna mi aiuta: nessun veicolo è fermo dietro di me. Leggo alcuni nomi: Edoardo Svelto, nella sua vivace divisa arancione e con un sorriso smagliante sembra volermi dire di essere attento nella guida, mentre un serioso Emanuele Giusto con tanto di paletta in mano, infonde un certo che di sicurezza. Memorizzo il sito internet www.autostradafacendo.it ed, appena giunto in ufficio … la curiosità è tanta e non resisto alla tentazione di visitarlo: una quantità impressionante di informazioni e consigli che riguardano il viaggiare sicuro in Autostrada e non solo, supportati da stupende e allegre vignette e testi che indicano cosa fare e, soprattutto cosa non fare in determinate situazioni. Tra queste, anche il caso che avevo notato poco prima (retromarcia da una pista) è illustrato molto bene. E poi, articoli riportati anche dai giornali nazionali che collaborano all’iniziativa, interviste a chi, di Codice della Strada se ne intende veramente molto, lezioni tenute nelle scuole da Direttori di Esercizio di alcune Concessionarie Autostradali e … tante altre cose.Si tratta di una campagna per la sicurezza stradale intrapresa da primari Enti e molte  Società Concessionarie di Autostrade, rivolta non solo agli attuali utenti, ma anche e in particolar modo a coloro che in futuro lo diventeranno: corsi e dibattiti all’interno delle scuole, tendono a sensibilizzare le nuove generazioni di automobilisti a un comportamento responsabile e rispettoso del Codice della Strada, confidando anche che questo sia un valido sistema per veicolare un tale modo comportamentale a chi, oggi, rappresenta il loro esempio.Mentre leggo, il pensiero va a quanti di noi e delle istituzioni si stanno impegnando per rendere  possibile una tale iniziativa e, soprattutto, a tutti coloro che, ogni giorno e con un lavoro a volte poco appariscente, ci assistono nei nostri spostamenti; il resto dipende dal comportamento. Dipende da chi viaggia e dal rispetto del Codice della Strada.Facciamo in modo che "l’interruttore della Vita" sia sempre sulla posizione “acceso”.

    Leggi tutto >>
  • images/Una_mattina_vicino_casa_Immagine_2.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Noi per Voi. Ma cosa è mai il servizio di assistenza al traffico?

    di Claudio Gozzoli - SATAP

    Finalmente entro in Autostrada. Sono partito in tempo, rientro nei tempi e posso quindi viaggiare senza forzare. Il primo Pannello a Messaggio Variabile mi dice il giorno, l’ora e la temperatura: penso con soddisfazione che il mio viaggio sarà tranquillo, altrimenti l’avviso sarebbe stato di ben altra natura. Il secondo pannello mi tranquillizza ulteriormente comunicandomi i tempi di percorrenza rilevati in tempo reale sull'autostrada. Ascolto alla radio le prime notizie della giornata, commentandole mentalmente, e mi permetto una riflessione su quanto siano importanti, per chi viaggia, le informazioni in tempo reale che i Concessionari Autostradali ed i vari Enti diramano sia via etere, sia via web, sia con l’ausilio delle scritte luminose sui portali che s’incontrano lungo il percorso.Più di una volta, grazie proprio alle informazioni, ho evitato soste forzate causate da incidenti ed, esperienza recente, anche un ostacolo in carreggiata. In quest’ultimo caso solo fortuna? Non penso. Come dicevano gli anziani: "uomo avvisato, mezzo salvato" quindi: informazione è … sicurezza. Qualche chilometro più avanti, la scritta lampeggiante di un altro pannello raccoglie la mia attenzione; una lettura completa del messaggio mi porta a capire che, questa volta, il contenuto è tutt’altro che rassicurante: si tratta di un incidente con l'ovvia possibilità che si formino rallentamenti e code.Egoisticamente, solo per un attimo, penso al mio viaggio. Mi chiedo se arriverò per tempo in ufficio. Subito però il pensiero si rivolge a chi, in quell’evento è rimasto coinvolto, con la speranza che i danni siano solo materiali.Nemmeno un chilometro e trovo sul margine un veicolo di emergenza della SATAP con lampeggianti accesi e munito di segnale attivo come ulteriore avviso di pericolo; più avanti, i professionisti della strada: persone avvolte in divise ad alta visibilità. Sono Ausiliari delle Viabilità che, coadiuvati da un loro responsabile, sventolano bandiere segnaletiche e fanno rallentare il traffico, incanalandolo in una sola corsia.Ovunque, vedo già i mezzi dei servizi di pronto intervento e poi le due vetture incidentate.Ancora una volta, il primo pensiero è per gli occupanti dei mezzi coinvolti, ma subito dopo penso con soddisfazione a come un tale sistema di soccorso ed assistenza si sia attivato in tempo così breve, grazie all’integrazione operativa dei vari organi competenti ed alla professionalità dei loro componenti.Quanto sopra descritto, rispecchia la realtà di un viaggio qualsiasi in un giorno qualunque; comportamenti dettati da un’euforia momentanea e che penso non si sarebbero intrapresi con il senno del poi, possono innescare situazioni altamente pericolose quando non drammatiche.Inoltre è interessante come interventi di grande complessità vengono svolti grazie al lavoro di persone che devono essere perfettamente coordinate tra di loro e professionalmente preparate, anche grazie ai continui corsi di formazione e di aggiornamento ai quali vengono coinvolte. Persone non sempre visibili ma che offrono il proprio essenziale contributo per la sicurezza della circolazione, per la tua sicurezza personale.Guarda alcune delle vignette di autostradafacendo.it che riguardano il sevizio autostradale:NON RISCHIARE: CHIAMACI CHIAMA! CI FAREMO IN QUATTRO PER AIUTARTI NOI NON PARTIAMO E DAREMO IL MASSIMO

    Leggi tutto >>
  • images/Prove_sicurezza_imm_1.JPG

    Costruzione e crash test

    Prove di sicurezza: guarda lo schianto di un veicolo in ambiente autostradale

    di Claudio Ardemagni - SINA

    Le barriere di sicurezza non sono solo sbarre di ferro e lamiere: sono ormai il frutto di una tecnica raffinata che parte dalla progettazione meccanica, passa per la simulazione numerica dell'impatto ed arriva a prove di verifica che permettono di valutare e misurare dal vero la prestazione della barriera di sicurezza e tutti parametri che influiscono sulla sicurezza dell'urto (accelerazioni sul veicolo, deformazione della barriera, ecc.).  Guarda la prova di impatto che il gruppo ASTM-SIAS ha fatto per validare una barriera ad alte prestazioni atta a separare le due carreggiate in ambiente autostradale (modello SINA - classe di contenimento H4B - ancorata al terreno con piastra bullonata). {wmv}articoli/Sina_Spartitraffico_Auto{/wmv} La prova è stata realizzata con i seguenti criteri:   Utilizzo di un veicolo leggero (autovettura da 900 kg) Velocità al momento dell'impatto: 100 km/h Angolo d'urto: 20°   Come è ben visibile dal video, la barriera ha una ampia potenzialità per fare fronte a questo tipo di impatto e la soluzione di riservare due diversi nastri di acciaio permette di avere un trattamento differenziato tra i veicoli pesanti che richiedono una elevato contenimento e le autovetture che trovando lamiere più deformabili e quindi subiscono delle decelerazioni meno violente.

    Leggi tutto >>
  • images/Una_mattina_vicino_casa_Immagine_1.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Una mattina, vicino a casa …

    di Claudio Gozzoli - SATAP

    Un’alba stupenda fa brillare le alte vette che circondano il mio grazioso paesino montano. Ogni giorno d'estate, alle prime luci, salgo a bordo della mia vettura ed intraprendo un discreto viaggetto per andare in ufficio.Come al solito il paesaggio che mi circonda è coinvolgente; l’ho ammirato migliaia di volte ma, ogni giorno, mi riserva sempre qualche sorpresa e, devo ammetterlo, mi infonde quella serenità di cui ho bisogno per affrontare la giornata. Oggi è poi giorno di mercato ed i mezzi carichi di merce arrancano ruggendo lungo i tornanti e vincolano tutti ad una velocità ridotta. Il traffico, nonostante l’ora, diventa sempre più intenso; furgoni, vetture, autobus di linea e anche autoarticolati che trasportano lunghi tronchi o macchinari pesanti reclamano il loro diritto a viaggiare, ma la sede stradale è quella e non la si può allargare o raddrizzare a seconda delle esigenze e la montagna … tanto meno. Ecco che, all’improvviso, ogni beato torpore e la sicura circolazione vengono cancellati dall’insensata manovra di qualcuno che si crede un mancato campione di rally, ma che evidentemente non lo è.Eccolo: un sorpasso sotto curva, un sorpasso in una curva cieca per chi viaggia nel senso opposto. Un pilota che manca completamente di rispetto per se stesso e per gli altri ancor prima di ignorare il significato della doppia striscia continua.Purtroppo è una manovra che più volte ho avuto la sfortuna di notare; un comportamento pazzesco che mette a repentaglio non solamente la vita di chi lo compie, ma anche e soprattutto, quella di altre ignare e incolpevoli persone; e poi perché tutto questo? Per guadagnare un po’ di secondi sull’orario di arrivo? Mah! Chissà quanto, lui stesso, si riterrebbe un idiota se si fermasse un attimo a riflettere sulla realtà e sui rischi, lasciandosi alle spalle le emozioni del momento.Guarda alcune delle vignette di autostradafacendo.it che riguardano alcuni comportamenti a rischio: LA VELOCITÀ LA DISTANZA DI SICUREZZALA NEBBIALE CATENE DA NEVE

    Leggi tutto >>
  • images/Min.Salute.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Mettiti alla guida della tua vita: il Ministero della Salute concede il Patrocinio - le statistiche del Ministero sull'uso di alcolici

    di Assunta De Pascalis - SINA

    Con lettera in data 5 giugno 2012 il Ministero della Salute ha concesso il patrocinio alla campagna per la sicurezza stradale “Mettiti alla guida della tua vita” che in un anno di operatività ha visto un crescendo dei partner tra operatori e istituzioni. In questi giorni è stato il Ministero della Salute che ha un questo modo ha voluto riconoscere il valore sociale e l'importanza di iniziative atte a sensibilizzare gli utenti sull'adozione di comportamenti responsabili alla guida. I costi dell'insicurezza stradale sono infatti pesantissimi sulla nostra società, non solo negli ovvi termini di un dolore e danno ai singoli individui ed alle famiglie, ma anche in termini di impatto sul sistema sanitario nazionale. Questo non è un problema solo Italiano. Le Istituzioni Europee hanno stilato il Programma Comunitario di Sanità Pubblica (2008-2013). Tale documento, considerato anche il globale invecchiamento della popolazione europea, ha individuato tra le priorità del proprio approccio strategico, la promozione della salute lungo tutto l'arco della vita come azione strumentale per prevenire malattie e disabilità fin dalla più giovane età. A tale riguardo l'Unione Europea indica l'esigenza di intervenire sui principali fattori di rischio: gli incidenti stradali sono chiaramente identificati anche in questo quadro, insieme alle altre priorità in ambito nutrizionale, attività fisica, consumo di alcol, droghe e tabacco, rischio ambientale, e incidenti domestici. Una pubblicazione del Ministero della Salute denuncia come in Italia stia crescendo la diffusione di comportamenti a rischio lontani dalla tradizione nazionale, quali i consumi fuori pasto e in quantità non moderate, le ubriacature e il binge drinking, soprattutto tra i giovani. Il 9,4% della popolazione consuma alcol quotidianamente in quantità non moderate e il 15,9% lo consuma senza rispettare le indicazioni degli organi di tutela della salute. Comportamenti particolarmente a rischio quali il binge drinking sono diffusi in particolare nella popolazione maschile di 18-24 anni (22,1%) e di 25-44 (16,9% ). Risulta in costante aumento la prevalenza delle donne consumatrici. I giovani al di sotto dei 30 anni rappresentano il 10% degli utenti in trattamento nei servizi alcologici territoriali del SSN. È elevato tra i giovani il numero di morti e feriti negli incidenti stradali, che si stimano correlati all'alcol in percentuali variabili a seconda della fonte (nel 2007, 29.672 feriti di 30-34 anni e 432 morti di 25-29 anni). Gli incidenti stradali rilevati come causati da abuso di alcol hanno registrato quasi 2000 casi in più tra il 2006 e il 2007, nonostante la diminuzione del totale degli incidenti. Nell'ultimo decennio, in concomitanza con la progressiva applicazione delle normative europee recepite dal d.lgs 626/94 in poi, si è assistito ad una costante erosione del numero degli infortuni totali e degli infortuni mortali, con aumento in questo caso di quelli che avvengono durante la guida in strada (circa 50%), ma il dato continua ad essere significativo e da correlarsi con i livelli di occupazione. Tra le molte azioni del Ministero, anche campagne di informazione pubbliche sulla sicurezza stradale non sono solo un’azione etica di sensibilizzazione dei cittadini sul tema della sicurezza stradale, ma anche uno strumento importante per migliorare la sicurezza complessiva sulle nostre strade e ridurre il conseguente impatto sul sistema sanitario.

    Leggi tutto >>
  • images/Immagine_biglietti.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Esodo estivo: al via ulteriori 10 milioni di messaggi di sicurezza

    di Assunta De Pascalis - SINA

    Il gruppo ASTM-SIAS prosegue la sensibilizzazione dei clienti autostradali sul tema della sicurezza stradale, attraverso una nuova iniziativa della campagna informativa per la sicurezza stradale “Mettiti alla guida della tua vita”.Erano già in fase di diffusione circa 25 milioni di messaggi di sicurezza (vedi articolo). Per far fronte all'esodo estivo, Autostrada dei Fiori e SALT hanno messo in campo ulteriori 9.2 milioni di messaggi di sicurezza, secondo il noto schema per cui il gruppo ASTM-SIAS ha individuato il retro dei biglietti da pedaggio come uno dei principali vettori di comunicazione e diffusione dei messaggi di legalità e sicurezza stradale. Sulle diverse autostrade gestite dal gruppo ASTM-SIAS, tra i messaggi in distribuzione e quelli già distribuiti si raggiunge un quantitativo di 33.635.000 messaggi di sicurezza.I messaggi di sicurezza sono riportati in questa sezione del sito www.autostradafacendo.it.

    Leggi tutto >>
  • http://i3.ytimg.com/vi/l_eiP8sk_KQ/default.jpg

    Video

    Truck accident caught on police camera Motorway M621

    di West Yorkshire Police (England)

    fonte: West Yorkshire Police (England) tipologia:  lingua: Inglese categoria(e): Buoni comportamenti, Autostrada, Professionisti della guida, Casi reali

    Leggi tutto >>
  • http://i3.ytimg.com/vi/r_Ed8lf1IPA/default.jpg

    Video

    How to Play Highway Mattress Chicken

    di

    fonte:  tipologia:  lingua: Inglese categoria(e): Rischi da prevenire, autostrada, casi reali

    Leggi tutto >>
  • images/MIT_educazione_prevenzione_giovani.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Sicurezza stradale, MIT firma accordi per educazione e prevenzione giovani

    di Sergio Dondolini e Paola Calamani - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

    Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in occasione della quarta Giornata Europea della Sicurezza Stradale che si celebrata il 25 luglio 2012, ha rafforzato il proprio impegno a favore dell’educazione sulle strade che, dopo gli sforzi degli ultimi anni, ha portato a risultati significativi. Nel corso del 2011 il numero di incidenti mortali (fonte Istat) si è ridotto a 3.280 a fronte dei 4.090 del 2010 e dei 4.237 dell’anno precedente. Nel 2001 i decessi furono addirittura 7.096. Si è registrato, pertanto, nel decennio 2001-2010 una riduzione della mortalità del 42,4%.I dati sono stati oggetto di confronto nel corso della conferenza stampa che si è svolta questa mattina presso la sede del Ministero alla presenza del Vice Ministro, Mario Ciaccia, durante la quale sono state illustrate varie iniziative in materia di educazione stradale che hanno come tema ricorrente il coinvolgimento delle giovani generazioni. Il nuovo Programma europeo 2011-2020 sulla sicurezza stradale individua, infatti, tra i sette obiettivi strategici da perseguire nel decennio quello di “Rafforzare l'istruzione e la formazione per gli utenti della strada” e in tale quadro sono stati implementati gli sforzi volti alla sperimentazione di nuovi moduli educativi, prevedendo importanti sinergie con varie istituzioni pubbliche, con le quali sono stati perfezionati, nel corso dell’evento, i relativi accordi. In particolare, sono stati firmati protocolli con: l’Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale, Antonello Aurigemma, per la realizzazione di un progetto che vede il coinvolgimento dell’Agenzia Roma servizi per la mobilità. Il progetto, denominato “Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada” si rivolge agli alunni della scuola secondaria di primo grado e coniuga i temi più classici della sicurezza stradale con quelli che riguardano il trasporto pubblico, la mobilità sostenibile e la crescente esigenza di realizzare un sistema di mobilità intelligente; la Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale, per porre in essere una serie di iniziative volte al miglioramento dei livelli di sicurezza della circolazione, a partire dai progetti nei settori dell’educazione, comunicazione e informazione; la Croce Rossa Italiana, per la realizzazione di un progetto per il triennio della scuola secondaria superiore volto ad accrescere la conoscenza e la consapevolezza dei rischi connessi alla circolazione stradale e a trasmettere le motivazioni per rispettare le regole, cercando di cambiare gli atteggiamenti e i comportamenti rischiosi già posti in essere; il Comitato Paralimpico Italiano, per la realizzazione di iniziative congiunte nel settore dell’educazione, ivi compresa la sponsorizzazione del cartone animato che verrà presentato alla Paralimpiade di agosto 2012 e che, vertendo su temi di sicurezza stradale, sarà poi suscettibile di utilizzazione nelle scuole a scopo didattico; la Federazione Italiana Pallacanestro per la realizzazione di iniziative comuni nel settore dell’educazione e, in primo luogo, un progetto rivolto ai primi due anni delle scuole secondarie superiori, che ha come obiettivo quello di trasmettere informazioni e conoscenza, con particolare riguardo alle situazioni di rischio; la Federazione Motociclistica Italiana per prorogare accordi già in essere dal 2008 in ordine a iniziative di educazione all’uso corretto e sicuro delle due ruote; l’Associazione Nazionale Autieri d’Italia, che già svolge attività didattica nel settore da numerosi anni, per la realizzazione di iniziative congiunte nelle scuole di ogni ordine e grado, prima tra tutte la diffusione del progetto per le scuole elementari già sperimentato con successo dal Ministero nell’anno scolastico 2011/2012. “L’educazione stradale e la consapevolezza dei rischi che si possono correre alla guida è una delle migliori armi di prevenzione che abbiamo, soprattutto per tutelare i più giovani” ha dichiarato il Vice Ministro Mario Ciaccia. “Per questo oggi abbiamo firmato ben 7 accordi, ognuno dei quali, nel prossimo anno scolastico, permetterà la sperimentazione di specifiche iniziative di educazione e formazione. Anche se le statistiche segnalano una riduzione degli incidenti, c’è ancora molto da fare su questo fronte, che deve vedere l’impegno comune di istituzioni, scuole e associazioni” ha concluso Ciaccia.

    Leggi tutto >>
  • images/Imm_Il_Secolo_XIX_nuovo_Partner.JPG

    Esercizio e tecnologie

    Edoardo Svelto corre in Liguria. Nuovi partner tra i media nazionali.

    di Assunta De Pascalis - SINA

    La campagna "mettiti alla guida della tua vita" guadagna nuovi partner tra i media nazionali.Ha aderito alla campagna per la sicurezza stradale il gruppo multimediale composto dal quotidiano "Il Secolo XIX" e "Radio 19", più l'area digitale che comprende anche i siti dedicati allo shipping e i prodotti digitali su piattaforma mobile. Le vignette della campagna sono oggi disponibili anche sul sito del quotidiano genovese.

    Leggi tutto >>

Pagina 51 di 55

Multimedia

Guarda le immagini raccolte dal Gruppo ASTM-SIAS e le campagne disponibili in rete

videoCosa vuoi che mi succeda andando in bicicletta?

fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

tipologia: Campagna

lingua: Italiano

categoria(e):Rischi da prevenire

videoPillole di sicurezza stradale - noi per voi

fonte: Autostradafacendo

tipologia: Campagna di sensibilizzazione

lingua: Italiano

categoria(e): Buoni comportamenti, Giovani, Rischi da prevenire

videojapp police car

fonte: Web

tipologia: Spot

lingua: Inglese

categoria(e):  Divertente

videoLa distrazione che uccide

fonte:  campagna francese per la sicurezza stradale.

tipologia:

lingua: Francese

categoria(e): Rischi da evitare, Drammatico

videoRAGAZZI CHE PER SUPERARE UN CAMION NON PRESTANO ATTENZIONE AI LIMITI DI VELOCITA'

fonte: MINISTERSTVO DOPRAVY

tipologia: Campagna

lingua: Repubblica Ceca

categoria(e): Giovani, Rischi da prevenire

videoVIDEO IN CUI UN GENITORE NON ARRIVA A PRENDERE IL FIGLIO A SCUOLA PERCHE' NON INDOSSA LA CINTURA DI SICUREZZA

fonte: ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE C. LORENZINI

tipologia: Amatoriale

lingua: Italiano

categoria(e): Città, Luoghi comuni, Rischi da prevenire

videoUN GOMMISTA FACNDO PUBBLICITà ALLA SUA AZIENDA ILLUSTRA TUTTE LE ULTIME INNOVAZIONI TECNOLOGICHE NEL CAMPO DELLE COMME E NE ESPLICA L'IMPORTANZA

fonte:

tipologia: IN

lingua: Italiano

categoria(e): Buoni comportamenti, Prefessionisti della guida

videoincidente causato dall' alcool.

fonte:

tipologia: Amatoriale

lingua: Inglese

categoria(e): Drammatico, Giovani, Rischi da prevenire

Statistiche Approfondisci >>
Aiutaci a diffondere la Sicurezza
Abbiamo bisogno del contributo di tutti per diffondere la cultura e le pratiche della Sicurezza sulle strade.

Scopri come collaborare con noi in questa importante missione >>

Seggiolino-336X280

Iscriviti alla newsletter
Abbiamo bisogno di te per diffondere la cultura della sicurezza. Resta collegato. Scopri come >>

augusto

Q.V.M.S. QVOD VIAE MUNITAE SVNT

Le strade tra storia ed archeologia a 2000 anni da Augusto Imperatore

Clicca qui per scaricare l'ebook.

Credits

Chi ha contribuito a ideare, realizzare e diffondere questa campagnaScopri >>

 

Diventa partner della campagna


Scopri come >>